Archives de catégorie : Strumenti

Manoscritti in cerca di catalogo 2: metodi

Il progetto, intitolato « META FGBib Manuscrits Italiens de Grenoble », ha come scopo principale la realizzazione di un catalogo redatto in XML-TEI. L’iniziativa, ideata dai responsabili del progetto Fonte Gaia, risponde al bisogno di valorizzazione delle opere italiane manoscritte conservate a Grenoble.

Tutti i dettagli in questo primo « billet »: Manoscritti in cerca di catalogo

Il catalogo in XML-TEI: metodi e strumenti.

Per intraprendere il lavoro di catalogazione dei manoscritti di entrambe le biblioteche si è dapprima scelto il modello descrittivo a cui attenersi.

Continuer la lecture de Manoscritti in cerca di catalogo 2: metodi

Bridging the Babel of Textual Criticism

Post by Wout Dillen, guest author for FonteGaia. Wout Dillen is a postdoctoral researcher at the University of Borås, Sweden, where his work is part of the DiXiT Marie Curie Initial Training Network. He developed the Lexicon of Scholarly Editing as an appendix to his Ph.D. dissertation, which was part of the ERC project CUTS (Creative Undoing and Textual Scholarship) at the University of Antwerp.

Lexicographical Approaches to Encompassing a Multilingual Research Field.

Although Textual Criticism is an international discipline concerned with the curation, analysis, and edition of historical documents written in any language, the field has primarily given rise to a number of distinct culture-dependent editorial traditions of textual scholarship. German Editionswissenschaft, Anglo-American Scholarly Editing, French critique génétique, and Italian Filologia d’autore are but a few examples.

But in the last decades the field has witnessed a rapprochement of different editorial theories and practices, transforming this series of individual, monolingual discussions into a larger, multilingual one. The result of this rapprochement is that rather than focussing on the differences between their respective traditions, it is now generally accepted that they each provide a different, but equally valuable perspective on how the texts of literary works could be edited, based on the historical evidence of textual transmission.

Continuer la lecture de Bridging the Babel of Textual Criticism

Guide de publication des éditions de textes : informations et recommandations du consortium Cahier

Constitué en fédération en 2011 dans le cadre de l’infrastructure « CORPUS » (désormais intégrée à la TGIR Huma-Num), CAHIER est un consortium interdisciplinaire de projets numériques, en accès libre, menés principalement dans les domaines des «corpus d’auteurs», qu’ils relèvent de la littérature, de la philosophie ou d’une thématique liée à une école ou à une pratique. Le consortium permet de tester des prototypes d’édition et de traitement des données qui circulent dans le domaine des humanités numériques sur les différents corpus.

Capture2Le groupe Questions juridiques du consortium a élaboré un guide sur « la publication des éditions de textes : informations et recommandations ».  L’objectif de ce guide est d’œuvrer à l’accessibilité des textes édités en informant les éditeurs de textes, les chercheurs confirmés ou les doctorants qui sont amenés à faire publier leurs travaux, sur leurs droits et obligations en tant que chercheurs-publiants.

Le document fait une analyse des contrats d’édition qui sont généralement proposés et propose de présenter des avenants à ces contrats, dans le respect de la législation (Code de la propriété intellectuelle) et dans le respect de la politique de Science ouverte concernant l’accès aux travaux scientifiques.
Pour les éditions de textes, il s’agit d’éviter que des cessions de droits patrimoniaux trop exclusives bloquent la réutilisation des œuvres sur d’autres supports, notamment dans des bases de textes d’auteurs développées, à des fins de recherche.

Thématiques traitées dans ce guide :

  • Les contrats proposés par les éditeurs
  • Recommandations pour le choix d’un éditeur et pour la signature d’un contrat
  • La rédaction d’avenants au contrat
  • Informations sur les droits des éditeurs des textes
  • La cessation des droits d’auteur par le contrat d’édition
  • La propriété intellectuelle pour les éditeurs des textes

Consulter le guide.

Collazione a colazione 3/3

Abbiamo definito nei posts precedenti la collazione e la sua relazione con l’informatica, e fornito alcuni spunti di lettura per chi volesse cominciare ad avventurarsi nella storia della collazione automatica. Vediamo ora quali sono le operazioni che un programma di collazione compie, secondo il già citato modello di Gothenburg.

Il cuore di un programma di collazione è l’allineamento: i testi delle diverse copie vengono allineati, in modo da identificare cosa nel testo A corrisponde a cosa nel testo B. Una volta riconosciute le parti che non cambiano, si introducono quelle che cambiano ed eventuali spazi bianchi.

Facciamo un esempio utilizzando il testo dell’Infinito di Leopardi. Continuer la lecture de Collazione a colazione 3/3

Collazione a collazione 2/3

Nel post precedente si è detto cosa intendiamo per collazione e come il confronto automatico tra due sequenze di caratteri sia un procedimento fondamentale e assai diffuso in informatica. In questo post passiamo velocemente in rassegna le pietre miliari della storia della collazione automatica. Nel prossimo vedremo quali sono le operazioni fondamentali che un programma di collazione compie, dando qualche esempio.

Dom Jacques Froger (La Critique des textes et son automatisation, Dunod 1968) è stato probabilmente il primo critico testuale ad usare un computer per collazionare (e molto altro). Come dicevamo, la storia della collazione automatica va di pari passo con quella dei computer, includendo hardware e software.  Continuer la lecture de Collazione a collazione 2/3

Collazione a colazione! 1/3

In questo post, tanto breve da poter essere letto mentre si prende il caffé, introduciamo la collazione, una classica operazione filologica, e le sue affinità con il mondo dell’informatica.

Cosa vuol dire collazionare? Collazione è un termine tecnico della critica testuale, che indica il confronto tra due o più copie (manoscritte, dattiloscritte, stampate o digitali) di una stessa opera. Quando si prepara un’edizione di un testo del quale possediamo più di una copia, è sovente necessario passare attraverso la fase di collazione. Nel caso di un’edizione critica, la collazione serve a indagare la tradizione testuale e a chiarire i rapporti tra le copie; è quello che succede per le opere classiche o medievali, ma non solo. Nel caso di un’edizione genetica, la collazione getta luce sul processo di creazione, attraverso la comparazione del testo nelle successive fasi di scrittura.

Confrontare due copie dello stesso testo è un procedimento lungo, durante il quale facilmente si incorre in sviste e errori. Per questo motivo, non appena sono apparsi i progenitori dei moderni computer i filologi hanno riposto in loro una speranza. La storia della collazione automatica si intreccia con quella dell’informatica.

Continuer la lecture de Collazione a colazione! 1/3