Archives de catégorie : digital humanities

Collazione a colazione 3/3

Abbiamo definito nei posts precedenti la collazione e la sua relazione con l’informatica, e fornito alcuni spunti di lettura per chi volesse cominciare ad avventurarsi nella storia della collazione automatica. Vediamo ora quali sono le operazioni che un programma di collazione compie, secondo il già citato modello di Gothenburg.

Il cuore di un programma di collazione è l’allineamento: i testi delle diverse copie vengono allineati, in modo da identificare cosa nel testo A corrisponde a cosa nel testo B. Una volta riconosciute le parti che non cambiano, si introducono quelle che cambiano ed eventuali spazi bianchi.

Facciamo un esempio utilizzando il testo dell’Infinito di Leopardi. Continuer la lecture de Collazione a colazione 3/3

OFFRE DE STAGE

BIBLIOTHÈQUE NUMÉRIQUE DES ETUDES ITALIENNES

OFFRE DE STAGE

Logo officiel HD du projet Fonte Gaia

PRESENTATION PROJET FONTE GAIA
Fonte Gaia est un projet multi-partenarial alliant humanités numériques et italianisme, initié en 2009 par les universités Pierre Mendès France et Stendhal de Grenoble (aujourd’hui fusionnées en Université Grenoble Alpes) et le CADIST Langue, Littérature et Civilisation italienne (SID UGA INP de Grenoble). Il réunit de nombreux chercheurs en études italiennes.
Adossée à la mission nationale du CADIST, Fonte Gaia Bib est une plateforme encore en construction, qui revendique le rôle fédérateur de bibliothèque numérique de référence pour les études italiennes. Alimentée par la numérisation d’ouvrages repérés dans des bibliothèques françaises et italiennes, et prochainement par le moissonnage et l’agrégation de contenus, elle diffusera des éditions numériques enrichies et commentées par des chercheurs sous forme de contributions (études bibliographiques, littéraires, socio-culturelles, etc.).

Lieu du stage et établissement porteur de la convention:

SID UGA INP, Bibliothèque universitaire Droit-Lettres, service CollEx Italien, campus universitaire, 38402 Saint Martin d’Hères.
Encadrement du stage :

Claire Mouraby, conservateur de bibliothèque, chef de service CollEx au sein du SID UGA INP, responsable du projet Fonte Gaia ; Elena Pierazzo, Professeur d’Italien et Humanités numériques, Université Grenoble Alpes, présidente du consortium international TEI.
Durée : 3 mois pour un candidat de M1
Horaire hebdomadaire : 30h
Gratification : règlementaire lissée sur trois mois : 453,60€ par mois
Dates du stage : selon disponibilités du stagiaire, entre le 15 mars 2016 et le 30 juin 2016.

Continuer la lecture de OFFRE DE STAGE

Le Accademie come Social Network: The Italian Academies 1525-1700

Chiunque si sia trovato a frequentare gli studi sul Rinascimento e sul Barocco italiano, si sarà imbattuto anche soltanto di passaggio nella sfilza di nomi, spesso bizzarri e fantasiosi, delle tante Accademie disseminate per la penisola. Animosi, Intronati, Infiammati, Sdegnati, Vignaiuoli, Gelati, Malinconici, Schiumati: il foltissimo elenco dei gruppi accademici pervade il territorio italiano riemergendo continuamente dalle biografie e dai testi oggetto delle nostre ricerche. Nonostante la capillarità del fenomeno e la sua conseguente portata nazionale, ci si sarà anche accorti però di come non sia sempre immediato recuperarne specifiche informazioni, a partire persino dagli elenchi di membri affiliati. Continuer la lecture de Le Accademie come Social Network: The Italian Academies 1525-1700

Collazione a collazione 2/3

Nel post precedente si è detto cosa intendiamo per collazione e come il confronto automatico tra due sequenze di caratteri sia un procedimento fondamentale e assai diffuso in informatica. In questo post passiamo velocemente in rassegna le pietre miliari della storia della collazione automatica. Nel prossimo vedremo quali sono le operazioni fondamentali che un programma di collazione compie, dando qualche esempio.

Dom Jacques Froger (La Critique des textes et son automatisation, Dunod 1968) è stato probabilmente il primo critico testuale ad usare un computer per collazionare (e molto altro). Come dicevamo, la storia della collazione automatica va di pari passo con quella dei computer, includendo hardware e software.  Continuer la lecture de Collazione a collazione 2/3

Appel à communications

logo_baseDeux collaborateurs du projet EDITEF, Renaud ADAM et Sandra TOFFOLO, participeront à la conférence 2016 de la Sixteenth Century Society (Bruges, 18-20 août 2016) et lancent un appel à communications pour participer à leur panel qui aura pour thématique ‘Cultural networks in the Renaissance: methodological challenges’.

Réponses attendues avant le 31 janvier 2016.

Télécharger l’appel à communications en format PDF.

Voici le texte de l’appel :

This session focuses on the study of cultural networks in the Renaissance and the methodological issues that accompany it. Rather than only focusing on the outcome of research on cultural networks in the Renaissance, this session aims (also) to address explicitly the methodological issues that historians deal with while conducting this type of research.
Presenters can choose either to focus on methodological questions concerning the analysis of cultural networks in the Renaissance in general, or present a specific case study (at any stage) concerning cultural networks in the Renaissance and use this in order to address also the main methodological issues that have been encountered. There are no geographical, chronological, or thematic restrictions on the type of cultural network. Some possible methodological issues to address include, but are not limited to: usefulness and limitations of digital humanities in network analysis; how to connect various networks to each other when different studies have different methods, technologies, and goals; advantages and disadvantages of visualization tools; small, closed circles vs. large, open networks; types of sources; definition of geographical and chronological range of the analysis.

Please send a title, an abstract (max. 250 words), and a short CV (max. 150 words) to Renaud Adam, Université de Liège (renaud.adam@ulg.ac.be) and Sandra Toffolo, Centre d’Études Supérieures de la Renaissance, Tours (sandra.toffolo@univ-tours.fr). Please detail any A/V needs that you might have.

For more information about the Sixteenth Century Society and Conference, please see the conference website: http://www.sixteenthcentury.org/conference/

The deadline for submission is 31 January 2016.

Collazione a colazione! 1/3

In questo post, tanto breve da poter essere letto mentre si prende il caffé, introduciamo la collazione, una classica operazione filologica, e le sue affinità con il mondo dell’informatica.

Cosa vuol dire collazionare? Collazione è un termine tecnico della critica testuale, che indica il confronto tra due o più copie (manoscritte, dattiloscritte, stampate o digitali) di una stessa opera. Quando si prepara un’edizione di un testo del quale possediamo più di una copia, è sovente necessario passare attraverso la fase di collazione. Nel caso di un’edizione critica, la collazione serve a indagare la tradizione testuale e a chiarire i rapporti tra le copie; è quello che succede per le opere classiche o medievali, ma non solo. Nel caso di un’edizione genetica, la collazione getta luce sul processo di creazione, attraverso la comparazione del testo nelle successive fasi di scrittura.

Confrontare due copie dello stesso testo è un procedimento lungo, durante il quale facilmente si incorre in sviste e errori. Per questo motivo, non appena sono apparsi i progenitori dei moderni computer i filologi hanno riposto in loro una speranza. La storia della collazione automatica si intreccia con quella dell’informatica.

Continuer la lecture de Collazione a colazione! 1/3

Call for Papers – Digital Humanities. Metodologie, progetti, applicazioni (CSIS 2016)

Dopo una fruttuosa trasferta a Sorrento nel giugno scorso, nel 2016 la Canadian Society for Italian Studies organizzerà la sua conferenza annuale a Toronto, dal 13 al 16 maggio. Sarà come sempre l’occasione per fare il punto sulle ricerche in corso e sui nuovi progetti che sono stati avviati, oltre che per tirare le somme di quelli che si avviano a essere conclusi, in Europa e Oltreoceano. Nella prossima edizione della conferenza, ci sarà spazio anche per le Digital Humanities: in collaborazione con la Prof.ssa Sandra Parmegiani, presidentessa della CSIS, stiamo organizzando un panel per accogliere proposte di comunicazione inerenti gli Italian Studies nell’era digitale.

Continuer la lecture de Call for Papers – Digital Humanities. Metodologie, progetti, applicazioni (CSIS 2016)

Un projet en Humanités Numériques? Se former!

Du 5 au 9 Octobre, le  service de formation continue du CNRS, avec la MSH Val de Loire et les acteurs des Humanités Numériques en France, organisaient leur sixième Action Nationale de Formation  à Aussois: Gestion de projets des sources numériques de la recherche en SHS.

Fonte Gaia y était représenté par Filippo Fonio, Monica Zanardo et Claire Mouraby. Nous avons beaucoup appris: ce qu’il est possible d’imaginer quand on est motivé, comment ne pas  se décourager, ce qu’il aurait fallu faire dès le début de nos projets… et ce qu’il est encore temps de changer. Continuer la lecture de Un projet en Humanités Numériques? Se former!

Les idées du théâtre de la Renaissance et de la première modernité chez nous !

Du 8 au 11 juillet 2015 à Chambéry et à Grenoble s’est clos un grand projet commencé il y a quatre ans. Le projet IDT « Les idées du théâtre » est porté par quatre laboratoires : le LLS de l’Université de Savoie (leader), l’ILCEA de l’Université Grenoble 3, le CELEC de l’Université de Saint-Étienne et le CELLF de l’Université de Paris-Sorbonne. De plus, le projet bénéficie du soutien des deux grandes bibliothèques la Biblioteca Nacional de España et la Bibliothèque Nationale de France.

En gros le projet propose « une réflexion sur les textes liminaires placés en tête des pièces françaises, italiennes et espagnoles des XVIe et XVIIe siècles — préfaces, dédicaces, etc. — susceptibles de mettre en évidence la construction et la circulation des « idées du théâtre » en Europe, de la Renaissance à l’âge classique.   Continuer la lecture de Les idées du théâtre de la Renaissance et de la première modernité chez nous !

Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

[by Luciano Longo, Elena Spadini, Monica Zanardo]

Il Lexicon of Scholarly Editing nasce nel 2012, da un’iniziativa della European Society for Textual Scholarship (ESTS) e del Centre for Manuscript Genetics dell’Università di Antwerp. Lo scopo è quello di raccogliere termini e concetti chiave della critica testuale. La sfida, in particolare, è il multilinguismo, attraverso il quale si vogliono mettere una accanto all’altra, facendole reagire, tradizioni filologiche distinte. Scrive Dirk Van Hulle, allora presidente dell’ESTS:

Given the divergence of traditions, languages and contexts, such an undertaking is almost ‘doomed to fail’ from the start – to quote Samuel Beckett.

A poco più di due anni di distanza, il Lexicon non solo non ha fallito, ma si rivela una risorsa di prima qualità per chi lavora nel campo dell’edizione e non solo. Sotto la direzione di Van Hulle, il Lexicon è stato costruito e constantemente aggiornato da Wout Dillen, uno dei dottorandi (a brevissimo dottore) del Centre for Manuscript Genetics. Consta oggi di 400 entrate e di 770 definizioni. Caratteristica peculiare alle risorse digitali, il Lexicon è in constante crescita. Così come il numero dei suoi collaboratori!

Fin dalla prima riunione di Fontegaia si è parlato di una possibile collaborazione tra il nostro progetto e il Lexicon. L’obiettivo è cominciare a colmare una lacuna importante, che colpisce la conoscenza della critica testuale italiana all’estero.

LSE_2015-07-02
Definizioni nel Lexicon per lingua, aggiornato al 02/07/2015.

