Archives de catégorie : Spazi di discussione

Bridging the Babel of Textual Criticism

Post by Wout Dillen, guest author for FonteGaia. Wout Dillen is a postdoctoral researcher at the University of Borås, Sweden, where his work is part of the DiXiT Marie Curie Initial Training Network. He developed the Lexicon of Scholarly Editing as an appendix to his Ph.D. dissertation, which was part of the ERC project CUTS (Creative Undoing and Textual Scholarship) at the University of Antwerp.

Lexicographical Approaches to Encompassing a Multilingual Research Field.

Although Textual Criticism is an international discipline concerned with the curation, analysis, and edition of historical documents written in any language, the field has primarily given rise to a number of distinct culture-dependent editorial traditions of textual scholarship. German Editionswissenschaft, Anglo-American Scholarly Editing, French critique génétique, and Italian Filologia d’autore are but a few examples.

But in the last decades the field has witnessed a rapprochement of different editorial theories and practices, transforming this series of individual, monolingual discussions into a larger, multilingual one. The result of this rapprochement is that rather than focussing on the differences between their respective traditions, it is now generally accepted that they each provide a different, but equally valuable perspective on how the texts of literary works could be edited, based on the historical evidence of textual transmission.

Continuer la lecture de Bridging the Babel of Textual Criticism

Gli Effetti degli Investimenti sulle Tecnologie Digitali nelle Scuole del Mezzogiorno. Intervista con Simone Giusti

Vorrei segnalare una ricerca piuttosto recente sugli investimenti nel digitale nelle scuole del Sud Italia, in cui gli autori provano a capire  che cosa fanno le scuole  con le tecnologie di cui si sono dotate.  Essendo l’argomento di estrema rilevanza per molti,  ho chiesto a Simone Giusti, uno degli autori, di commentare insieme alcuni aspetti del suo studio.

Continuer la lecture de Gli Effetti degli Investimenti sulle Tecnologie Digitali nelle Scuole del Mezzogiorno. Intervista con Simone Giusti

Dans la famille DH, je voudrais… (en direct de la ESSHC 2016)

Tous les deux ans, l’European Social Science History Conference réunit des chercheurs ayant en commun le fait d’être des « scholars who explain historical phenomena using the methods of the social sciences »  (https://esshc.socialhistory.org). Il s’agit d’un rendez-vous aux proportions colossales: plus de 1500 interventions réparties sur quatre intenses journées (chacune étant divisée en quatre plages de 2h où prennent place jusqu’à 26 sections parallèles!).  Etant donnée la place occupée par les méthodes quantitatives en Histoire et en Sciences Sociales, l’intérêt de l’outil informatique (pour ses capacités de calcul en particulier) n’est plus à démontrer depuis longtemps. Or si l’informatique fut utilisée avant tout pour la constitution et l’analyse statistique de bases de données, à l’heure du « numérique »,  bien d’autres utilisations de cet outil se sont fait jour : analyse des réseaux sociaux, système d’information géographique,… Rien d’étonnant donc à ce que l’un des « Networks »  de la Conférence – c’est-à-dire l’un des centres d’intérêts structurants de l’événement – soit intitulé « Spatial and Digital History » et que douze sessions s’y rattachent, prévoyant en moyenne quatre interventions chacune (https://esshc.socialhistory.org/esshc-user/programme?network=370&textsearch=) . N’ayant pas le don d’ubiquité, je n’ai assisté qu’à deux de ces sessions, mais comme il y était question de fouille et d’analyse de données textuelles et du traitement archivistique de larges collections manuscrites – ce qui rejoint les préoccupations de ce Blog – je me suis proposée d’en faire un bref compte rendu,  qui a fini par prendre la forme d’une galerie de portraits (impressionnistes) tant les figures rencontrées m’ont paru archétypiques.

