..ha gli occhi sulle spalle, sulla nuca, sulle dita, sul sedere.

Parole di Umberto Eco nel descrivere l’uomo iper-connesso secondo il perfettissimo Munari. Bruno Munari, designer italiano famoso per le sue macchine inutili, è l’autore dell’intreccio di nuclei ferritici sulla copertina dell’Almanacco Bompiani del 1962. Insomma l’ho trovato, non ci speravo, quando alla fine ho intercettato una buona digitalizzazione sul sito Post Digital Publishing. Bookmarkatevelo!

Ora viene il titolo: « Le Applicazioni dei Calcolatori Elettronici alle Scienze Morali e alla Letteratura ». Sontuoso. Questo numero non contiene solo il primo testo sulla biblioteca del futuro mai pubblicato, ma riporta anche una famosa survey dal titolo poliziesco: Inchiesta sulle due Culture, in occasione della quale il curatore Sergio Morando chiama all’appello importanti intellettuali italiani, al fine di fare chiarezza su un binomio non proprio consueto per l’epoca. Neanche a dirlo, sul banco degli imputati c’è il « cervello elettronico ».

Brockhaus & Efron Encyclopedic Dictionary

– Sì, entro certi limiti –  rispondono D’Arco Silvio Avalle,  e Cesare Cases; mentre si dimostra anche più ottimista Gianfranco Contini, nonostante l’argomento sia dei più scivolosi, ad esempio la possibilità che l’introduzione dei computers in filologia possa generare risultati qualitativi o meno.  I partecipanti all’inchiesta rispondono apertamente a le varie domande, manifestando tutti (chi più chi meno) il proprio interesse verso l’uso delle macchine a scopi di ricerca letteraria, come a dire: in ogni caso si deve proseguire!

E allora, largo ai nuovi Gutemberg! grazie a loro iniziano ad affermarsi i primi centri dedicati all’applicazione dei computer all’analisi linguistica. Michele Pacifico ne conta già una manciata attivi tra USA ed Europa: Germania, Repubblica Ceca, Inghilterra, Italia e Francia si distinguono già per le loro iniziative. A Gallarate c’è il reverendo Padre Busa, mentre a Grenoble si lavora sulla traduzione automatica in uno dei primi centri europei. In questi laboratori/seminterrati si perforano schede per fare concordanze, lessici, vocabolari, ricerche stilometriche e metriche su testi letterarie e autori del canone. Tutto quello che significheranno queste sperimentazioni per il panorama letterario lo possiamo intuire perché lo stiamo vivendo. Insomma, per chiudere con Umberto Eco: « Non dico che sia una bella storia. È la Storia ».

Proprio per questo vorrei attirare l’attenzione del lettore su una storia meno raccontata e, così facendo, scoprire ulteriormente le mie carte. A partire dal prossimo post, infatti, stringerò subito il fuoco sul panorama della letteratura elettronica in Italia e in Francia, allo scopo di esplorarne l’arte combinatoria, presentarvi gli scrittori e le loro opere, anche attraverso interviste, e ogni tanto (perché no) avventurarmi in qualche scorribanda medio-archeologica. Rimando dunque alla seconda puntata, di cui l’Almanacco sarà ancora il protagonista indiscusso, in quanto sede di pubblicazione di un primissimo esperimento di poesia elettronica made in Italy, TAPE MARK I. Il componimento è stato scritto a due mani nel 1961, gli autori sono Nanni Balestrini e un IBM 7070 di proprietà di una banca, che più o meno doveva essere piccolo così.

ibm 7070

caria


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *