Archives par mot-clé : Canone

LET US POP! (2) Il dopo Siena…

Come Alessandro Martini aveva già annunciato lo scorso maggio, dal 22 al 26 giugno un gruppo di appassionati al contempo di medioevo e di pop culture, si è riunito a Siena durante il Convegno organizzato dall’American Association of Teachers of Italian (AATI) per discutere di canone e riscritture medievali in chiave pop.

Cosa di meglio di un panorama evocante già l’atmosfera medievale esistente a Siena, grazie alla sua bellissima Piazza del Campo, le alte mura che circondano la città e le torri dei Monti Paschi, per riscoprire il Medioevo pop di oggi? Da mesi, dottorandi e professori provenienti dall’Università di Grenoble, Birmingham, Padova, Palermo, Lione e Montpellier, riflettono sul perché tanto è l’interesse per la cultura medievale che ritroviamo oggi rimaneggiata in arti già consolidate come il romanzo e la musica, e in arti più contemporanee come il fumetto, il cinema e, perché no, il videogioco… Per mesi si sono chiesti: esiste, forse, un nuovo canone letterario? Quali sono queste riscritture “pop”? Continuer la lecture de LET US POP! (2) Il dopo Siena…

Let us pop!

La primavera 2015 vede sbocciare le prime iniziative legate a un progetto che già da alcuni mesi si sta sviluppando tra più università a cavallo di diversi paesi europei. Un gruppo di giovani ricercatori e dottorandi, sparsi tra Francia, Italia, Gran Bretagna, molti dei quali animano anche le pagine di questo blog, hanno deciso di mettere insieme le loro energie per riflettere sulla riscrittura proposta da forme di cultura popolare ma non soltanto, del cosiddetto canone letterario italiano.

Cercando di spaziare dalla fan fiction al cinema di genere e alle serie televisive, passando per fumetti e graphic novels, senza dimenticare la musica, i giochi di società e i videogiochi, l’ambizione è quella di proporre una mappatura dell’immaginario collettivo contemporaneo in quanto segnato da suggestioni provenienti dalla storia letteraria italiana, da suoi libri e scrittori. Seguendo logicamente un percorso cronologico, la prima tappa del progetto intende interrogarsi su diverse modalità secondo cui il Medioevo fornisce temi e concetti per riscritture e adattamenti contemporanei. A questo proposito, ci troviamo oggi di fronte a un revival medievale che, se da un lato si inscrive all’interno di una serie di tentativi non dissimili di cui si ha traccia già nell’Europa del Settecento, dall’altro se ne differenzia per l’ampliamento del pubblico da esso raggiunto. Tali questioni sembrano informare più ampiamente lo spirito del tempo, come suggeriscono iniziative quali i congressi di Berlino e di Saint-Etienne.

I fiori primaverili di cui sopra prendono la forma di due panel presentati dal gruppo di lavoro italo-franco-britannico al congresso annuale dell’AATI, l’associazione americana degli insegnanti di italiano, che si terrà a Siena dal 22 al 26 giugno prossimi. Si spera che a essi se ne intreccino presto degli altri. Questo post vuole anche essere un tentativo di allargamento del gruppo di lavoro a tutti gli interessati, che preghiamo in caso di contattare Filippo Fonio (filippo.fonio [at] u-grenoble3.fr) o Alessandro Martini (alessandro.martini [at] univ-lyon3.fr).