Il Canzoniere digitale: Petrarchive

Negli Stati Uniti è in corso un progetto che è riuscito a collegare in maniera brillante gli studi d’italianistica con il mondo della filologia digitale. Di cosa si tratta? Ce lo spiega Isabella Magni, membro del team che sta lavorando a « Petrarchive », l’iniziativa di text encoding che prevede la realizzazione dell’edizione digitale del Canzoniere di Petrarca. Il progetto è consultabile al sito http://dcl.slis.indiana.edu/petrarchive/ , ed entro la fine di Novembre 2015 ci sarà una new release del sito aggiornato con tutti i nuovi materiali preparati a partire da ottobre 2014. Ecco dunque, qui di seguito, la piacevole chiacchierata che ho avuto modo di condividere con Isabella, tra DH, medievistica e progetti per il futuro.

Andrea Penso : Chi è Isabella Magni? Come ti sei avvicinata alle DH?

Isabella Magni : Sono una dottoranda in studi medievali e digital humanities all’Indiana University a Bloomington, una piccola città universitaria in Indiana (USA). Il mio percorso accademico non è stato dei più “tradizionali”. Mi sono laureata, triennale e specialistica, in lingue e letterature straniere all’ Università Cattolica di Milano e sono giunta agli studi d’italianistica proprio dopo l’arrivo negli Stati Uniti. Ironico, lo so. Negli ultimi cinque anni mi sono specializzata in letteratura medievale e primo-rinascimentale collaborando con il Professor H. Wayne Storey, un rinomato studioso di Petrarca nonché co-editore del facsimile dell’olografo parziale del canzoniere petrarchesco Vaticano Latino 3195 (2003-2004 ed. Furio Brugnolo, Gino Belloni, Stefano Zamponi e Wayne Storey).

Mi sono avvicinata alle Digital Humanities tre anni fa, nel gennaio 2013, quando il Prof. Storey mi ha proposto di collaborare al progetto di edizione digitale del Rerum Vulgarium Fragmenta che stava intraprendendo con il Prof. John Walsh, uno dei maggiori specialisti di studi digitali. Una vera fortuna per una “giovane” ricercatrice come me, che stava muovendo i primi passi nel mondo della professione accademica. Ho iniziato la collaborazione come semplice encoder, diciamo da quasi-autodidatta, con il supporto costante di John Walsh. È stato sorprendentemente semplice capire il mondo della marcatura digitale: all’ inizio mi sembrava un sistema oscuro e complicato ma si è rivelato essere un linguaggio con regole molto chiare e trasparenti. Dopo i primi mesi di lavoro di encoding la mia collaborazione con il progetto è accresciuta fino a diventarne membro stabile, responsabile di formare e gestire il gruppo di encoders, nonché di continuare con il lavoro attivo di costruzione del sito.
A. P. : In cosa consiste il progetto Petrarchive? Da dove nasce l’idea e chi la promuove?

