Archives par mot-clé : digital humanities

Il filologo digitale e il futuro aziendale…alla ricerca di domande

I step: l’antefatto

Da studente di Lettere Moderne mi capitò di leggere il testo di M. L. West, Critica del testo e tecnica dell’edizione (1991, L’epos società editrice, Palermo). All’inizio della trattazione l’autore riporta l’esperienza di E. Fränkel giovane studente e allievo di F. Leo:

Avevo letto buona parte di Aristofane, cominAuteur: Tom Woodward, Richmond, USA; licence CC, BY NC SA, taille modifiée, source Wikimedia Commonsciavo a esprimere a Leo la mia passione per quell’autore e a discorrere della magia della sua poesia, (…). Leo mi lasciò parlare, forse per dieci minuti in tutto, senza manifestare alcun segno di disapprovazione o di impazienza. Quando ebbi finito, chiese: “In quale edizione ha letto Aristofane?” Io pensai: non mi ha forse ascoltato? Che rapporto ha la sua domanda con quel che gli ho detto? Dopo un momento di irritata esitazione risposi: “La Teubner”. Leo: “Oh, lei legge Aristofane senza un apparato critico”. Disse questo con molta calma, senza alcuna asprezza, senza una sfumatura di sarcasmo, semplicemente escludendo che fosse possibile a un giovane di tollerabile intelligenza fare una cosa del genere (…). In seguito mi sono convinto che in quel momento avevo compreso l’autentico significato della ricerca.

La mia prima reazione alla lettura fu la stessa del giovane Eduard: avevo letto montagne babeliche di libri ma in quale edizione critica? La seconda fu la ricerca disperata in biblioteca delle edizioni “scientifiche”. Dopo aver studiato i lavori di G. Contini, D. De Robertis, D. Isella rimasi impressionato, quasi senza fiato, e con una domanda insistente, scaturita dalla ‘abbuffata filologica’: «Quale “Testo” sto leggendo?» Disorientamento. L’incontro con il mondo filologico… quasi devastante.
Continuer la lecture de Il filologo digitale e il futuro aziendale…alla ricerca di domande

Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

Lacerba rivistaFra i tanti vantaggi che l’umanistica informatica comporta c’è anche quello, non secondario, di regalarci il lusso (fino a poco fa impensabile per chiunque) di essere “viaggiatori sedentari” ovvero avere accesso alle ricchezze custodite in fondi o archivi remoti comodamente seduti in poltrona, o mentre si è in viaggio, appunto.

E se fra le risorse a nostra disposizione non ci fossero solo libri ma anche riviste illustrate? Per studiosi o semplici amanti di revues fin de siècle, la possibilità c’è, ed è stata realizzata dal Centro Apice (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale) dell’università Statale di Milano che ha realizzato – grazie al finanziamento della Regione Lombardia – il Progetto Marengo.
Il Centro Apice nasce nel 2002 allo scopo di custodire – e rendere fruibili – fondi bibliografici di particolare pregio come gli archivi di alcune importanti case editrici (il Fondo Bompiani o BUR Rizzoli), nonché gli autografi di scrittori e artisti (solo per citare un esempio tra i tanti, ricordiamo almeno il Fondo Giudici che conserva i manoscritti, i dattiloscritti e la corrispondenza del poeta).
Fra le tante ricchezze possedute c’è, appunto, il Fondo Pietro Marengo (ex direttore editoriale dell’UTET), una pregevole collezione delle più importanti riviste italiane (dalla storica “Lacerba » al “Politecnico” di Vittorini) ed europee (“Assiette au Beurre”, “Simplicissimus”, “La caricature” di Albert Robida e “Verve”).
Proprio per valorizzare questo Fondo prende avvio, nel 2002, il progetto Marengo che ha come obiettivo la digitalizzazione di buona parte delle riviste conservate nel suo archivio.

Per saperne di più sul processo di digitalizzazione, ho posto qualche domanda a Marta Sironi che ha seguito alcune delle fasi di realizzazione del Progetto:

Continuer la lecture de Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

..ha gli occhi sulle spalle, sulla nuca, sulle dita, sul sedere.

Parole di Umberto Eco nel descrivere l’uomo iper-connesso secondo il perfettissimo Munari. Bruno Munari, designer italiano famoso per le sue macchine inutili, è l’autore dell’intreccio di nuclei ferritici sulla copertina dell’Almanacco Bompiani del 1962. Insomma l’ho trovato, non ci speravo, quando alla fine ho intercettato una buona digitalizzazione sul sito Post Digital Publishing. Bookmarkatevelo!

Ora viene il titolo: « Le Applicazioni dei Calcolatori Elettronici alle Scienze Morali e alla Letteratura ». Sontuoso. Questo numero non contiene solo il primo testo sulla biblioteca del futuro mai pubblicato, ma riporta anche una famosa survey dal titolo poliziesco: Inchiesta sulle due Culture, in occasione della quale il curatore Sergio Morando chiama all’appello importanti intellettuali italiani, al fine di fare chiarezza su un binomio non proprio consueto per l’epoca. Neanche a dirlo, sul banco degli imputati c’è il « cervello elettronico ».

Continuer la lecture de ..ha gli occhi sulle spalle, sulla nuca, sulle dita, sul sedere.

Digital Party

5144616071_b3d3c14101_o

 

Cosa ci fa un gruppo di giovani italianisti, filologi e digital humanists in una sala conferenze della Bibliothèque Universitaire Droit-Lettres con splendida vista sulle montagne grenoblesi? Non è l’incipit di una barzelletta da allegri accademici che hanno alzato un po’ troppo il gomito, ma la domanda che l’intensa due giorni inaugurale del progetto Fonte Gaia (9-10 aprile) ha posto a un gruppo di giovani ricercatori provenienti da tutta Europa.

Di questo primo incontro, cui ho avuto il piacere di partecipare in qualità di neo-blogger giunto con questo post al battesimo del web, vi darò qui di seguito qualche mia personalissima impressione in ordine sparso.

Cos’è innanzitutto FonteGaia? Dietro questo nome dalle molteplici suggestioni (Nietzsche, la fontana senese di Piazza del Campo, il gai saber della lirica occitanica, su tutte l’idea di un sapere che zampilla gioiosamente), si cela un progetto nato nell’ormai lontano 2009 e che grazie al lavoro e l’iniziativa, tra gli altri, di Filippo Fonio, Claire Mouraby ed Elena Pierazzo, sta prendendo finalmente forma proprio in questi mesi.   Continuer la lecture de Digital Party

Italianisme et humanités numériques : Fonte Gaia et le projet EDITEF

L’expression « humanités numériques » désigne un domaine de recherche au croisement de l’informatique et des arts, lettres, sciences humaines et sciences sociales, et représente précisément un des principaux objets d’intérêt de Fonte Gaia. Souhaitant donner un nouvel essor aux études italiennes, cette nouvelle communauté de chercheurs souhaite s’investir dans un réseau d’échange d’information et de débat d’idées autour de l’italianisme, contemporain et international, à l’époque du digital.

Le projet EDITEF, fait désormais partie de ce réseau de chercheurs, en tant que projet portant sur l’édition italienne dans l’espace francophone à la première modernité, qui se veut être au cheval des humanités numériques. Continuer la lecture de Italianisme et humanités numériques : Fonte Gaia et le projet EDITEF