Archives par mot-clé : ressource

Guest blogger Ilaria Conte: Manoscritti in cerca di catalogo

Il consortium COBNIF (Consortium Bibliothèque Numérique Franco-Italienne) mi ha offerto l’opportunità di intraprendere un lavoro di ricerca e catalogazione dei manoscritti italiani presenti a Grenoble. Il progetto, intitolato « META FGBib Manuscrits Italiens de Grenoble », ha come scopo principale la realizzazione di un catalogo redatto in XML-TEI, linguaggio che consente l’acquisizione di metadati descrittivi che potranno essere esportati facilmente in diversi database. L’iniziativa, ideata dai responsabili del progetto Fonte Gaia, risponde al bisogno di valorizzazione delle opere italiane manoscritte conservate a Grenoble nella speranza di poter offrire nuovi stimoli alla ricerca storica e filologica italo-francese.

Continuer la lecture de Guest blogger Ilaria Conte: Manoscritti in cerca di catalogo

La Commedia di Boccaccio: interrogare la varia lectio

Post di Sonia Tempestini (guest blogger) e Elena Spadini (blogger)

Sonia Tempestini si è laureata presso la facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università Sapienza di Roma in Filologia e letterature romanze. Attualmente è assistente dottoranda presso l’Istituto di studi italiani dell’Università della Svizzera italiana di Lugano con una tesi sulle tre copie autografe di Giovanni Boccaccio della Commedia dantesca.


La Commedia di Boccaccio è un progetto in corso volto a indagare la varia lectio all’interno di un corpus preciso, costituito dai dati emersi dalla collazione integrale dei tre manoscritti autografi di Giovanni Boccaccio che riportano il testo della Commedia dantesca (codici Toledano 104 6, Riccardiano 1035, Chigiano L VI 213). I tre manoscritti, risalenti secondo le ultime datazioni, con cui si concorda, rispettivamente agli inizi degli anni 50, al 1355 e al 1360 circa, hanno un’importanza capitale all’interno della tradizione della Commedia e rappresentano, secondo Giorgio Petrocchi, il punto di frattura tra l’antica e la nuova vulgata. Continuer la lecture de La Commedia di Boccaccio: interrogare la varia lectio

Bridging the Babel of Textual Criticism

Post by Wout Dillen, guest author for FonteGaia. Wout Dillen is a postdoctoral researcher at the University of Borås, Sweden, where his work is part of the DiXiT Marie Curie Initial Training Network. He developed the Lexicon of Scholarly Editing as an appendix to his Ph.D. dissertation, which was part of the ERC project CUTS (Creative Undoing and Textual Scholarship) at the University of Antwerp.

Lexicographical Approaches to Encompassing a Multilingual Research Field.

Although Textual Criticism is an international discipline concerned with the curation, analysis, and edition of historical documents written in any language, the field has primarily given rise to a number of distinct culture-dependent editorial traditions of textual scholarship. German Editionswissenschaft, Anglo-American Scholarly Editing, French critique génétique, and Italian Filologia d’autore are but a few examples.

But in the last decades the field has witnessed a rapprochement of different editorial theories and practices, transforming this series of individual, monolingual discussions into a larger, multilingual one. The result of this rapprochement is that rather than focussing on the differences between their respective traditions, it is now generally accepted that they each provide a different, but equally valuable perspective on how the texts of literary works could be edited, based on the historical evidence of textual transmission.

Continuer la lecture de Bridging the Babel of Textual Criticism

Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

[by Luciano Longo, Elena Spadini, Monica Zanardo]

Il Lexicon of Scholarly Editing nasce nel 2012, da un’iniziativa della European Society for Textual Scholarship (ESTS) e del Centre for Manuscript Genetics dell’Università di Antwerp. Lo scopo è quello di raccogliere termini e concetti chiave della critica testuale. La sfida, in particolare, è il multilinguismo, attraverso il quale si vogliono mettere una accanto all’altra, facendole reagire, tradizioni filologiche distinte. Scrive Dirk Van Hulle, allora presidente dell’ESTS:

Given the divergence of traditions, languages and contexts, such an undertaking is almost ‘doomed to fail’ from the start – to quote Samuel Beckett.

A poco più di due anni di distanza, il Lexicon non solo non ha fallito, ma si rivela una risorsa di prima qualità per chi lavora nel campo dell’edizione e non solo. Sotto la direzione di Van Hulle, il Lexicon è stato costruito e constantemente aggiornato da Wout Dillen, uno dei dottorandi (a brevissimo dottore) del Centre for Manuscript Genetics. Consta oggi di 400 entrate e di 770 definizioni. Caratteristica peculiare alle risorse digitali, il Lexicon è in constante crescita. Così come il numero dei suoi collaboratori!