I. M. : Petrarchive è un’ edizione digitale di una delle icone della letteratura italiana, il Rerum Vulgarium Fragmenta di Francesco Petrarca. Propone un nuovo approccio che mira a mantenere le scelte del poeta in termini di testi e di poetica visiva al centro dell’edizione. Per la prima volta, sfruttando le potenzialità dello strumento digitale, i lettori avranno la possibilità di accedere alle immagini a colori e in alta definizione dell olografo parziale Vaticano Latino 3195, e alle trascrizioni diplomatiche e “normalizzate” dei testi. Il tutto, in un’unica pagina web (cosa che, per ovvie ragioni materiali, sarebbe impraticabile in un’ edizione a stampa). Oltre al testo dell’olografo parziale, verranno introdotte, in una fase successiva, trascrizioni tratte dai maggiori testimoni della prima tradizione manoscritta del canzoniere, scelta in linea con la volontà di tenere fede il più possibile al lavoro, non terminato, di Petrarca. Oltre ai testi, il progetto propone tre visual index che permetteranno un accesso senza precedenti alla struttura e all’organizzazione del manoscritto, una timeline interattiva, un glossario, note al testo e, in futuro, una traduzione in inglese dei testi. Gli strumenti digitali di encoding ci hanno permesso di rappresentare anche i momenti più “instabili” del testo: rasure, sovrascritture e correzioni addotte dalla mano del poeta stesso. Lo spazio digitale ha inoltre consentito di mantenere per la prima volta in un’edizione moderna la poetica grafico-visiva scelta appositamente da Petrarca presentando, per esempio, il genere sonetto con lettura orizzontale su sette linee di trascrizione, due versi per linea. Questa scelta editoriale presenta per la prima volta al lettore contemporaneo il testo nella sua veste autentica petrarchesca e non in quella rinascimentale della lettura verticale di quattordici versi, divenuta ormai canonica in ogni edizione dei Fragmenta. L’idea del progetto è nata da più di vent’anni di studi petrarcheschi del Prof. H. Wayne Storey dell’Indiana University e dalla collaborazione con John Walsh, ideatore del TEI Boilerplate. Un finanziamento dell’Indiana University prima (New Frontiers Start-up Grant 2013) e l’ assegnazione della prestigiosa NEH Scholarly Editions Grant (2014-2017) poi, hanno permesso al progetto di avere i fondi sufficienti per svilupparsi e auto-sostenersi.

 

A. P. : Che metodologie state utilizzando per l’encoding? Quali sono le difficoltà che incontrate?

I. M. : Gli standard di encoding che utilizziamo per l’ edizione sono quelli del Text Encoding Initiative (TEI), mentre per la visualizzazione di caratteri e varianti grafiche medievali (in particolare nella trascrizione diplomatica del testo) facciamo riferimento al Medieval Unicode Font Initiative (MUFI). Le difficoltà che incontriamo sono principalmente legate alla natura del testo petrarchesco ricco di ripensamenti, rasure e interventi a posteriori del poeta. Abbiamo spesso dovuto inventare nuove soluzioni nella marcatura digitale del testo per essere in grado di rappresentare le scelte grafico-visive e testuali di Petrarca: per esempio, la necessità di visualizzare alla carta 26 recto sia la ballata Donna mi viene spesso nella mente, trascritta dal copista Giovanni Malpaghini e successivamente cancellata da Petrarca, che il madrigale Or vedi amor che giovenetta donna ad essa sovrascritto. L’ utente di Petrarchive ha per la prima volta la possibilità con un semplice click di visualizzare il testo della ballata soggiacente, completamente ignorato da tutte le edizioni moderne. Devo ammettere che i momenti in cui le scelte di Petrarca ci “costringono” a dover trovare nuove soluzioni di encoding, sono anche i momenti più gratificanti e, sembra incredibile, ci aiutano a trovare nuove chiavi di accesso e interpretazione di un testo (i Fragmenta) che è stato studiato e analizzato per secoli.
A. P. : Che obiettivo vi siete prefissi?

I. M. : Il nostro obiettivo è molto semplice: proporre un’ edizione del Rerum Vulgarium Fragmenta che rispetti in maniera più autentica e trasparente possibile l’infaticabile lavoro di Petrarca non solo a livello testuale ma anche a livello di poetica grafico-visiva. Speriamo che l’ edizione spinga a ripensare il modo in cui leggiamo un testo così fondamentale della storia culturale europea e che diventi uno strumento di lavoro per specialisti, ricercatori, professori e studenti, traduttori e utenti di ogni tipo. Per questo motivo, l’edizione sarà completamente open access.
A. P. : Che risposta state ottenendo nell’ambito degli studi di italianistica?

I. M. : In questi tre anni abbiamo presentato il progetto in diverse conferenze nazionali e internazionali sia per promuoverlo sia per ricevere commenti e suggerimenti da addetti ai lavori e utenti meno specializzati. Essendo ancora un work in progress ogni commento, positivo o negativo che sia, ci aiuta a capire come migliorare il progetto e come renderlo più efficace per il nostro scopo. Devo dire che la ricezione è stata finora assolutamente positiva, e ne siamo estremamente contenti. Speriamo di riuscire a raggiungere un pubblico sempre più ampio, compresa la realtà accademica italiana.

 


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *