Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

Spazi di discussione

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

 

Chi rimpiangerà i vecchi tempi sarà inesorabilmente schiacciato dalla voglia di robot che dilagherà nei giovani.

(Giuseppe Gigliozzi)

 

Rispondo volentieri ai quesiti posti da Debora Barattin nel post precedente: mi sento in qualche modo chiamata in causa non come dalla definizione dataci dalla stessa di « collega ‘digital' », quanto piuttosto da chi occupandosi da anni di informatica umanistica, sente il bisogno di riportare qualche riflessione a riguardo. È possibile che sia “colpa della disgregazione dell’uomo rinascimentale, magari sarà colpa della specializzazione richiesta dalla società contemporanea” (Gigliozzi, 2003) come scrive Giuseppe Gigliozzi, studioso e pioniere dell’informatica umanistica in Italia, quando esordisce in uno dei primi manuali sull’argomento, sta di fatto che la tecnologia informatica ha influenzato le pratiche e le metodologie nella trasmissione della conoscenza e dell’informazione. Un processo innovativo che ha alterato i nostri paradigmi del pensiero, dell’immaginario o, più in generale, dell’agire umano.

E sebbene la rivoluzione digitale stia condizionando interamente le nostre vite e abbia palesemente influenzato la ricerca, l’insegnamento, l’apprendimento e gli strumenti con cui lavoriamo quotidianamente, ancora oggi, nei dipartimenti di scienze umane, prevale un certo scetticismo verso chi si occupi di informatica umanistica. D’altro canto, invece, recentemente si sta vedendo una proliferazione di progetti di ricerca in ambito umanistico con un’ampia parte dedicata alla digitalizzazione (da database a mappature tematiche), quasi tappa obbligatoria per avere fondi di ricerca. Lascio da parte il tono polemico concentrandomi in questo mio primo scritto soltanto su alcune questioni di metodo sviluppate all’interno di questa nuova disciplina promettendo altri interventi a riguardo non soltanto per la vastità del tema ma soprattutto per l’interesse che mi ha spinto per anni a mettere in relazione la letteratura e le teorie letterarie con i linguaggi formali.

Sono ormai diversi decenni che si tenta di delineare non soltanto il campo di ricerca ma anche la validità degli approcci scientifici e delle metodologie proposte. Inizialmente venivano divisi i due campi disciplinari: da una parte, allora, l’informatica e dall’altra, la letteratura; pian piano il fecondo connubio ha assunto contorni più definiti facendo susseguire formule come informatica applicata alla letteratura, fino all’ultima terminologia utilizzata quale informatica umanistica (in inglese si è passati da Humanities Computing, Humanist Informatics, Literary and Linguistic Computing e, infine, Digital humanities).

Ad ogni ogni modo il testo e la testualità sono sempre state al centro di questi studi, come anche il testo e la sua rappresentazione. Come scrive Dino Buzzetti: «Se dunque l’informatica consiste nel rappresentare l’informazione con determinate strutture di dati ed elaborare l’informazione mediante algoritmi, quella particolare specie di informatica applicata in cui consiste l’informatica umanistica può essere considerata come informatica applicata alle discipline umanistiche e consisterà nei diversi modi di rappresentare l’informazione in forma idonea alle caratteristiche proprie delle varie discipline e nell’elaborare l’informazione con procedure idonee alle domande specifiche che la ricerca si pone nei diversi campi disciplinari» (Buzzetti, 2012).

Quanto detto finora invita a sciogliere complessi nodi teorici sia sul piano euristico che su quello empirico nel processo di realizzazione di un artefatto digitale. Creare modelli per costruire artefatti digitali è scopo della ricerca dell’umanista digitale ma solleva anche una controversia rilevante. Modellizzare è dare forma al testo attribuendo quindi un’interpretazione soggettiva al testo stesso: “As Marx Wartofsky has said, ‘model’ becomes a mode of action, a way of constructing the future” (McCarthy, 2005). Questi due concetti, come evidenzia Williard McCarthy, portano una distinzione analitica fra un ‘modello di’, che è una grammatica che descrive le caratteristiche del linguaggio, e un esemplare di ‘modello per’, che è un piano architettonico dell’informazione.

Le radici dell’informatica umanistica ci conducono al lontano 1946 quando padre gesuita Roberto Busa, pioniere della linguistica computazionale e dell’intelligenza artificiale, utilizzò i primi calcolatori per la realizzazione di indici e da lì a breve, nel 1951, venne pubblicato il primo volume dell’Index Thomisticus. Un’opera comprendente 56 volumi. Pertanto, il trattamento automatico dell’informazione e il primo incontro fra testo e macchina ebbe l’obiettivo di produrre indici e concordanze. I progetti di sistemi di concordanze realizzati successivamente hanno arricchito e cambiato il nostro modo di leggere il testo letterario. Sono spesso seguite delle pubblicazioni cartacee che ancor oggi per la quantità di volumi che ne generano occupano interi scaffali delle nostre biblioteche. Vediamo inoltre che già nel 1966 appare la prima rivista di Digital humanities chiamata Computer and the Humanities che non considerava l’informatica scissa dalle discipline umanistiche (Melissa Terras, Julianne Nyhan, Edward Vanhoutte, 2013).

Queste le prime forme di rappresentazione e di ri-mediazione (Bolter, 2002) e i primi baluardi dell’informatica umanistica prima degli standard, della nascita del web, dell’evoluzione repentina dei linguaggi di programmazione e di marcatura in un ambiente digitale. Ma tutto questo, sarà oggetto di discussione dei post a seguire.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *