Archives par mot-clé : RESSOURCES

Le risorse dell’italianista 2.0: Edition Visualization Technology

Edition Visualization Technology (EVT) è un software open source, sviluppato dal 2010 circa presso l’Università di Pisa da un team guidato dal prof. Roberto Rosselli del Turco (Università di Torino): questo strumento permette di pubblicare un’edizione in formato TEI XML creando un’applicazione web-based – che necessita soltanto l’uso di un navigatore moderno – basata su HTML+CSS, JavaScript e tecnologie derivate, come jQuery. L’accento è stato posto sulla creazione di un’interfaccia utente veramente user-friendly, affinché gli studiosi (anche non 2.0) possano non solo usarlo direttamente, ma anche – possibilmente – adattarlo ai propri progetti: l’uso di EVT non richiede una configurazione potente, né particolari competenze di programmazione o di web design, se non per quanto riguarda l’applicazione di fogli di stile XSLT.

EVT è stato sviluppato e testato prevalentemente nell’ambito del progetto Vercelli Book Digitale (una prima versione è già disponibile online: http://vbd.humnet.unipi.it/beta/#104v), che risale al lontano 2007 e che mira a offrire un’edizione digitale image-based di uno dei più grandi codici in inglese antico pervenutici, il Codex Vercellensis CXVII. Tale progetto si fonda sulla convinzione che « un’edizione digitale di un manoscritto fornisce strumenti di indagine superiori rispetto alla tradizionale consultazione diretta: visualizzazione di dettagli con illuminazioni particolari, ingrandimenti a piacere, filtri grafici per analizzare le immagini » [1].  Ma l’intero progetto è anche pervaso dalla volontà di creare uno strumento aperto e libero quanto possibile: non solo gli standard usati (XML-TEI P5 per la codifica dei testi e JPEG per le immagini) sono aperti, ma il software e la documentazione afferente sono stati resi disponibili a chiunque fosse interessato sul sito SourceForge [2].

Va notato che EVT è stato concepito per visualizzare un file codificato in XML-TEI P5: in altre parole, non si tratta di creare un’edizione digitale all’interno di un software, ma di creare una visualizzazione servendosi dei tag presenti nel file XML TEI. Ciò consente all’editore di concentrarsi sulla trascrizione e la codifica dei vari elementi del testo allestendo un unico file, il che garantisce la perfetta coerenza e logica dell’edizione, e facilita il processo di revisione e di update. D’altronde, scegliere una codifica XML-TEI P5 significa anche usare una norma già comprovata in varie edizioni digitali, ormai internazionalmente nota e riconosciuta. Ciò rappresenta un passo avanti verso una maggiore standardizzazione – e magari il riconoscimento accademico – del Digital editing, e un elemento incoraggiante – se non una garanzia – per quanto riguarda il futuro delle edizioni prodotte. È ben noto, in effetti, che la durata di vita delle soluzioni home-made è estremamente ridotta, e poggia sull’energia della persona o delle poche persone che le hanno create. Mentre l’azione dei singoli editori e sviluppatori è potenziata dall’esistenza di una comunità consolidata come la comunità TEI. EVT è una bellissima illustrazione di questo spirito, in quanto l’uso del software sta attualmente uscendo dei confini del progetto Digital Vercelli Book per allargarsi ad altri progetti.

Continuer la lecture de Le risorse dell’italianista 2.0: Edition Visualization Technology