Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

Lacerba rivistaFra i tanti vantaggi che l’umanistica informatica comporta c’è anche quello, non secondario, di regalarci il lusso (fino a poco fa impensabile per chiunque) di essere “viaggiatori sedentari” ovvero avere accesso alle ricchezze custodite in fondi o archivi remoti comodamente seduti in poltrona, o mentre si è in viaggio, appunto.

E se fra le risorse a nostra disposizione non ci fossero solo libri ma anche riviste illustrate? Per studiosi o semplici amanti di revues fin de siècle, la possibilità c’è, ed è stata realizzata dal Centro Apice (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale) dell’università Statale di Milano che ha realizzato – grazie al finanziamento della Regione Lombardia – il Progetto Marengo.
Il Centro Apice nasce nel 2002 allo scopo di custodire – e rendere fruibili – fondi bibliografici di particolare pregio come gli archivi di alcune importanti case editrici (il Fondo Bompiani o BUR Rizzoli), nonché gli autografi di scrittori e artisti (solo per citare un esempio tra i tanti, ricordiamo almeno il Fondo Giudici che conserva i manoscritti, i dattiloscritti e la corrispondenza del poeta).
Fra le tante ricchezze possedute c’è, appunto, il Fondo Pietro Marengo (ex direttore editoriale dell’UTET), una pregevole collezione delle più importanti riviste italiane (dalla storica “Lacerba » al “Politecnico” di Vittorini) ed europee (“Assiette au Beurre”, “Simplicissimus”, “La caricature” di Albert Robida e “Verve”).
Proprio per valorizzare questo Fondo prende avvio, nel 2002, il progetto Marengo che ha come obiettivo la digitalizzazione di buona parte delle riviste conservate nel suo archivio.

Per saperne di più sul processo di digitalizzazione, ho posto qualche domanda a Marta Sironi che ha seguito alcune delle fasi di realizzazione del Progetto:

Dott.ssa Sironi, che cos’è il Fondo Marengo? Quali sono le riviste più importanti che lo costituiscono?

Si tratta di una collezione di più di 500 testate illustrate, italiane ed europee, che coprono un arco cronologico che va dal 1848 agli anni Settanta del Novecento. Il nome della collezione deriva dal collezionista, Pietro Marengo, e le scelte sono pertanto molto personali: l’idea di Marengo era di documentare la storia dell’immagine nella modernità, un’immagine che in gran parte si definiva proprio sulle pagine delle riviste illustrate di vario genere: arte, moda, architettura, satira, cultura enciclopedica, infanzia, viaggi. La scelta privilegiava pertanto soprattutto riviste illustrate.

 Perché si è deciso di procedere alla digitalizzazione del Fondo? In base a quali criteri si è scelto di digitalizzare alcuni numeri e/o riviste piuttosto che altri?

La digitalizzazione è avvenuta all’interno di un progetto di conservazione. La scelta ha riguardato pertanto in primo luogo riviste deteriorate o a rischio di deterioramento, soprattutto grandi formati e fascicoli sciolti (vi sono anche casi di riviste digitalizzate solo nei numeri sciolti e non nelle annate rilegate, pure in collezione). Si sono poi aggiunti nuclei particolarmente significativi della collezione: le testate satiriche italiane del 1848; le riviste di trincea, (“La ghirba”, “La giberna”, “La trincea”, “Il 13”, “Verde e azzurro”) spesso molto fragili per la povertà delle carte utilizzate; le testate satiriche del 1946; alcune testate d’interesse artistico come “Ver Sacrum” e soprattutto la rara “Atys”.

Quali sono state le fasi della digitalizzazione del Fondo?

In primo luogo l’individuazione delle riviste e il calcolo approssimativo delle pagine da digitalizzare secondo i parametri richiesti dal bando, successivamente l’organizzazione dei materiali per il loro trasporto e il loro rientro in sede (la digitalizzazione, infatti, non è avvenuta in loco) e, infine, il controllo a campione dei file. Il lavoro ha coinvolto diverse persone di vari uffici dell’università Statale di Milano.

Ci sono stati dei riscontri positivi in seguito alla digitalizzazione del Fondo?

Sì, una più ampia e facile consultazione, sfruttata appieno anche per la redazione di numerose tesi di laurea. Il lavoro preliminare di scelta delle riviste da digitalizzare ha permesso un approfondimento sul carattere della collezione che ha consentito di immaginare nuovi progetti come la catalogazione iconografica di 12 mila immagini satiriche (banca dati consultabile dalla stessa pagina web del Progetto Marengo, i cui risultati sono stati sintetizzati nel primo quaderno di Apice Un diluvio di giornali) e la ricerca sulla grafica satirica tra otto e novecento riferita all’arte contemporanea (Ridere dell’arte, Mimesis, 2012).

Quali sono le prospettive per il futuro?

Certamente si tratterà di aggiornare le modalità di accesso, in modo da mantenere attive e consultabili le banche dati (vi sono attualmente alcuni problemi tecnici che limitano in parte le potenzialità  del progetto). Successivamente, l’inserimento di queste banche dati in banche dati nazionali collettrici (sull’esempio della francese Gallica). Dopo il progetto Marengo è stata realizzata anche la digitalizzazione dei materiali futuristi (giornali e opuscoli) conservati nella Collezione ‘900 del Fondo Sergio Reggi (http://apicesv3.noto.unimi.it/site/reggi/).

Chiunque volesse accedere alla gran parte dei tesori del Fondo Marengo può farlo online, basta disporre di un computer (e possibilmente di una comoda poltrona) e cliccare il seguente link: http://apicesv3.noto.unimi.it/site/marengo/

Per coloro che, invece, hanno programmato un soggiorno–studio a Milano, possono pianificare una tappa al Centro Apice cominciando il viaggio da qui: http://www.sba.unimi.it/Biblioteche/apice/1872.html


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *