Tous les articles par mancinelli

Giovane ricercatrice in informatica umanistica e letteratura italiana. Early career researcher in Digital Humanities and Italian Studies.

Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

Spazi di discussione

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

 

Chi rimpiangerà i vecchi tempi sarà inesorabilmente schiacciato dalla voglia di robot che dilagherà nei giovani.

(Giuseppe Gigliozzi)

 

Rispondo volentieri ai quesiti posti da Debora Barattin nel post precedente: mi sento in qualche modo chiamata in causa non come dalla definizione dataci dalla stessa di « collega ‘digital' », quanto piuttosto da chi occupandosi da anni di informatica umanistica, sente il bisogno di riportare qualche riflessione a riguardo. È possibile che sia “colpa della disgregazione dell’uomo rinascimentale, magari sarà colpa della specializzazione richiesta dalla società contemporanea” (Gigliozzi, 2003) come scrive Giuseppe Gigliozzi, studioso e pioniere dell’informatica umanistica in Italia, quando esordisce in uno dei primi manuali sull’argomento, sta di fatto che la tecnologia informatica ha influenzato le pratiche e le metodologie nella trasmissione della conoscenza e dell’informazione. Un processo innovativo che ha alterato i nostri paradigmi del pensiero, dell’immaginario o, più in generale, dell’agire umano.

E sebbene la rivoluzione digitale stia condizionando interamente le nostre vite e abbia palesemente influenzato la ricerca, l’insegnamento, l’apprendimento e gli strumenti con cui lavoriamo quotidianamente, ancora oggi, nei dipartimenti di scienze umane, prevale un certo scetticismo verso chi si occupi di informatica umanistica. D’altro canto, invece, recentemente si sta vedendo una proliferazione di progetti di ricerca in ambito umanistico con un’ampia parte dedicata alla digitalizzazione (da database a mappature tematiche), quasi tappa obbligatoria per avere fondi di ricerca. Lascio da parte il tono polemico concentrandomi in questo mio primo scritto soltanto su alcune questioni di metodo sviluppate all’interno di questa nuova disciplina promettendo altri interventi a riguardo non soltanto per la vastità del tema ma soprattutto per l’interesse che mi ha spinto per anni a mettere in relazione la letteratura e le teorie letterarie con i linguaggi formali. Continuer la lecture de Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

Tiziana Mancinelli

tizMi sono laureata in letteratura italiana moderna e contemporanea, all’università di Roma ‘La Sapienza’. Ho lavorato fin dai primi anni del 2000 con il CRILet (Centro Ricerche Informatica e Letteratura) con il prof. Giuseppe Gigliozzi in progetti pionieristici di biblioteche e ampi corpora di testi online. Ho successivamente conseguito il mio dottorato all’università di Reading con una tesi sull’edizioni digitale del lungo poema, La camera da letto (1984 – 1988), scritto da Attilio Bertolucci. Al momento, mi occupo di ontologie e Linked data lavorando a un progetto che prevede la creazione di uno strumento per la mappatura di figure retoriche.

I took my first degree at University of Rome ‘La Sapienza’ in Contemporary Literary Studies. I collaborated with the CRILet (Centro Ricerche Informatica e Letteratura), under the supervision of Giuseppe Gigliozzi. I hold a PhD in Italian Literature and Digital Humanities from the University of Reading (UK), where I completed a dissertation on a scholarly digital edition of a prose-poem entitled ‘La camera da letto’, by Italian writer Attilio Bertolucci. At present, I am working on ontologies and Linked Data.

Tiziana Mancinelli from Fonte Gaia on Vimeo.