Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

L’ascesa continua e prodigiosa che sta vivendo il settore delle Digital Humanities è un fenomeno che ha iniziato solo in tempi piuttosto recenti a interessare in maniera decisa l’ambiente accademico italiano, il quale fino a qualche tempo fa rimaneva defilato rispetto al vorticoso progresso cui stava andando incontro la disciplina. Il ruolo per lungo tempo marginale dell’Italia nella ricerca e nello sviluppo in seno all’Informatica Umanistica appare quantomeno paradossale se si pensa al fatto che essa affonda le sue radici nell’operato e nell’intuizione proprio di un italiano, Padre Roberto Busa.

Nato a Vicenza nel 1913, gesuita, Padre Busa è oggi considerato il padre della linguistica computazionale, grazie alla monumentale opera filologica e classificatoria condotta sugli scritti di Tommaso d’Aquino, che ha portato alla creazione dell’Index Thomisticus, vale a dire l’indicizzazione completa di tutte le occorrenze di ogni singolo lemma usato nelle opere di Tommaso d’Aquino.

Nel lontano 1946, mentre si apprestava a scrivere la sua tesi di laurea alla Pontificia Università Gregoriana (La terminologia tomistica dell’interiorità. Saggi di metodo per una interpretazione della metafisica della presenza, Milano 1949), Padre Busa ebbe l’idea di iniziare una indagine accurata sul lessico di Tommaso d’Aquino, a partire dall’intero corpus dei suoi scritti. Il lavoro si presentava ovviamente monumentale, essendo basato su un repertorio di oltre 9 milioni di lemmi. In una intervista rilasciata all’Università di Roma La Sapienza nel 1995 dichiarò: «Quando preparavo la docenza all’Università Gregoriana di Roma, avevo per tema il concetto di “presenza” di San Tommaso. Dopo sei mesi di lavoro, ricercando manualmente la parola “presenza” nei testi, mi sono accorto che quella parola nel vocabolario di San Tommaso è periferica. La parola centrale, é la preposizione “in”. Allora ho ricominciato da capo. Mi son schedato a mano più di diecimila passi, in cui c’era l’uso della preposizione “in”. Ho giocato dei grandi solitari, con queste schede, ne è venuto fuori il libro della mia docenza, insieme con due idee. La prima: il valore pregnante filosofico delle particelle del discorso degli uomini, la preposizione “in” è una delle chiavi del pensiero filosofico, già dai tempi di Aristotele, non è iniziato con San Tommaso. Secondo: che io avrei reso un buon servizio alla comunità degli studi, se avessi trovato la maniera di risparmiarle il rifarsi a mano le schede di tutte le parole».

Ecco gettate le basi, almeno concettuali, dell’Informatica Umanistica. È infatti a partire da questa tesi che prende forma l’idea della lemmatizzazione degli scritti di San Tommaso e conseguentemente dell’Index Thomisticus. Tre anni dopo quelle estenuanti ricerche lessicografiche condotte scrupolosamente “a mano”, infatti, Padre Busa si reca negli States, alla ricerca di una tecnologia avanzata che potesse sostituirsi al filologo nell’elaborazione delle concordanze lessicali e linguistiche a partire da corpus molto vasti, in modo da ampliare il raggio della propria indagine potendo ottimizzare tempo e risorse. Di qui, il felice incontro con la IBM, dopo una tappa al MIT. Il progetto dell’Index Thomisticus piacque subito a Thomas J. Watson, allora presidente della multinazionale: ebbe così inizio una collaborazione duratura che nel 1980 avrebbe portato, dopo quasi due milioni di ore di lavoro, alla creazione dell’Opera Omnia della linguistica tomistica, la madre di tutte le edizioni digitali e ipertestuali a venire.

Dalle schede perforate ai nastri magnetici, dai CD-ROM ai DVD, fino ad arrivare finalmente sul web nel 2005, il processo di creazione dell’Index si è svolto in strettissima connessione con le evoluzioni tecnologiche della seconda metà del XX secolo, costituendo un punto di riferimento costante anche per lo sviluppo della ricerca nel campo dell’Informatica Umanistica europea e mondiale. La sinergia tra le intuizioni di un genio visionario made in Italy e il supporto tecnologico di una azienda che ha saputo credere nel valore della ricerca umanistica ha gettato le basi per l’avvento della moderna Informatica Umanistica. Il continuo sviluppo della filologia digitale e l’allargamento dei suoi potenziali campi di applicazione la renderà, se già non l’ha resa a dispetto delle resistenze opposte dalle parti più “tradizionaliste”, protagonista e artefice di un cambio di paradigma per quanto riguarda tanta parte delle ricerche afferenti alle scienze umane. È perlomeno suggestivo pensare, a mio avviso, che questa rivoluzione sia partita proprio dall’Italia.

Padre Busa è morto a Gallarate nel 2011, all’età di 98 anni. Il testamento culturale di questo pionieristico genio riconosciuto in tutto il mondo è oggi consultabile al sito http://www.corpusthomisticum.org/


Une réflexion au sujet de « Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa »

  1. En écho aux questions posées par Luciano la semaine dernière, il serait également très intéressant de savoir si la collaboration entre Busa et IBM a été pour la firme le moteur d’innovations informatiques et technologiques… quand les humanités font progresser l’informatique… et pas seulement l’inverse.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *