Archives de catégorie : Billets

Le Accademie come Social Network: The Italian Academies 1525-1700

Chiunque si sia trovato a frequentare gli studi sul Rinascimento e sul Barocco italiano, si sarà imbattuto anche soltanto di passaggio nella sfilza di nomi, spesso bizzarri e fantasiosi, delle tante Accademie disseminate per la penisola. Animosi, Intronati, Infiammati, Sdegnati, Vignaiuoli, Gelati, Malinconici, Schiumati: il foltissimo elenco dei gruppi accademici pervade il territorio italiano riemergendo continuamente dalle biografie e dai testi oggetto delle nostre ricerche. Nonostante la capillarità del fenomeno e la sua conseguente portata nazionale, ci si sarà anche accorti però di come non sia sempre immediato recuperarne specifiche informazioni, a partire persino dagli elenchi di membri affiliati. Continuer la lecture de Le Accademie come Social Network: The Italian Academies 1525-1700

Collazione a collazione 2/3

Nel post precedente si è detto cosa intendiamo per collazione e come il confronto automatico tra due sequenze di caratteri sia un procedimento fondamentale e assai diffuso in informatica. In questo post passiamo velocemente in rassegna le pietre miliari della storia della collazione automatica. Nel prossimo vedremo quali sono le operazioni fondamentali che un programma di collazione compie, dando qualche esempio.

Dom Jacques Froger (La Critique des textes et son automatisation, Dunod 1968) è stato probabilmente il primo critico testuale ad usare un computer per collazionare (e molto altro). Come dicevamo, la storia della collazione automatica va di pari passo con quella dei computer, includendo hardware e software.  Continuer la lecture de Collazione a collazione 2/3

éditer un texte / éditer la variance : réorienter la critique textuelle à l’époque du numérique

Le séminaire Critique génétique et philologie d’auteur : rencontres méthodologiques organisé par Christian Del Vento dans le cadre des activités de l’équipe Manuscrits Italiens du Settecento de l’ITEM est arrivé à sa troisième séance.

9781472412119
http://www.ashgate.com/isbn/9781472412119

Elena Pierazzo, dans une conférence intitulée éditions numériques : de Platon à Héraclite, s’est penchée sur les enjeux actuels des éditions savantes. Grâce à un itinéraire passionnant à travers l’histoire de l’écriture et des technologies qui ont accompagné, au fil des siècles, la production, la publication et la diffusion des œuvres, elle a invité à reconsidérer nos idées reçues sur la notion de « texte », en ouvrant des perspectives nouvelles dans le domaine de l’édition numérique.

Continuer la lecture de éditer un texte / éditer la variance : réorienter la critique textuelle à l’époque du numérique

Qui se cache sous le pseudonyme de Curzio Malaparte ? (2)

Maintenant que – grâce à l’interview de Michèle Coury réalisée par Debora Barattin – nous en savons un peu plus sur le contexte dans lequel s’inscrit la journée d’étude qui s’est tenue à l’Université Stendhal Grenoble 3 le 21 mai dernier, c’est au travers d’un bref compte rendu des interventions de la journée que nous tenterons d’approcher la figure complexe de Curzio Malaparte, en attendant le colloque de plus grande ampleur annoncé…

Continuer la lecture de Qui se cache sous le pseudonyme de Curzio Malaparte ? (2)

Collazione a colazione! 1/3

In questo post, tanto breve da poter essere letto mentre si prende il caffé, introduciamo la collazione, una classica operazione filologica, e le sue affinità con il mondo dell’informatica.

Cosa vuol dire collazionare? Collazione è un termine tecnico della critica testuale, che indica il confronto tra due o più copie (manoscritte, dattiloscritte, stampate o digitali) di una stessa opera. Quando si prepara un’edizione di un testo del quale possediamo più di una copia, è sovente necessario passare attraverso la fase di collazione. Nel caso di un’edizione critica, la collazione serve a indagare la tradizione testuale e a chiarire i rapporti tra le copie; è quello che succede per le opere classiche o medievali, ma non solo. Nel caso di un’edizione genetica, la collazione getta luce sul processo di creazione, attraverso la comparazione del testo nelle successive fasi di scrittura.

Confrontare due copie dello stesso testo è un procedimento lungo, durante il quale facilmente si incorre in sviste e errori. Per questo motivo, non appena sono apparsi i progenitori dei moderni computer i filologi hanno riposto in loro una speranza. La storia della collazione automatica si intreccia con quella dell’informatica.