Continuer la lecture de Dans la famille DH, je voudrais… (en direct de la ESSHC 2016)

Appel à communications

logo_baseDeux collaborateurs du projet EDITEF, Renaud ADAM et Sandra TOFFOLO, participeront à la conférence 2016 de la Sixteenth Century Society (Bruges, 18-20 août 2016) et lancent un appel à communications pour participer à leur panel qui aura pour thématique ‘Cultural networks in the Renaissance: methodological challenges’.

Réponses attendues avant le 31 janvier 2016.

Télécharger l’appel à communications en format PDF.

Voici le texte de l’appel :

This session focuses on the study of cultural networks in the Renaissance and the methodological issues that accompany it. Rather than only focusing on the outcome of research on cultural networks in the Renaissance, this session aims (also) to address explicitly the methodological issues that historians deal with while conducting this type of research.
Presenters can choose either to focus on methodological questions concerning the analysis of cultural networks in the Renaissance in general, or present a specific case study (at any stage) concerning cultural networks in the Renaissance and use this in order to address also the main methodological issues that have been encountered. There are no geographical, chronological, or thematic restrictions on the type of cultural network. Some possible methodological issues to address include, but are not limited to: usefulness and limitations of digital humanities in network analysis; how to connect various networks to each other when different studies have different methods, technologies, and goals; advantages and disadvantages of visualization tools; small, closed circles vs. large, open networks; types of sources; definition of geographical and chronological range of the analysis.

Please send a title, an abstract (max. 250 words), and a short CV (max. 150 words) to Renaud Adam, Université de Liège (renaud.adam@ulg.ac.be) and Sandra Toffolo, Centre d’Études Supérieures de la Renaissance, Tours (sandra.toffolo@univ-tours.fr). Please detail any A/V needs that you might have.

For more information about the Sixteenth Century Society and Conference, please see the conference website: http://www.sixteenthcentury.org/conference/

The deadline for submission is 31 January 2016.

Orator 2.0 : gli studi umanistici e il discorso politico contemporaneo

In che modo Aristotele può esserci utile per analizzare i discorsi di Renzi, o Quintiliano per studiare le strategie persuasive di Salvini? La comunicazione politica è già fin dagli anni ’50 appannaggio di varie discipline quali la sociologia, le scienze politiche o la massmediologia, in breve quell’insieme di campi di studio che chiamiamo le “scienze sociali”. Non sembra dunque necessario scomodare la retorica dal suo pregiudiziale ruolo di studio sistematico, e anche un po’ rassicurante, delle figure. Forse dovremmo addirittura parlare di resuscitarla, siccome per alcuni la retorica sarebbe ormai morta da un centinaio di anni. In fondo i nostri politici non sono andati a scuola da Cicerone e ormai parlano “a braccio”, non devono presentarsi nelle assemblee del foro ma nei talk show, non scrivono declamationes ma tweet.

Continuer la lecture de Orator 2.0 : gli studi umanistici e il discorso politico contemporaneo

Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Nel 1937 Gianfranco Contini, in risposta all’imperante crocianesimo, scriveva:

Photo Guillaume Brialon, Licence CC BY NC SA, non modifiée, Source: FlickrChe significato hanno per il critico i manoscritti corretti degli autori? Vi sono essenzialmente due modi di considerare un’opera di poesia: v’è un modo, per così dire, statico, che vi ragiona attorno come un oggetto o risultato, e in definitiva riesce a una descrizione caratterizzante; e vi è un modo dinamico, che la vede quale opera umana o lavoro in fieri, e tende a rappresentarne drammaticamente la vita dialettica. Il primo stima l’opera poetica un “valore”; il secondo, una perenne “approssimazione al valore” e potrebbe definirsi, rispetto a quel primo e assoluto modo, un modo, in senso altissimo, “pedagogico”. È a questa considerazione pedagogica dell’arte che spetta l’interesse delle redazioni successive e delle varianti d’autore […].  (G. Contini, Come lavorava l’Ariosto, in Esercizi di lettura, Einaudi, Torino, 1982, p. 233)

Potremmo partire da Contini per riflettere (senza pretese normative!), se e come la filologia, e soprattutto un suo connotato, la “variante”, possa essere uno dei metodi per l’insegnamento della letteratura a scuola, e in che misura il digitale possa costituire un ‘tramite pedagogico forte’. Con questo non si vuole affermare che al liceo gli studenti debbano studiare filologia, ma forse si rende necessario un cambiamento di rotta metodologica e pedagogica nello studio della scrittura degli autori. Dico scrittura, e non storia delle interpretazioni di testi letterari considerati ‘falsamente finiti’! Il testo è “approssimazione al valore”!

