FONTEGAIA ~ La donna alla fonte

fontegaia

Nelle cantigas de amigo, nell’Annunciazione dei Vangeli apocrifi, fino ad Anita Ekberg alla Fontana di Trevi, l’immagine della donna alla fonte appartiene al repertorio dei motivi folclorici e popolari e si tinge spesso di erotismo.

Il motivo si rintraccia nelle manifestazioni letterarie e non delle culture più disparate. Thompson e Morales Blouin ad esempio ne registrano occorrenze nelle letterature ebraica, indiana, greca, sefardita, francese, rumena, bulgara, croata, serba, lituana, irlandese, islandese; la vitalità in luoghi (e tempi) tanto distanti si spiega poligeneticamente a partire da pratiche quotidiane simili, interessanti anche dal punto di vista antropologico.

In una serie di brevi post proponiamo un percorso tra i testi animati da donne e fonti in ambito romanzo, senza la pretesa di coprirne tutte le occorrenze. Apriamo con i canti popolari, ed un’incursione nel Decameron; proseguiremo con le liriche del medioevo romanzo. Alcuni dei materiali che useremo sono tratti da un articolo disponibile qui, ma numerose aggiunte e alcune modifiche sono state apportate.

DONNA E FONTE NELLA POESIA POPOLARE (1)

Utilizziamo il termine ‘poesia popolare’ come sinonimo di ‘poesia tradizionale’, seguendo la definizione, forse datata ma valida, di Menendez Pidal: “poesia acogida por el pueblo durante mucho tiempo, asimilada como cosa propia, herencia antigua”.

Par un matin la belle s’est levée,

a prin son seau, du lin du lé, du long de l’eau,

a prins son seau, à l’eau s’en est allée.

Là son amy si luy a rencontrée,

deux ou trois fois sur l’herbe l’a jetée

Pucelle estoit, grosse l’a relevée.

– Helas, mon Dieu, que dira ma mère? –

– Vous lui direz: La fontaine est troublée,

le rossignol a sa queue mouillée –

– Maudit soit-il qui m’a tant abusée,

n’eust esté luy, je fusse mariée! –

(Rolland, vol. II p. 129)

In questa canzone del XVI secolo, Jeanroy vuole rintracciare lo sviluppo originario del motivo della donna alla fonte (Jeanroy, p. 201). Di certo vi si trovano alcune delle declinazioni del tema che ritroveremo in altri canti e che discuteremo di seguito: il lavaggio dei panni, l’incontro con l’amico, il movimento dell’acqua. Meno comune, ma comunque diffuso, è il ricorso alla violenza, caratteristico del genere della pastorella.

La metafora dell’acqua troublée è largamente utilizzata nei testi; una delle testimonianze più articolate ne è il ciclo di Pero Meogo, autore di cantigas de amigo galego-portoghesi sulle quali torneremo. Nelle cantigas un cervo rimuove l’acqua della fonte; nella canzone citata da Jeanroy si tratta invece di un rossignol, così come nei seguenti versi catalani:

Jo me’n llevo de mati

i me’n vaig a la font viva.

El traidor del rossinyol

tota l’aigua enterbolia;

jo me n’assento un poquet,

veure si s’aclariria.

(Milá y Fontanals, n° 380)

Il motivo dell’acqua torbida ricorre nel Romance de Fontefrida, nel quale si racconta di una tortorella vedova che, mentre beve alla fontana, allontana l’usignolo che la importuna con richieste d’amore. Il Romance è diffuso non solo nella penisola iberica (D’Ancona, p. 226): in Italia ne esistono quantomeno una versione toscana, una sicula, una calabrese e una napoletana; o, ancora, se ne trova una corrispondenza puntuale in una ballata danese.

Cervi e usignoli non sono i soli animali a intorbidare l’acqua; ecco una canzone popolare della Guascogna:

-Les meres diront, les votres: Qu’avez-vous fait a la fontaine?-

-Nous trouverons quelque ruse, en traversant le pont;

trois canes sauvages ont trouble la fontaine-

-Ah! Jeunes filles, ce canard sauvage

c’est bien, nous le savons, quelque jeune compagnon-.

(Cenac-Moncaut, p. 325)

L’acqua può essere mossa senza che il direttto responsabile venga evocato. Recita un canto piemontese:

– O duv’ andéi-vo, bela brunota, sula suleta per la ruzà? –

– Mi me n’in vad a la fontanela, duva mai mama la m’a mandà –

Quand a l’è stàita a la fontanela, ritrova l’aqua l’è anterbulà.

– Setei-ve sì su de questa pera, mentre che l’aqua n’a va sciairì -.

(Nigra, p. 461)

Nel prossimo post ci occuperemo di alcune variazioni sul tema, fanciulle che vanno alla fonte per lavare, bagnarsi e prendere acqua, ancora nella poesia popolare.

Bibliografia

Cenac-Moncaut, Justin, Littérerature populaire de la Gascogne, Paris, 1868.

D’Ancona, Alessandro, La poesia popolare italiana (1878), Livorno 1906.

Jeanroy, Alfred, Les origines de la poésie lyrique en France au Moyen Age, Paris 1889.

Menendez Pidal, Ramón, “La primitiva lírica europea. Estado actual del problema”, Revista de filología española 43 (1960): pp.270-354.

Milá y Fontanals, Manuel, Romancerillo catalán: canciones tradicionales (1853), Barcelona 1882.

Morales Blouin, Egla, El ciervo y la fuente. Mito y folklore del agua en la lírica tradicional, Madrid 1981.

Rolland, Eugène, Recueil de chansons populaires, 2 voll., Paris 1883-1887.

Thompson, Stith, Motif-index of folk-literature, Copenhagen 1955-1958. T35.1. Fountain (well) as lovers’ rendez-vous; P611. Women meet when bathing.


Une réflexion sur « FONTEGAIA ~ La donna alla fonte »

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *