Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [1]

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

Spazi di discussione

« Dieu souffre dans des multitudes d’âmes auxquelles sa parole sacrée ne peut pas descendre ; la vérité religieuse est captive dans un petit nombre de livres manuscrits qui garde le trésor commun, au lieu de le répandre. Brisons le sceau qui scelle les choses saintes, donnons des ailes à la vérité, et qu’au moyen de la parole, non plus écrite à grands frais par la main qui se lasse, mais multipliée comme l’air par une machine infatigable, elle aille chercher toute âme venant en ce monde ! »[1]

Nel XV secolo, lo stesso uomo che pronuncia queste parole, riportate da Lamartine tre secoli dopo, da vita ad un’invenzione che rivoluziona la vita culturale, politica, sociale e religiosa dell’umanità : stiamo parlando dell’introduzione della stampa in Europa da parte di Jean Gensfleich Guttemberg de Sorgeloch. Voi vi chiederete perché partiamo da così lontano per la nostra riflessione. Ebbene, focalizzeremo la nostra attenzione e le nostre preoccupazioni sulla biblioteconomia e l’impatto che l’informatica ha avuto su di essa. La novità che stiamo vivendo noi oggi, è già stata vissuta, sebbene con metodi e mezzi meno digital, circa sei secoli fa.

Dunque, dicevamo…

A partire dalla piccola cittadina libera di Mayence, il libro raggiunge già nel 1464 l’Italia, e più specificatamente Venezia, Firenze, Genova, tutte città che oltre ad essere accomunate dalla libertà federativa, condividono anche la vicinanza a grandi fiumi, i soli mezzi di trasporto allora e le fonti necessarie per la produzione della carta. In seguito, la nuova invenzione si appropria del territorio francese nel 1470 e arriva a Barcellona nel 1473, contagiando tutta l’Europa e grazie alle prime colonie spagnole in America, anche l’oltre oceano.  Assistiamo dunque al passaggio dal manoscritto al libro a stampa che, a poco a poco, provocherà il conseguente spostamento del centro della cultura dai monasteri, da cui la «période monastique» prende il nome, verso le università, determinando così l’entrata nella cosiddetta «période laïque»[2]. I grandi specialisti della storia del libro in Francia, Henri-Jean Martin e Lucien Febvre[3], ci ricordano quanto il libro diventi allora il mezzo di circolazione delle idee e del sapere per eccellenza, tanto che, le due forme di controllo dell’epoca, il re e la Chiesa, accorgendosi dell’influenza che il libro esercitava nei cittadini, cominciano sempre più a controllarne le pubblicazioni attraverso il privilegio e la censura. Con il Seicento assistiamo, inoltre, alla nascita della bibliofilia e alle prime teorizzazioni sul come disporre i libri nelle proprie biblioteche, su quali libri si devono assolutamente possedere e su quali sono le biblioteche più fornite in Europa[4]. Nascono così le prime biblioteche private, che andranno poi ad alimentare le biblioteche pubbliche che conosciamo tutt’oggi. Dopo questa breve introduzione, catapultiamoci nel presente.

Il XX e il XXI secolo segnano un’altra grande era. Se fino a qualche anno fa negli autobus, quei pochi che leggevano, leggevano su carta, oggi, sempre negli stessi autobus, nuovi lettori leggono nuovi libri: leggono gli e-book. Se fino a mezzo secolo fa il catalogo delle biblioteche era consultabile solo in forma cartacea attraverso schede ordinate alfabeticamente riposte in tanti e molteplici cassettini, oggi, quello stesso catalogo è consultabile on-line. Se ieri le biblioteche erano fatte di libri, oggi nascono le prime biblioteche fatte di algoritmi e logaritmi, multi-linking e multi-tasking: nascono le biblioteche semantiche digitali.

Ci sembra dunque necessario interrogare in nostri colleghi “digital” e chiedere loro: quando nascono le Digital Humanities e che cosa sono? Come evolveranno le precedenti teorie sulla disposizione dei libri nelle biblioteche con le Digital Humanities? Come si chiamerà il nuovo periodo del libro digital in cui stiamo entrando? Quali sono le nuove discipline che le Digital Humanities introducono e quali saranno invece, forse, quelle che dovremmo veder scomparire? E perché gli “umanisti tout court” sono così restii a queste nuove tecnologie?

Termino dicendo che i limiti dell’identità dell’Informatica Umanistica, come ricordano Augusto Celentano, Agostino Cortesi e Paolo Mastandrea nel loro articolo Informatica umanistica: una disciplina di confine[5], sono essenzialmente due «in primo luogo, si considera dell’Informatica solo il lato applicativo-tecnologico, ignorando la ricchezza di modelli e linguaggi e metodologie che caratterizzano la “scienza dell’informazione” come area scientifica indipendente dalle matematiche e dalle ingegnerie industriali; in secondo luogo, non si colgono le potenzialità di influsso delle discipline umanistiche nei confronti dell’Informatica dimenticando che il padre dei linguaggi formali è un linguista, Noam Chomski (…)»[6].  Il matrimonio tra l’Informatica e le discipline umanistiche non può che rivelarsi estremamente ricco soprattutto per quest’ultime. Infatti «è la conoscenza approfondita dell’oggetto di studio (l’edizione di un’opera di letteratura, l’analisi di dati storico-archivistici, la ricerca localizzata su un sito archeologico) a suggerire nuovi paradigmi di elaborazione adeguati a rappresentarne tutta la complessità, senza forzature e semplificazioni dovute ai limiti degli strumenti esistenti»[7]. È giunta l’ora di vincere la barriera tra scienze umane e scienze esatte e far sì che l’una possa arricchire l’altra e viceversa.

Note

[1] Alphonse de Lamartine, Vie des grands hommes, Paris, Bureaux du Constitutionnel, 1856, p. 112-113.

[2] Henri-Jean Martin et Lucien Febvre, L’apparition du livre, p. 17 : « Depuis fort longtemps, les historiens ont accoutumé de diviser en deux grandes périodes l’évolution du livre manuscrit en Europe occidentale. « Période monastique » et « période laïque » sont des termes consacrés et familiers à tous ceux qui s’intéressent peu ou prou à ces problèmes. »

[3] H.-J. Martin, Histoire de l’édition française, tome I « Le livre conquérant », Paris, Promodis, 1982 ; H-J. Martin et L. Febvre, L’apparition du livre .

[4] Gabriel Naudé in Francia (Avis pour dresser une bibliothèque 1627) e Francisco de Araoz in Spagna (De Bene disponenda bibliotheca 1631).

[5] Mondo digitale, n° 4, dicembre 2004, p. 44-55.

[6] Ibidem, p. 45.

[7] Ibidem, p. 45.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *