Archives par mot-clé : interface

Fonte Gaia, un espace ouvert de réflexions : Retour sur l’atelier du 4 décembre 2015

Présentation de la journée

Dans le cadre du projet Fonte Gaia et du développement de sa bibliothèque numérique, Fonte Gaia Bib (FGBib), a été organisé le 4 décembre 2015, par Elena Pierazzo et avec le soutien de la MSH-Alpes, un atelier autour des interfaces numériques. Intitulé « Interfaces pour les éditions numériques : technologies, chercheurs et usagers », cet atelier, pensé comme un espace ouvert de réflexion, a permis de réfléchir aux rapports entre ces trois entités que sont les technologies, les chercheurs et les usagers, dont les tenants et les aboutissants ne sont pas toujours clairement définis. Pour mener à bien ces discussions, ont été réunis des chercheurs versés en Humanités Numériques, des ingénieurs d’étude, des développeurs Web et des bibliothécaires. La présence de participants aussi divers reflète la grande hétérogénéité des Humanités Numériques, ainsi que leur aspect pluridisciplinaire et collaboratif. Continuer la lecture de Fonte Gaia, un espace ouvert de réflexions : Retour sur l’atelier du 4 décembre 2015

Digital Literary Studies – Coimbra 2015

Quello alla di della che è breve più eventi alla di è conferenza/esibizione eventi Coimbra, Literary resoconto Digital di uno un quali più conferenza/esibizione stato un breve dopo di è alla segue getto. conferenza/esibizione uno più Studies.
 .. sto solo giocando con la Cut Up Machine trovata per caso seguendo la pista Burroughs 🙂
Arrivo a lui attraverso Language and the Interface, un’esibizione di letteratura elettronica, o meglio, di interfacce digitali per la la lettura e la scrittura, organizzata dai dottorandi Daniela Côrtes Maduro, Ana Marques da Silva e Diogo Marques, dell’Università di Coimbra.  La mostra è stata inaugurata in occasione della due giorni di interventi — Digital Literary Studies — organizzata nell’ambito del Programma in Materialità della Letteratura curato da  Manuel Portela (qui trovate tutto). Oltre alla nostra Tiziana Mancinelli, intervenuta il primo giorno;  R. J. Carpenter, Florian Cramer, Jason Nelson, Johanna Drucker, Matthew Kirschenbaum sono solo alcuni degli altri presenti,  i quali si sono confrontati su questioni di uso e implicazioni culturali dell interfacce digitali per la lettura e la scrittura.
I curatori della mostra citano Burroughs nello statement, prendendo in prestito una frase da The ticket that exploded; una ‘novella’ che assieme a Nova Express e Soft Machine andò a costituire la trilogia del cut up, pubblicata due volte negli anni Sessanta.  Questo tipo di tecnica, per capirci, è molto simile all’uso che Tzara fa del collage, e più o meno essa prevede il ritaglio di frasi da libri e giornali che poi vengono ‘remixate’ dall’autore. La poesia elettronica gioca molto sul collage — Burroughs non è il primo né l’ultimo a farne uso. Si dice che egli venga introdotto alla tecnica dal pittore e poeta  Brion Gysin, conosciuto dall’ereditiero all’ex Beat Hotel di Parigi. Anche David Bowie ricorre al cut up per alcuni dei suoi testi. In particolare, la frase che i curatori della mostra utilizzano —  Language is a virus from the outer space — è anche una citazione di Laurie Anderson, come dice wikipedia ( che rimanda anche alla memetica di Dawkins). La Anderson incontra Burroughs per la prima volta nel 1978, a New York, e da quel momento in poi i due collaboreranno in diverse occasioni — in una di queste,  gli artisti balleranno un tango davanti a tutti. Language is a Virus, come dicevo, diviene un singolo pubblicato nel 1987 dalla Anderson, che  in questo video spiega la sua lettura di Burroughs filtrato attraverso Dawkins e il buddismo. Per la Anderson il linguaggio è un trick, una cosa che si propaga per via aerea, come di bocca in bocca. Non a caso — spiega il Doktor Kurt Unruh von Steinplatz — l’uomo è l’unico animale a presentare questa caratteristica.
In base alla ricostruzione dello studioso, infatti, fu un episodio specifico a creare i presupposti per la nascita del linguaggio, ovvero la diffusione di una malattia aerea vera e propria che deformò la gola di una parte della popolazione di primati contagiati da un virus, il quale per cause ancora dubbie, venne mantenuto a livello genetico da una particolare specie di scimmie. In questo modo, la teoria del Dr. von Steinplatz aggiunge un tassello importante al corollario di ipotesi attorno alla nascita/evoluzione del linguaggio, riconducendo lo sviluppo del gene FOXP2 a un momento specifico del cammino evolutivo dalla scimmia all’uomo sapiens.
Evolution-des-wissens
Nonostante il germe sia ancora sconosciuto, gli effetti del contagio sono stati trattati praticamente da tutti i punti di vista, dalla religione alla medicina, dalle neuroscienze alle lettere. C’è da dire che questo è un ambito di ricerca tra i più complessi e scivolosi che si possano immaginare,  poiché — diceva l’endofisico Roessler —  we swim in it like the fish in the ocean, it is essential for us, and for this reason it is ultimately inaccessible to us. Proprio per questo motivo, studiarlo dal punto di vista delle machine potrebbe diventare estremamente fruttuoso, come suggerisce la cibernetica, ad esempio. In questa prospettiva, Language and the Interface non è solo una mostra di opere d’arte ma anche una selezione di studi multimediali sul linguaggio al fine di capire what happens when the understanding of literature as patterned verbal and written language is explored in conjunction with the metamedial affordances of the computer environment; what is the role of the interface in situating and constituting readers as subjects of digital literary works; and how the processing of language and the language of processing are interfaced by the display [Côrtes Maduro, Marques da Silva, Marques].
language and the interface_cover
http://languageandtheinterface.uc.pt
.