Fin dalla prima riunione di Fontegaia si è parlato di una possibile collaborazione tra il nostro progetto e il Lexicon. L’obiettivo è cominciare a colmare una lacuna importante, che colpisce la conoscenza della critica testuale italiana all’estero.

LSE_2015-07-02
Definizioni nel Lexicon per lingua, aggiornato al 02/07/2015.

Continuer la lecture de Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

Lacerba rivistaFra i tanti vantaggi che l’umanistica informatica comporta c’è anche quello, non secondario, di regalarci il lusso (fino a poco fa impensabile per chiunque) di essere “viaggiatori sedentari” ovvero avere accesso alle ricchezze custodite in fondi o archivi remoti comodamente seduti in poltrona, o mentre si è in viaggio, appunto.

E se fra le risorse a nostra disposizione non ci fossero solo libri ma anche riviste illustrate? Per studiosi o semplici amanti di revues fin de siècle, la possibilità c’è, ed è stata realizzata dal Centro Apice (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale) dell’università Statale di Milano che ha realizzato – grazie al finanziamento della Regione Lombardia – il Progetto Marengo.
Il Centro Apice nasce nel 2002 allo scopo di custodire – e rendere fruibili – fondi bibliografici di particolare pregio come gli archivi di alcune importanti case editrici (il Fondo Bompiani o BUR Rizzoli), nonché gli autografi di scrittori e artisti (solo per citare un esempio tra i tanti, ricordiamo almeno il Fondo Giudici che conserva i manoscritti, i dattiloscritti e la corrispondenza del poeta).
Fra le tante ricchezze possedute c’è, appunto, il Fondo Pietro Marengo (ex direttore editoriale dell’UTET), una pregevole collezione delle più importanti riviste italiane (dalla storica “Lacerba » al “Politecnico” di Vittorini) ed europee (“Assiette au Beurre”, “Simplicissimus”, “La caricature” di Albert Robida e “Verve”).
Proprio per valorizzare questo Fondo prende avvio, nel 2002, il progetto Marengo che ha come obiettivo la digitalizzazione di buona parte delle riviste conservate nel suo archivio.

Per saperne di più sul processo di digitalizzazione, ho posto qualche domanda a Marta Sironi che ha seguito alcune delle fasi di realizzazione del Progetto:

Continuer la lecture de Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

Pour les italianistes 2.0 : HyperMachiavel

Cher-e-s italianistes du XXIe siècle,

Permettez-moi de vous présenter… HyperMachiavel, logiciel libre permettant la mise en parallèle, la comparaison et plus généralement l’exploration lexicale et sémantique de corpus en langues différentes (uniquement en alphabet latin pour l’instant), et en particulier de traductions, à l’aide de fonctions de recherche et d’annotation semi-automatique. Cet outil est né d’une conviction : la circulation des textes et de leur contenu passe notamment par la traduction, et l’étude des choix opérés le traducteur, au fil de son patient travail sur le texte-source, peut permettre de mieux cerner les spécificités de la langue qu’il traduit, y compris sur le plan des représentations. Cela a donné naissance à un logiciel libre OpenSource (Licence Cecill-B, téléchargeable sur demande auprès de severine.gedzelman[at]ens-lyon.fr) dont le développement, encore en cours, est porté par le laboratoire Triangle (UMR 5206).

Continuer la lecture de Pour les italianistes 2.0 : HyperMachiavel

Cartographie des ressources de l’italianisme

Une nouvelle ressource est disponible sur FGBlog!

Fonte Gaia recense pour vous tous les lieux de l’italianisme en France. Cette carte interactive indique la localisation des différentes structures qui proposent des ressources précieuses pour l’italianisme: laboratoires, bibliothèques… Vous y trouverez également les partenaires du projet Fonte Gaia.

Cette carte restera disponible sur FGBlog de manière permanente. Pour la retrouvez par la suite, il vous suffira de cliquer sur l’onglet Ressources de FGBlog.

En constante évolution, cette carte sera régulièrement mise à jour. Vous pouvez participer à son amélioration. Si vous connaissez une ressource qui ne figure pas sur la carte, n’hésitez-pas à nous contacter pour nous le signaler!

  • Pour afficher la carte en plein écran, cliquez sur le cadre en haut à droite de la carte.
  • Si vous préférez consultez la carte sous son format actuel, vous pouvez faire apparaître la légende en cliquant sur le menu en haut à gauche de la carte.
  • En cliquant sur chaque pictogramme, vous verrez apparaître un descriptif de la ressource (adresse, site web, présentation, logo…).
  • Les pictogrammes bleus correspondent aux laboratoires, bibliothèques et institutions partenaires du projet Fonte Gaia.
  • Vous pouvez afficher/masquer une partie des pictogrammes en cochant/décochant la thématique qui les regroupe (bibliothèques, laboratoires, partenaires Fonte Gaia…).

N.B: Certaines villes regroupe plusieurs pictogrammes. Pour les distinguer, utilisez le zoom de la carte.