Call for Papers – Digital Humanities. Metodologie, progetti, applicazioni (CSIS 2016)

Dopo una fruttuosa trasferta a Sorrento nel giugno scorso, nel 2016 la Canadian Society for Italian Studies organizzerà la sua conferenza annuale a Toronto, dal 13 al 16 maggio. Sarà come sempre l’occasione per fare il punto sulle ricerche in corso e sui nuovi progetti che sono stati avviati, oltre che per tirare le somme di quelli che si avviano a essere conclusi, in Europa e Oltreoceano. Nella prossima edizione della conferenza, ci sarà spazio anche per le Digital Humanities: in collaborazione con la Prof.ssa Sandra Parmegiani, presidentessa della CSIS, stiamo organizzando un panel per accogliere proposte di comunicazione inerenti gli Italian Studies nell’era digitale.

L’obiettivo è quello di fare il punto sulle prospettive che le moderne tecniche di text encoding possono schiudere anche per gli studi di italianistica. Ecco dunque qui di seguito il Call for Papers relativo al panel:

 

Digital Humanities. Metodologie, progetti, applicazioni 

Andrea Penso & Sandra Parmegiani, Université de Grenoble  / University of Guelph 

Negli ultimi anni stiamo assistendo, su scala internazionale, a un tumultuoso sviluppo delle Digital Humanities, che sembrano offrire alla ricerca vantaggi notevolissimi, spesso preclusi alle metodologie tradizionali. Le opportunità concesse dai nuovi approcci digitali sono molteplici: dalle indicizzazioni di tipo tematico, alla catalogazione e visualizzazione dei materiali in modo dinamico, per tipologia e contenuto, secondo l’individuazione di parole chiave, o al tag dei lemmi per la suddivisione degli stessi in campi semantici differenziati. Allo stesso modo, anche i possibili output di queste nuove metodologie sembrano pressoché illimitati, spaziando dalle « semplici » edizioni di testi o di corpora, all’individuazione di reti di influenza di testi e generi, fino allo studio del processo di genesi ed evoluzione delle opere attraverso la riproduzione e l’esegesi delle varianti d’autore, con l’opportunità di più approfondite indagini di carattere stilistico e lessicale. Come si stanno rapportando gli studi di italianistica con queste innovazioni tecnologiche e metodologiche? Nuovi progetti digitali stanno proliferando anche nel settore degli Italian Studies e il panel vuole accogliere comunicazioni inerenti a piani di edizioni digitali in corso e casi singoli di studio, presentazione di gruppi di lavoro impegnati in processi di digitalizzazione o in esperienze di applicazione delle nuove tecnologie, collaborazioni volte al confronto di metodi e realizzazioni digitali per procedere nella conoscenza e nella risoluzione comune di problemi generali. Si vuole in questo modo aprire un tavolo di confronto volto a fare il punto sugli sviluppi e sulle prospettive future della disciplina. Si prega di inviare un abstract di circa 200 parole, corredato di un breve profilo biografico (circa 100 parole) a Andrea Penso andrea.penso@u-grenoble3.fr e Sandra Parmegiani sparmegi@uoguelph.ca entro il 15 gennaio 2016.

 

Il programma, provvisorio, della conferenza è consultabile al sito http://canadiansocietyforitalianstudies.camp7.org/2016-Conference


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *