Il manoscritto delle lettere di Giacomo Passano: verso un’edizione digitale

In questo post vorrei presentarvi le prime fasi del progetto di edizione digitale del manoscritto Lettere del 1743 fin’al 1750 di Giacomo Passano, conservato presso la Bibliothèque universitaire de Droit-lettres dell’Université Grenoble Alpes: l’analisi codicologica, strutturale e contenutistica del manoscritto, così come la trascrizione e la codifica in XML TEI delle prime 25 carte (corrispondenti alle lettere degli anni 1743 e 1744), hanno costituito l’oggetto del lavoro di tirocinio che ho svolto all’interno di Fonte Gaia tra novembre e marzo.

Un manoscritto sconosciuto, come del resto quasi sconosciuto è il suo autore…

***

Le lettere di Giacomo Passano

Delle Lettere del 1743 fin’al 1750, poco si sa: non si ha nessuna informazione sulle circostanze in cui è stato scritto e su come sia pervenuto al suo attuale luogo di conservazione, la Bibliothèque universitaire de Droit-lettres. Poco di più si sa sul suo autore, Giacomo Passano (m. ca. 1772), conosciuto anche come Ascanio Pogomas o Cosimo d’Aspagona (pseudonimi ottenuti anagrammando il nome): l’unico contributo critico risale al 1933, quando Bruno Brunelli gli dedicò un saggio dal titolo Avventurieri minori del Settecento. Giacomo Passano. In queste poche pagine apprendiamo che Giacomo Passano, figlio di un ufficiale genovese al servizio della Prussia, fu attore e direttore teatrale (per diversi anni legato alla compagnia di Antonio Sacchi), poeta e pittore, avventuriero e viaggiatore: Vienna, Linz, Salisburgo, Zurigo, Basilea, Francoforte, Lione, Barcellona e Madrid sono solo alcune delle tappe dei continui viaggi che Passano compì a partire dagli anni Quaranta del Settecento. Sappiamo anche che egli s’inserì nella polemica intercorsa tra Pietro Chiari e Carlo Goldoni (tra i corrispondenti del suo epistolario), componendo una serie di sonetti contro l’abate Chiari, raccolti poi nella Chiareide: l’opera rimase inedita, a quanto riporta Brunelli, a causa della mediocrità e volgarità che la caratterizzavano. Di questo avviso era anche Giacomo Casanova, come Passano scrittore, avventuriero e viaggiatore (anche se di altra fama e di altro spessore): nelle sue memorie, Casanova riferisce di aver letto i sonetti della Chiareide e di averli trovati «mediocri, e quando un sonetto è mediocre è brutto, perché il sonetto, per essere tale, deve essere molto bello, anzi bellissimo». I due, conosciutisi a Livorno nel 1760, s’incontrarono a più riprese in Italia e in Francia, consolidando un rapporto di aspra antipatia, maturato a suon di denunce, calunnie e insulti reciproci: «due avventurieri, come due ladri, vanno raramente d’accordo», scrive Bruno Brunelli.

Se questo contributo critico e le memorie di Casanova (da leggere con il filtro della consapevolezza della loro faziosità) ci aiutano a ricostruire la vita e le attività di Passano a partire dalla metà degli anni Cinquanta del Settecento, non si può dire lo stesso per l’epoca a cui risalgono i fatti riferiti nel manoscritto conservato alla Bibliothèque Droit-lettres:
il saggio di Brunelli si basa infatti sullo studio di due raccolte di lettere posteriori al 1757 e di un esemplare della Chiareide, mentre l’epistolario conservato nella biblioteca universitaria copre un arco temporale che va dal 1743 al 1750.
Dalla descrizione dello studioso, possiamo tuttavia riconoscere alcune similitudini tra i due manoscritti: in entrambi i casi si tratta principalmente di lettere indirizzate ad amici, molti dei quali legati al mondo del teatro, inframezzate da note diaristiche e testi poetici. Attraverso la lettura del testo possiamo ricostruire la figura di Passano nelle sue diverse sfaccettature: la vita itinerante e randagia dell’attore, la preparazione e la realizzazione degli spettacoli, le relazioni sentimentali e gli incontri fortuiti, le letture e gli interessi per l’esoterismo.

manoscritto di passanoDal punto di vista delle coordinate spaziali sappiamo, da una prima ricognizione sul testo, che Passano a quell’epoca viaggiò soprattutto nel nord e nel centro Italia, spostandosi verso mete europee solo alla fine degli anni ’40 (tra le altre: Vienna, Salisburgo, Zurigo, Basilea, Magonza, Francoforte). Non chiare sono le circostanze in cui il manoscritto sia giunto a Grenoble, città che ospita nella sua biblioteca municipale un esemplare di un altro dei suoi lavori, la Chiareide. Da Brunelli veniamo a sapere che il manoscritto da lui studiato era giunto in Francia presso una suora discendente da una famiglia piemontese e che a metà dell’Ottocento era entrato in possesso del canonico Bergeret, cappellano delle prigioni di Grenoble: forse gli era stato affidato da qualcuno degli italiani emigrati nei difficili giorni dei moti piemontesi del 1921. Possiamo solo ipotizzare che Lettere del 1743 fin’al 1750 abbia subito la stessa sorte. Tra questi dubbi insoluti emerge tuttavia una certezza: il manoscritto non è che un singolo anello di una più ampia catena: l’epistolario in possesso di Brunelli viene infatti identificato dall’autore, nel testo della prima lettera (datata 1757) come il quinto di una serie.

***

Gli obiettivi dell’edizione digitale

Dal desiderio di indagare la genesi e la storia del manoscritto, di collocarlo all’interno della produzione passaniana (ed in particolare in relazione agli altri epistolari), così come dalla volontà di ricostruire le vicende biografiche del suo autore, è nato il progetto di un’edizione digitale delle Lettere del 1743 fin’al 1750 di Giacomo Passano.

Dopo un lavoro di analisi della struttura e dei contenuti, sono stati individuati gli obiettivi del progetto, al fine di elaborare un modello di codifica XML TEI che raggiungesse gli scopi prefissati:

  • Descrivere come il testo fisicamente si dispone in righe, pagine, carte e fascicoli.
  • Rimanere, attraverso la marcatura, il più possibile fedele alla presentazione originale del testo, rendendo conto quindi non solo della funzione logica e strutturale delle sue varie componenti, ma anche della loro posizione e della loro resa grafica. Questo può essere importante per ricostruzione della storia del manoscritto: individuare le abitudini scrittorie aiuta a identificare le varie mani che hanno contribuito alla stesura del testo.
  • Individuare le tipologie testuali e le loro caratteristiche interne: lettere, note diaristiche e di viaggio, testi poetici.
  • Ricostruire la genesi del manoscritto e le differenti fasi di trascrizione individuando, attraverso l’analisi di riscritture, cancellazioni, aggiunte, sostituzioni, utilizzo di glifi e caratteri particolari, abbreviazioni, meccanismi di enfatizzazione e sistemi di annotazione.
  • Tracciare la geografia degli spostamenti e dei rapporti interpersonali intrattenuti da Giacomo Passano.
  • Delineare l’universo culturale di riferimento dell’autore, popolato dai grandi classici della letteratura, dalle opere del teatro dell’epoca coeva e del passato, dai testi di magia e di alchimia.

Il modello elaborato fornirà le basi per continuare il lavoro di analisi e di codifica portando, speriamo al più presto, all’edizione digitale delle lettere di Giacomo Passano.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *