Digital Party

5144616071_b3d3c14101_o

 

Cosa ci fa un gruppo di giovani italianisti, filologi e digital humanists in una sala conferenze della Bibliothèque Universitaire Droit-Lettres con splendida vista sulle montagne grenoblesi? Non è l’incipit di una barzelletta da allegri accademici che hanno alzato un po’ troppo il gomito, ma la domanda che l’intensa due giorni inaugurale del progetto Fonte Gaia (9-10 aprile) ha posto a un gruppo di giovani ricercatori provenienti da tutta Europa.

Di questo primo incontro, cui ho avuto il piacere di partecipare in qualità di neo-blogger giunto con questo post al battesimo del web, vi darò qui di seguito qualche mia personalissima impressione in ordine sparso.

Cos’è innanzitutto FonteGaia? Dietro questo nome dalle molteplici suggestioni (Nietzsche, la fontana senese di Piazza del Campo, il gai saber della lirica occitanica, su tutte l’idea di un sapere che zampilla gioiosamente), si cela un progetto nato nell’ormai lontano 2009 e che grazie al lavoro e l’iniziativa, tra gli altri, di Filippo Fonio, Claire Mouraby ed Elena Pierazzo, sta prendendo finalmente forma proprio in questi mesi.  

Come recita la devise della front-page, l’idea è quella di creare un portale dell’italianisme à l’ère numérique che, partendo da una prospettiva italo-francese (Grenoble è la culla dell’italianistica in Francia), rimesti un poco la morta gora in cui talvolta sembrano annaspare gli Studi italiani accettando e portando avanti la sfida del digitale. Obiettivo ambizioso che ha uno dei suoi fulcri, oltre che nel neonato blog, in un progetto di bibliothèque numérique (FonteGaiaBib) che mira a costruire una vasta rete di risorse dell’italianistica su scala europea.

Da giovane ricercatore – mea culpa! – talvolta diffidente verso le magnifiche sorti e progressive dell’era digitale, mi sono avvicinato a quest’incontro certo con grande entusiasmo, ma anche con qualche dubbio e soprattutto con molte domande. Domande che riguardavano, in particolare, l’effettiva praticabilità di un progetto che si preannunciava carico di sfide: come concepire un blog che ambisse a mescolare fecondamente innovazione e italianistica, contemporaneità e Digital Studies, senza cadere nell’autoreferenzialità dell’una o dell’altra disciplina? Come costruire e alimentare un vero spazio di riflessione al crocevia di queste diverse sensibilità?

Dopo aver avuto l’occasione di lavorare e discutere a lungo con i giovani ricercatori e colleghi chiamati a raccolta dagli organizzatori del workshop, non solo ho trovato qualche risposta alle mie domande, ma soprattutto ho scoperto con piacere molte, moltissime idee rispetto a quello che vorremmo fare e a come vorremmo concepire questo spazio.

Parlare di italianisme all’ère numérique significa innanzitutto riflettere sulla nostra disciplina dal punto di vista della contemporaneità, cercando di cogliere le innovazioni e le evoluzioni che i nuovi strumenti digitali (ma non solo) stanno progressivamente introducendo nelle nostre pratiche di ricerca.

Sotto quest’ampio cappello di riferimento abbiamo cercato di portare, ognuno secondo la propria esperienza e formazione, proposte che ci sembrassero interessanti, questioni di cui sentissimo il desiderio di parlare: c’è allora chi ha proposto dibattiti online sui problemi inerenti le digital humanities e la loro applicazione alle discipline dell’italianistica; chi ha suggerito la realizzazione di strumenti ad hoc per avvicinare i nostri lettori al mondo dell’edizione digitale o delle pratiche pedagogiche più innovative; chi si impegnerà in recensioni di strumenti digitali e di risorse del patrimonio bibliotecario sia italiano che francese; o chi ancora si dedicherà a focus specifici su pratiche di ricerca che ci sembrano innovative e metodologicamente interessanti.

Idee che per la varietà e l’assoluta libertà con cui sono state espresse, mi portano a sottolineare una delle caratteristiche principali, a mio modo di vedere, di quello che vogliamo diventi FonteGaiaBlog: uno spazio partecipativo, democratico, un unjournal come abbiamo provato a definirlo, che delle differenze di ciascuno miri innanzitutto a fare una risorsa. Tra noi c’è infatti chi ha svolto un percorso di ricerca più classico o filologico, chi si è orientato solo di recente all’utilizzo delle tecnologie digitali e chi invece lo fa da anni in giro per l’Europa (penso ai ragazzi della rete DiXit); chi conosce molto bene il mondo dello spettacolo e dell’organizzazione culturale e chi invece ha grande esperienza nel settore bibliotecario. Una fucina di idee, insomma, dal buon equilibro alchemico, che vorremmo indirizzare e mettere a frutto verso un unico obiettivo.

La sfida è a mio avviso stimolante, e mi piace immaginarla (ancora con Nietzsche) come quella di un piccolo ponte lanciato verso l’italianistica che verrà. Riusciremo nell’arduo compito?
Ai POSTeri l’ardua sentenza! Certo è che ci proveremo con la gioiosa baldanza di chi si avvia su strade non ancora battute.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *