Let us pop!

La primavera 2015 vede sbocciare le prime iniziative legate a un progetto che già da alcuni mesi si sta sviluppando tra più università a cavallo di diversi paesi europei. Un gruppo di giovani ricercatori e dottorandi, sparsi tra Francia, Italia, Gran Bretagna, molti dei quali animano anche le pagine di questo blog, hanno deciso di mettere insieme le loro energie per riflettere sulla riscrittura proposta da forme di cultura popolare ma non soltanto, del cosiddetto canone letterario italiano.

Cercando di spaziare dalla fan fiction al cinema di genere e alle serie televisive, passando per fumetti e graphic novels, senza dimenticare la musica, i giochi di società e i videogiochi, l’ambizione è quella di proporre una mappatura dell’immaginario collettivo contemporaneo in quanto segnato da suggestioni provenienti dalla storia letteraria italiana, da suoi libri e scrittori. Seguendo logicamente un percorso cronologico, la prima tappa del progetto intende interrogarsi su diverse modalità secondo cui il Medioevo fornisce temi e concetti per riscritture e adattamenti contemporanei. A questo proposito, ci troviamo oggi di fronte a un revival medievale che, se da un lato si inscrive all’interno di una serie di tentativi non dissimili di cui si ha traccia già nell’Europa del Settecento, dall’altro se ne differenzia per l’ampliamento del pubblico da esso raggiunto. Tali questioni sembrano informare più ampiamente lo spirito del tempo, come suggeriscono iniziative quali i congressi di Berlino e di Saint-Etienne.

I fiori primaverili di cui sopra prendono la forma di due panel presentati dal gruppo di lavoro italo-franco-britannico al congresso annuale dell’AATI, l’associazione americana degli insegnanti di italiano, che si terrà a Siena dal 22 al 26 giugno prossimi. Si spera che a essi se ne intreccino presto degli altri. Questo post vuole anche essere un tentativo di allargamento del gruppo di lavoro a tutti gli interessati, che preghiamo in caso di contattare Filippo Fonio (filippo.fonio [at] u-grenoble3.fr) o Alessandro Martini (alessandro.martini [at] univ-lyon3.fr).

Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

Spazi di discussione

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

 

Chi rimpiangerà i vecchi tempi sarà inesorabilmente schiacciato dalla voglia di robot che dilagherà nei giovani.

(Giuseppe Gigliozzi)

 

Rispondo volentieri ai quesiti posti da Debora Barattin nel post precedente: mi sento in qualche modo chiamata in causa non come dalla definizione dataci dalla stessa di “collega ‘digital'”, quanto piuttosto da chi occupandosi da anni di informatica umanistica, sente il bisogno di riportare qualche riflessione a riguardo. È possibile che sia “colpa della disgregazione dell’uomo rinascimentale, magari sarà colpa della specializzazione richiesta dalla società contemporanea” (Gigliozzi, 2003) come scrive Giuseppe Gigliozzi, studioso e pioniere dell’informatica umanistica in Italia, quando esordisce in uno dei primi manuali sull’argomento, sta di fatto che la tecnologia informatica ha influenzato le pratiche e le metodologie nella trasmissione della conoscenza e dell’informazione. Un processo innovativo che ha alterato i nostri paradigmi del pensiero, dell’immaginario o, più in generale, dell’agire umano.

E sebbene la rivoluzione digitale stia condizionando interamente le nostre vite e abbia palesemente influenzato la ricerca, l’insegnamento, l’apprendimento e gli strumenti con cui lavoriamo quotidianamente, ancora oggi, nei dipartimenti di scienze umane, prevale un certo scetticismo verso chi si occupi di informatica umanistica. D’altro canto, invece, recentemente si sta vedendo una proliferazione di progetti di ricerca in ambito umanistico con un’ampia parte dedicata alla digitalizzazione (da database a mappature tematiche), quasi tappa obbligatoria per avere fondi di ricerca. Lascio da parte il tono polemico concentrandomi in questo mio primo scritto soltanto su alcune questioni di metodo sviluppate all’interno di questa nuova disciplina promettendo altri interventi a riguardo non soltanto per la vastità del tema ma soprattutto per l’interesse che mi ha spinto per anni a mettere in relazione la letteratura e le teorie letterarie con i linguaggi formali. Continuer la lecture de Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

..ha gli occhi sulle spalle, sulla nuca, sulle dita, sul sedere.

Parole di Umberto Eco nel descrivere l’uomo iper-connesso secondo il perfettissimo Munari. Bruno Munari, designer italiano famoso per le sue macchine inutili, è l’autore dell’intreccio di nuclei ferritici sulla copertina dell’Almanacco Bompiani del 1962. Insomma l’ho trovato, non ci speravo, quando alla fine ho intercettato una buona digitalizzazione sul sito Post Digital Publishing. Bookmarkatevelo!

Ora viene il titolo: “Le Applicazioni dei Calcolatori Elettronici alle Scienze Morali e alla Letteratura”. Sontuoso. Questo numero non contiene solo il primo testo sulla biblioteca del futuro mai pubblicato, ma riporta anche una famosa survey dal titolo poliziesco: Inchiesta sulle due Culture, in occasione della quale il curatore Sergio Morando chiama all’appello importanti intellettuali italiani, al fine di fare chiarezza su un binomio non proprio consueto per l’epoca. Neanche a dirlo, sul banco degli imputati c’è il “cervello elettronico”.

Continuer la lecture de ..ha gli occhi sulle spalle, sulla nuca, sulle dita, sul sedere.

Pour les italianistes 2.0 : HyperMachiavel

Cher-e-s italianistes du XXIe siècle,

Permettez-moi de vous présenter… HyperMachiavel, logiciel libre permettant la mise en parallèle, la comparaison et plus généralement l’exploration lexicale et sémantique de corpus en langues différentes (uniquement en alphabet latin pour l’instant), et en particulier de traductions, à l’aide de fonctions de recherche et d’annotation semi-automatique. Cet outil est né d’une conviction : la circulation des textes et de leur contenu passe notamment par la traduction, et l’étude des choix opérés le traducteur, au fil de son patient travail sur le texte-source, peut permettre de mieux cerner les spécificités de la langue qu’il traduit, y compris sur le plan des représentations. Cela a donné naissance à un logiciel libre OpenSource (Licence Cecill-B, téléchargeable sur demande auprès de severine.gedzelman[at]ens-lyon.fr) dont le développement, encore en cours, est porté par le laboratoire Triangle (UMR 5206).

Continuer la lecture de Pour les italianistes 2.0 : HyperMachiavel

Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [1]

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

Spazi di discussione

« Dieu souffre dans des multitudes d’âmes auxquelles sa parole sacrée ne peut pas descendre ; la vérité religieuse est captive dans un petit nombre de livres manuscrits qui garde le trésor commun, au lieu de le répandre. Brisons le sceau qui scelle les choses saintes, donnons des ailes à la vérité, et qu’au moyen de la parole, non plus écrite à grands frais par la main qui se lasse, mais multipliée comme l’air par une machine infatigable, elle aille chercher toute âme venant en ce monde ! »[1]

Nel XV secolo, lo stesso uomo che pronuncia queste parole, riportate da Lamartine tre secoli dopo, da vita ad un’invenzione che rivoluziona la vita culturale, politica, sociale e religiosa dell’umanità : stiamo parlando dell’introduzione della stampa in Europa da parte di Jean Gensfleich Guttemberg de Sorgeloch. Voi vi chiederete perché partiamo da così lontano per la nostra riflessione. Ebbene, focalizzeremo la nostra attenzione e le nostre preoccupazioni sulla biblioteconomia e l’impatto che l’informatica ha avuto su di essa. La novità che stiamo vivendo noi oggi, è già stata vissuta, sebbene con metodi e mezzi meno digital, circa sei secoli fa.

Continuer la lecture de Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [1]

Workshop FGBlog: compte rendu

Un compte rendu “objectif” et complet est disponible dès aujourd’hui. Le ton est bien sûr très différent des trois posts précédents, et le contenu informatif. Utile pour trouver des informations sur les outils que nous utilisons et la ligne éditoriale, ce compte rendu peut aussi être consulté par quiconque: n’est pas italophone; voudrait intégrer notre équipe (remplir ici le formulaire “Nous rejoindre et contribuer”).