Continuer la lecture de Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Saperi umanistici e contemporaneità: convegno per dottorandi Palermo 17-18 settembre

Nato da un’idea di Luciano Longo e di un gruppo di giovani colleghi palermitani, si terrà all’Università degli studi di Palermo il 17 e il 18 settembre un convegno internazionale rivolto a dottorandi sul tema “Saperi umanistici e contemporaneità”.

Nel tentativo di reagire a una deriva consolidata che relega letteratura, linguistica, filologia, antichistica e storia nell’angolo di una sterile autoreferenzialità, il convegno vuole rappresentare un fertile momento di scambio e dialogo utile alla messa in campo di metodologie di studio e didattica, strumenti e oggetti di ricerca che sappiano restituire in maniera innovativa il significato dei saperi umanistici oggi.

Continuer la lecture de Saperi umanistici e contemporaneità: convegno per dottorandi Palermo 17-18 settembre

Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

L’ascesa continua e prodigiosa che sta vivendo il settore delle Digital Humanities è un fenomeno che ha iniziato solo in tempi piuttosto recenti a interessare in maniera decisa l’ambiente accademico italiano, il quale fino a qualche tempo fa rimaneva defilato rispetto al vorticoso progresso cui stava andando incontro la disciplina. Il ruolo per lungo tempo marginale dell’Italia nella ricerca e nello sviluppo in seno all’Informatica Umanistica appare quantomeno paradossale se si pensa al fatto che essa affonda le sue radici nell’operato e nell’intuizione proprio di un italiano, Padre Roberto Busa.

Nato a Vicenza nel 1913, gesuita, Padre Busa è oggi considerato il padre della linguistica computazionale, grazie alla monumentale opera filologica e classificatoria condotta sugli scritti di Tommaso d’Aquino, che ha portato alla creazione dell’Index Thomisticus, vale a dire l’indicizzazione completa di tutte le occorrenze di ogni singolo lemma usato nelle opere di Tommaso d’Aquino.

Continuer la lecture de Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

Il filologo digitale e il futuro aziendale…alla ricerca di domande

I step: l’antefatto

Da studente di Lettere Moderne mi capitò di leggere il testo di M. L. West, Critica del testo e tecnica dell’edizione (1991, L’epos società editrice, Palermo). All’inizio della trattazione l’autore riporta l’esperienza di E. Fränkel giovane studente e allievo di F. Leo:

Avevo letto buona parte di Aristofane, cominAuteur: Tom Woodward, Richmond, USA; licence CC, BY NC SA, taille modifiée, source Wikimedia Commonsciavo a esprimere a Leo la mia passione per quell’autore e a discorrere della magia della sua poesia, (…). Leo mi lasciò parlare, forse per dieci minuti in tutto, senza manifestare alcun segno di disapprovazione o di impazienza. Quando ebbi finito, chiese: “In quale edizione ha letto Aristofane?” Io pensai: non mi ha forse ascoltato? Che rapporto ha la sua domanda con quel che gli ho detto? Dopo un momento di irritata esitazione risposi: “La Teubner”. Leo: “Oh, lei legge Aristofane senza un apparato critico”. Disse questo con molta calma, senza alcuna asprezza, senza una sfumatura di sarcasmo, semplicemente escludendo che fosse possibile a un giovane di tollerabile intelligenza fare una cosa del genere (…). In seguito mi sono convinto che in quel momento avevo compreso l’autentico significato della ricerca.