Continuer la lecture de Collazione a colazione! 1/3

Critique génétique et philologie d’auteur : rencontres méthodologiques

Comme nous l’avions anticipé ici, le groupe Manuscrits italiens du Settecento de l’ITEM (piloté par Christian Del Vento dans le cadre des travaux de l’équipe Manuscrits du XVIIIe dirigée par Nathalie Ferrand) vient de commencer ses activités de recherche. Avant de feuilleter les manuscrits et de se plonger dans la production des auteurs italiens, nous proposons d’aborder une réflexion méthodologique autour du débat entre la « critique génétique » et la « filologia d’autore » : c’est le sujet du séminaire Critique génétique et philologie d’auteur. Rencontre(s) méthodologique(s) / 2015 – 2016, dont les deux premières séances ont eu lieu le 9 et le 23 Novembre derniers.

Cette série de rencontres à été ouverte par Daniel Ferrer, qui nous a décrit le point de vue d’un généticien ; la deuxième séance a été consacrée à la philologie d’auteur, dont Paola Italia a mis en relief la démarche et les enjeux. Continuer la lecture de Critique génétique et philologie d’auteur : rencontres méthodologiques

Il Canzoniere digitale: Petrarchive

Negli Stati Uniti è in corso un progetto che è riuscito a collegare in maniera brillante gli studi d’italianistica con il mondo della filologia digitale. Di cosa si tratta? Ce lo spiega Isabella Magni, membro del team che sta lavorando a « Petrarchive », l’iniziativa di text encoding che prevede la realizzazione dell’edizione digitale del Canzoniere di Petrarca. Il progetto è consultabile al sito http://dcl.slis.indiana.edu/petrarchive/ , ed entro la fine di Novembre 2015 ci sarà una new release del sito aggiornato con tutti i nuovi materiali preparati a partire da ottobre 2014. Ecco dunque, qui di seguito, la piacevole chiacchierata che ho avuto modo di condividere con Isabella, tra DH, medievistica e progetti per il futuro.

Continuer la lecture de Il Canzoniere digitale: Petrarchive

Call for Papers – Digital Humanities. Metodologie, progetti, applicazioni (CSIS 2016)

Dopo una fruttuosa trasferta a Sorrento nel giugno scorso, nel 2016 la Canadian Society for Italian Studies organizzerà la sua conferenza annuale a Toronto, dal 13 al 16 maggio. Sarà come sempre l’occasione per fare il punto sulle ricerche in corso e sui nuovi progetti che sono stati avviati, oltre che per tirare le somme di quelli che si avviano a essere conclusi, in Europa e Oltreoceano. Nella prossima edizione della conferenza, ci sarà spazio anche per le Digital Humanities: in collaborazione con la Prof.ssa Sandra Parmegiani, presidentessa della CSIS, stiamo organizzando un panel per accogliere proposte di comunicazione inerenti gli Italian Studies nell’era digitale.

Continuer la lecture de Call for Papers – Digital Humanities. Metodologie, progetti, applicazioni (CSIS 2016)

Qui se cache sous le pseudonyme de Curzio Malaparte ? (1)

Curzio_MalaparteLe 21 mai dernier s’est déroulée à Grenoble une journée d’étude consacrée à  un personnage peut-être plus méconnu en Italie qu’en France : Curzio Malaparte (1898-1957). Soldat, mais aussi écrivain et théoricien, Malaparte est une figure qui demeure aussi mystérieuse que controversée. Afin de comprendre pourquoi à Grenoble on a commencé à s’intéresser à cet auteur, Élise Leclerc et moi-même avons interviewé Michèle Coury, Maître de conférences de l’Université Stendhal et principale organisatrice de cette journée d’étude intitulée Curzio Malaparte, Témoin et visionnaire.

Continuer la lecture de Qui se cache sous le pseudonyme de Curzio Malaparte ? (1)

Orator 2.0 : gli studi umanistici e il discorso politico contemporaneo

In che modo Aristotele può esserci utile per analizzare i discorsi di Renzi, o Quintiliano per studiare le strategie persuasive di Salvini? La comunicazione politica è già fin dagli anni ’50 appannaggio di varie discipline quali la sociologia, le scienze politiche o la massmediologia, in breve quell’insieme di campi di studio che chiamiamo le “scienze sociali”. Non sembra dunque necessario scomodare la retorica dal suo pregiudiziale ruolo di studio sistematico, e anche un po’ rassicurante, delle figure. Forse dovremmo addirittura parlare di resuscitarla, siccome per alcuni la retorica sarebbe ormai morta da un centinaio di anni. In fondo i nostri politici non sono andati a scuola da Cicerone e ormai parlano “a braccio”, non devono presentarsi nelle assemblee del foro ma nei talk show, non scrivono declamationes ma tweet.

Continuer la lecture de Orator 2.0 : gli studi umanistici e il discorso politico contemporaneo

Un projet en Humanités Numériques? Se former!