Continuer la lecture de Workshop FGBlog: compte rendu

Focus sur les Arts décoratifs italiens

Je souhaite, dans ce billet, partager avec vous mon coup de cœur pour deux expositions temporaires présentées à Paris, respectivement au Musée d’Orsay et dans la nef des Arts décoratifs : Dolce vita ? Du Liberty au design italien (1900-1940) et Piero Fornasetti : la folie pratique.

Toutes deux s’aventurent hors des sentiers battus et proposent au visiteur de découvrir une autre facette de l’art italien. Ces deux expositions, complémentaires, permettent, en effet, d’explorer le monde des arts décoratifs italiens, encore trop méconnu en France.

Continuer la lecture de Focus sur les Arts décoratifs italiens

Workshop Fonte Gaia : un rendez-vous très attendu

Fonte Gaia. Je m’efforce de me rappeler, mais rien n’y fait, je ne réussis pas à me souvenir du moment exact où j’ai entendu parler du projet Fonte Gaia pour la première fois. Ce qui est certain, c’est qu’au cours des dernières années, dans le cadre des réunions du Gerci (Groupe d’Études et de Recherche sur la culture italienne de l’Université Stendhal de Grenoble), ou au cours des séminaires de ce laboratoire, ce projet revenait souvent, dévoilé peu à peu par Claire Mouraby et Filippo Fonio, comme un leitmotiv capable de susciter l’enthousiasme (ou au moins le questionnement) de l’auditoire. Continuer la lecture de Workshop Fonte Gaia : un rendez-vous très attendu

Digital Party

5144616071_b3d3c14101_o

 

Cosa ci fa un gruppo di giovani italianisti, filologi e digital humanists in una sala conferenze della Bibliothèque Universitaire Droit-Lettres con splendida vista sulle montagne grenoblesi? Non è l’incipit di una barzelletta da allegri accademici che hanno alzato un po’ troppo il gomito, ma la domanda che l’intensa due giorni inaugurale del progetto Fonte Gaia (9-10 aprile) ha posto a un gruppo di giovani ricercatori provenienti da tutta Europa.

Di questo primo incontro, cui ho avuto il piacere di partecipare in qualità di neo-blogger giunto con questo post al battesimo del web, vi darò qui di seguito qualche mia personalissima impressione in ordine sparso.

Cos’è innanzitutto FonteGaia? Dietro questo nome dalle molteplici suggestioni (Nietzsche, la fontana senese di Piazza del Campo, il gai saber della lirica occitanica, su tutte l’idea di un sapere che zampilla gioiosamente), si cela un progetto nato nell’ormai lontano 2009 e che grazie al lavoro e l’iniziativa, tra gli altri, di Filippo Fonio, Claire Mouraby ed Elena Pierazzo, sta prendendo finalmente forma proprio in questi mesi.   Continuer la lecture de Digital Party

Andrea Penso

Andrea

Mi sono formato all’Università degli Studi di Padova, dove ho conseguito il Dottorato di Ricerca in Scienze Linguistiche, Filologiche e Letterarie nel 2015, con una tesi sullo stile e il linguaggio poetico di Vincenzo Monti, prestando particolare attenzione alla poetica degli esordi.

Nel 2013 ho studiato presso la Oxford University come Visiting Researcher, e ho svolto uno stage doctoral presso l’Université Sorbonne Nouvelle – Paris 3 nel 2014. Dallo stesso anno sono lettore d’italiano all’Université Stendhal – Grenoble 3.

Mi occupo di letteratura italiana del Settecento (Monti, Cesarotti, l’Arcadia) e dell’Ottocento (Leopardi), con qualche incursione novecentesca (Primo Levi). Tra i miei interessi anche le Digital Humanities e le edizioni digitali.