La mia prima reazione alla lettura fu la stessa del giovane Eduard: avevo letto montagne babeliche di libri ma in quale edizione critica? La seconda fu la ricerca disperata in biblioteca delle edizioni “scientifiche”. Dopo aver studiato i lavori di G. Contini, D. De Robertis, D. Isella rimasi impressionato, quasi senza fiato, e con una domanda insistente, scaturita dalla ‘abbuffata filologica’: «Quale “Testo” sto leggendo?» Disorientamento. L’incontro con il mondo filologico… quasi devastante.
Continuer la lecture de Il filologo digitale e il futuro aziendale…alla ricerca di domande

Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

Spazi di discussione

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

 

Chi rimpiangerà i vecchi tempi sarà inesorabilmente schiacciato dalla voglia di robot che dilagherà nei giovani.

(Giuseppe Gigliozzi)

 

Rispondo volentieri ai quesiti posti da Debora Barattin nel post precedente: mi sento in qualche modo chiamata in causa non come dalla definizione dataci dalla stessa di « collega ‘digital' », quanto piuttosto da chi occupandosi da anni di informatica umanistica, sente il bisogno di riportare qualche riflessione a riguardo. È possibile che sia “colpa della disgregazione dell’uomo rinascimentale, magari sarà colpa della specializzazione richiesta dalla società contemporanea” (Gigliozzi, 2003) come scrive Giuseppe Gigliozzi, studioso e pioniere dell’informatica umanistica in Italia, quando esordisce in uno dei primi manuali sull’argomento, sta di fatto che la tecnologia informatica ha influenzato le pratiche e le metodologie nella trasmissione della conoscenza e dell’informazione. Un processo innovativo che ha alterato i nostri paradigmi del pensiero, dell’immaginario o, più in generale, dell’agire umano.

E sebbene la rivoluzione digitale stia condizionando interamente le nostre vite e abbia palesemente influenzato la ricerca, l’insegnamento, l’apprendimento e gli strumenti con cui lavoriamo quotidianamente, ancora oggi, nei dipartimenti di scienze umane, prevale un certo scetticismo verso chi si occupi di informatica umanistica. D’altro canto, invece, recentemente si sta vedendo una proliferazione di progetti di ricerca in ambito umanistico con un’ampia parte dedicata alla digitalizzazione (da database a mappature tematiche), quasi tappa obbligatoria per avere fondi di ricerca. Lascio da parte il tono polemico concentrandomi in questo mio primo scritto soltanto su alcune questioni di metodo sviluppate all’interno di questa nuova disciplina promettendo altri interventi a riguardo non soltanto per la vastità del tema ma soprattutto per l’interesse che mi ha spinto per anni a mettere in relazione la letteratura e le teorie letterarie con i linguaggi formali. Continuer la lecture de Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [1]

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

Spazi di discussione

« Dieu souffre dans des multitudes d’âmes auxquelles sa parole sacrée ne peut pas descendre ; la vérité religieuse est captive dans un petit nombre de livres manuscrits qui garde le trésor commun, au lieu de le répandre. Brisons le sceau qui scelle les choses saintes, donnons des ailes à la vérité, et qu’au moyen de la parole, non plus écrite à grands frais par la main qui se lasse, mais multipliée comme l’air par une machine infatigable, elle aille chercher toute âme venant en ce monde ! »[1]

Nel XV secolo, lo stesso uomo che pronuncia queste parole, riportate da Lamartine tre secoli dopo, da vita ad un’invenzione che rivoluziona la vita culturale, politica, sociale e religiosa dell’umanità : stiamo parlando dell’introduzione della stampa in Europa da parte di Jean Gensfleich Guttemberg de Sorgeloch. Voi vi chiederete perché partiamo da così lontano per la nostra riflessione. Ebbene, focalizzeremo la nostra attenzione e le nostre preoccupazioni sulla biblioteconomia e l’impatto che l’informatica ha avuto su di essa. La novità che stiamo vivendo noi oggi, è già stata vissuta, sebbene con metodi e mezzi meno digital, circa sei secoli fa.

Continuer la lecture de Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [1]