Du 5 au 9 Octobre, le  service de formation continue du CNRS, avec la MSH Val de Loire et les acteurs des Humanités Numériques en France, organisaient leur sixième Action Nationale de Formation  à Aussois: Gestion de projets des sources numériques de la recherche en SHS.

Fonte Gaia y était représenté par Filippo Fonio, Monica Zanardo et Claire Mouraby. Nous avons beaucoup appris: ce qu’il est possible d’imaginer quand on est motivé, comment ne pas  se décourager, ce qu’il aurait fallu faire dès le début de nos projets… et ce qu’il est encore temps de changer. Continuer la lecture de Un projet en Humanités Numériques? Se former!

data or presentation? – DiXiT Convention I

Pubblico una nota scritta durante la DiXiT convention I con un po’ di ritardo, approfittandone per chiedere a FonteGaiaBlog un parere su un argomento che mi pare estremamente sensibile.

« Sentendomi in debito di post, vi penso durante la pausa. Al momento la sala conferenze è vuota; immagino che il caffè e i pasticcini stiano mettendo tutti d’accordo. Poco fa, i DiXiT fellows Gioele Barabucci, Magdalena Turska ed Elena Spadini si sono confrontati sul valore e il ruolo che rispettivamente i dati e la presentazione giocano nel fare edizioni critiche digitali. Al di là delle opinioni divergenti — Gioele e Magda sono per i dati, mentre Elena ha messo in luce l’importanza della presentazione — il trio, capitanato dal James Cummings, ha toccato uno dei punti più dolenti delle digital humanities.

Continuer la lecture de data or presentation? – DiXiT Convention I

LET US POP! (2) Il dopo Siena…

Come Alessandro Martini aveva già annunciato lo scorso maggio, dal 22 al 26 giugno un gruppo di appassionati al contempo di medioevo e di pop culture, si è riunito a Siena durante il Convegno organizzato dall’American Association of Teachers of Italian (AATI) per discutere di canone e riscritture medievali in chiave pop.

Cosa di meglio di un panorama evocante già l’atmosfera medievale esistente a Siena, grazie alla sua bellissima Piazza del Campo, le alte mura che circondano la città e le torri dei Monti Paschi, per riscoprire il Medioevo pop di oggi? Da mesi, dottorandi e professori provenienti dall’Università di Grenoble, Birmingham, Padova, Palermo, Lione e Montpellier, riflettono sul perché tanto è l’interesse per la cultura medievale che ritroviamo oggi rimaneggiata in arti già consolidate come il romanzo e la musica, e in arti più contemporanee come il fumetto, il cinema e, perché no, il videogioco… Per mesi si sono chiesti: esiste, forse, un nuovo canone letterario? Quali sono queste riscritture “pop”? Continuer la lecture de LET US POP! (2) Il dopo Siena…

Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR: 3/3 Digitalizzazione, Didattica, Formazione

Continua il nostro colloquio con Andrea De Pasquale, Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR). Dopo aver parlato qui della fisionomia della BNCR e dei recenti progetti di valorizzazione del patrimonio documentario, e dopo aver anticipato qui alcune delle iniziative in corso di realizzazione o in programma in biblioteca, ci concentreremo sulle attività di digitalizzazione, e sui progetti didattici e di formazione previsti per il prossimo futuro.

 M.Z.: Oltre alle iniziative pregresse, in atto, e future… potrebbe dirci qualcos’altro sul patrimonio documentario della biblioteca? Ad esempio: il Fondo Falqui?

 A.D.P.: Abbiamo in programma di procedere alla digitalizzazione di queste collezioni novecentesche. In questo momento abbiamo terminato la digitalizzazione dell’archivio di Elsa Morante e dei manoscritti e dattiloscritti di Pasolini. Continuer la lecture de Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR: 3/3 Digitalizzazione, Didattica, Formazione

La rentrée littéraire de FonteGaiaBlog. Wordstar(s) de Vitaliano Trevisan

Wordstar(s)Que se cache-t-il derrière ce titre des plus mystérieux ? Wordstar(s), c’est tout d’abord une référence au logiciel de traitement de texte le plus populaire au monde : créé au début des années 80, il a ensuite été supplanté par Microsoft Word et a peu à peu disparu. C’est aussi ainsi que Vitaliano Trevisan a intitulé la dernière pièce de sa « Trilogie de la mémoire » : l’auteur entend rendre hommage, de manière métaphorique, à un écrivain qui est, lui aussi, en train de se mourir : Samuel Beckett. Plus exactement, Vitaliano Trevisan s’attache à dépeindre les derniers jours de la vie du brillant dramaturge irlandais, français d’adoption.

Continuer la lecture de La rentrée littéraire de FonteGaiaBlog. Wordstar(s) de Vitaliano Trevisan