Link al Profilo di Academia

 

 

Italianisme et humanités numériques : Fonte Gaia et le projet EDITEF

L’expression “humanités numériques” désigne un domaine de recherche au croisement de l’informatique et des arts, lettres, sciences humaines et sciences sociales, et représente précisément un des principaux objets d’intérêt de Fonte Gaia. Souhaitant donner un nouvel essor aux études italiennes, cette nouvelle communauté de chercheurs souhaite s’investir dans un réseau d’échange d’information et de débat d’idées autour de l’italianisme, contemporain et international, à l’époque du digital.

Le projet EDITEF, fait désormais partie de ce réseau de chercheurs, en tant que projet portant sur l’édition italienne dans l’espace francophone à la première modernité, qui se veut être au cheval des humanités numériques. Continuer la lecture de Italianisme et humanités numériques : Fonte Gaia et le projet EDITEF

FONTEGAIA ~ La donna alla fonte

fontegaia

Nelle cantigas de amigo, nell’Annunciazione dei Vangeli apocrifi, fino ad Anita Ekberg alla Fontana di Trevi, l’immagine della donna alla fonte appartiene al repertorio dei motivi folclorici e popolari e si tinge spesso di erotismo.

Il motivo si rintraccia nelle manifestazioni letterarie e non delle culture più disparate. Thompson e Morales Blouin ad esempio ne registrano occorrenze nelle letterature ebraica, indiana, greca, sefardita, francese, rumena, bulgara, croata, serba, lituana, irlandese, islandese; la vitalità in luoghi (e tempi) tanto distanti si spiega poligeneticamente a partire da pratiche quotidiane simili, interessanti anche dal punto di vista antropologico.

In una serie di brevi post proponiamo un percorso tra i testi animati da donne e fonti in ambito romanzo, senza la pretesa di coprirne tutte le occorrenze. Apriamo con i canti popolari, ed un’incursione nel Decameron; proseguiremo con le liriche del medioevo romanzo. Alcuni dei materiali che useremo sono tratti da un articolo disponibile qui, ma numerose aggiunte e alcune modifiche sono state apportate.

Continuer la lecture de FONTEGAIA ~ La donna alla fonte

Si parte: una non-rivista per gli studi italianistici e le digital humanities/C’est parti: une non-revue…

L’idea di questo blog parte dalla volontà di creare qualcosa di nuovo non solo per quanto riguarda il contenuto, ma per il modo di lavorare. Abbiamo quindi ideato una nuovo spazio collaborativo dove un gruppo di redattori entusiasti possano declinare a loro modo l’oggetto del blog, vale a dire l’italianistica all’epoca del digitale. Continuer la lecture de Si parte: una non-rivista per gli studi italianistici e le digital humanities/C’est parti: une non-revue…

Francesco Bonelli

 

Dopo essermi formato presso l’Università La Sapienza di Roma e l’Università degli Studi di Padova, ho ottenuto un Master Recherche in letteratura italiana presso l’Université Stendhal-Grenoble3 nel maggio 2013. Attualmente sto preparando, sempre all’Université Grenoble Alpes, una tesi di dottorato sulla “Scapigliatura democratica”. I miei interessi riguardano la ScapP1010756igliatura milanese e, più in generale, la letteratura italiana del secondo Ottocento, con particolare riferimento agli scambi e alle relazioni con la Francia. Dal 2013 faccio parte del comitato organizzativo del Work in Progress, un gruppo di dottorandi e giovani ricercatori del GERCI (Groupe d’Etude et de Recherche sur la Culture Italienne) che organizza seminari trasversali legati all’ambito dell’italianistica. Collaboro al progetto FonteGaia in qualità di blogger.

Link Profilo Academia

Francesco Bonelli from Fonte Gaia on Vimeo.

Giulia Cacciatore

IMG_2076

Sono dottoranda in Etudes Italiennes all’università di Grenoble (Gerci) dove sto preparando una tesi su Gesualdo Bufalino; l’ambizione della mia ricerca è ricostruire i dossier genetici  dei manoscritti composti dall’autore prima dell’esordio (1981).

I miei interessi sono la letteratura contemporanea, la filologia genetica francese, la filologia d’autore italiana, l’informatica umanistica.