Continuer la lecture de Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

L’ascesa continua e prodigiosa che sta vivendo il settore delle Digital Humanities è un fenomeno che ha iniziato solo in tempi piuttosto recenti a interessare in maniera decisa l’ambiente accademico italiano, il quale fino a qualche tempo fa rimaneva defilato rispetto al vorticoso progresso cui stava andando incontro la disciplina. Il ruolo per lungo tempo marginale dell’Italia nella ricerca e nello sviluppo in seno all’Informatica Umanistica appare quantomeno paradossale se si pensa al fatto che essa affonda le sue radici nell’operato e nell’intuizione proprio di un italiano, Padre Roberto Busa.

Nato a Vicenza nel 1913, gesuita, Padre Busa è oggi considerato il padre della linguistica computazionale, grazie alla monumentale opera filologica e classificatoria condotta sugli scritti di Tommaso d’Aquino, che ha portato alla creazione dell’Index Thomisticus, vale a dire l’indicizzazione completa di tutte le occorrenze di ogni singolo lemma usato nelle opere di Tommaso d’Aquino.

Continuer la lecture de Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

Lacerba rivistaFra i tanti vantaggi che l’umanistica informatica comporta c’è anche quello, non secondario, di regalarci il lusso (fino a poco fa impensabile per chiunque) di essere “viaggiatori sedentari” ovvero avere accesso alle ricchezze custodite in fondi o archivi remoti comodamente seduti in poltrona, o mentre si è in viaggio, appunto.

E se fra le risorse a nostra disposizione non ci fossero solo libri ma anche riviste illustrate? Per studiosi o semplici amanti di revues fin de siècle, la possibilità c’è, ed è stata realizzata dal Centro Apice (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale) dell’università Statale di Milano che ha realizzato – grazie al finanziamento della Regione Lombardia – il Progetto Marengo.
Il Centro Apice nasce nel 2002 allo scopo di custodire – e rendere fruibili – fondi bibliografici di particolare pregio come gli archivi di alcune importanti case editrici (il Fondo Bompiani o BUR Rizzoli), nonché gli autografi di scrittori e artisti (solo per citare un esempio tra i tanti, ricordiamo almeno il Fondo Giudici che conserva i manoscritti, i dattiloscritti e la corrispondenza del poeta).
Fra le tante ricchezze possedute c’è, appunto, il Fondo Pietro Marengo (ex direttore editoriale dell’UTET), una pregevole collezione delle più importanti riviste italiane (dalla storica “Lacerba » al “Politecnico” di Vittorini) ed europee (“Assiette au Beurre”, “Simplicissimus”, “La caricature” di Albert Robida e “Verve”).
Proprio per valorizzare questo Fondo prende avvio, nel 2002, il progetto Marengo che ha come obiettivo la digitalizzazione di buona parte delle riviste conservate nel suo archivio.

Per saperne di più sul processo di digitalizzazione, ho posto qualche domanda a Marta Sironi che ha seguito alcune delle fasi di realizzazione del Progetto:

Continuer la lecture de Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

..ha gli occhi sulle spalle, sulla nuca, sulle dita, sul sedere.

Parole di Umberto Eco nel descrivere l’uomo iper-connesso secondo il perfettissimo Munari. Bruno Munari, designer italiano famoso per le sue macchine inutili, è l’autore dell’intreccio di nuclei ferritici sulla copertina dell’Almanacco Bompiani del 1962. Insomma l’ho trovato, non ci speravo, quando alla fine ho intercettato una buona digitalizzazione sul sito Post Digital Publishing. Bookmarkatevelo!

Ora viene il titolo: « Le Applicazioni dei Calcolatori Elettronici alle Scienze Morali e alla Letteratura ». Sontuoso. Questo numero non contiene solo il primo testo sulla biblioteca del futuro mai pubblicato, ma riporta anche una famosa survey dal titolo poliziesco: Inchiesta sulle due Culture, in occasione della quale il curatore Sergio Morando chiama all’appello importanti intellettuali italiani, al fine di fare chiarezza su un binomio non proprio consueto per l’epoca. Neanche a dirlo, sul banco degli imputati c’è il « cervello elettronico ».

Continuer la lecture de ..ha gli occhi sulle spalle, sulla nuca, sulle dita, sul sedere.