Archives par mot-clé : édition

Omeka et Scholarly Editions

Omeka est un gestionnaire de contenus (Content Management System ou CMS) open source développé depuis 2008 par le Roy Rozensweig Centre for History and New Media de la George Mason University (Virginie, USA), à destination des institutions culturelles et patrimoniales (bibliothèques, archives, musées, laboratoires de recherche…), qui souhaitent exposer leurs données sur le Web. Fort d’une communauté d’utilisateurs très active, Omeka est aujourd’hui devenu un outil incontournable dans le paysage numérique international.

En France, l’explosion du nombre de projets basés sur Omeka a fait de la constitution d’une communauté d’intérêts et d’entraide autour de ce CMS une nécessité. Cela se traduit par la prise en main de l’outil par la TGIR Huma-Num, qui aide les institutions culturelles dans leur passage au numérique, par la création d’une liste de diffusion et par l’organisation de journées d’étude telle que celle du 13 juin 2016, à Paris.  Continuer la lecture de Omeka et Scholarly Editions

Bridging the Babel of Textual Criticism

Post by Wout Dillen, guest author for FonteGaia. Wout Dillen is a postdoctoral researcher at the University of Borås, Sweden, where his work is part of the DiXiT Marie Curie Initial Training Network. He developed the Lexicon of Scholarly Editing as an appendix to his Ph.D. dissertation, which was part of the ERC project CUTS (Creative Undoing and Textual Scholarship) at the University of Antwerp.

Lexicographical Approaches to Encompassing a Multilingual Research Field.

Although Textual Criticism is an international discipline concerned with the curation, analysis, and edition of historical documents written in any language, the field has primarily given rise to a number of distinct culture-dependent editorial traditions of textual scholarship. German Editionswissenschaft, Anglo-American Scholarly Editing, French critique génétique, and Italian Filologia d’autore are but a few examples.

But in the last decades the field has witnessed a rapprochement of different editorial theories and practices, transforming this series of individual, monolingual discussions into a larger, multilingual one. The result of this rapprochement is that rather than focussing on the differences between their respective traditions, it is now generally accepted that they each provide a different, but equally valuable perspective on how the texts of literary works could be edited, based on the historical evidence of textual transmission.

Continuer la lecture de Bridging the Babel of Textual Criticism

Collazione a colazione 3/3

Abbiamo definito nei posts precedenti la collazione e la sua relazione con l’informatica, e fornito alcuni spunti di lettura per chi volesse cominciare ad avventurarsi nella storia della collazione automatica. Vediamo ora quali sono le operazioni che un programma di collazione compie, secondo il già citato modello di Gothenburg.

Il cuore di un programma di collazione è l’allineamento: i testi delle diverse copie vengono allineati, in modo da identificare cosa nel testo A corrisponde a cosa nel testo B. Una volta riconosciute le parti che non cambiano, si introducono quelle che cambiano ed eventuali spazi bianchi.

Facciamo un esempio utilizzando il testo dell’Infinito di Leopardi. Continuer la lecture de Collazione a colazione 3/3

Collazione a collazione 2/3

Nel post precedente si è detto cosa intendiamo per collazione e come il confronto automatico tra due sequenze di caratteri sia un procedimento fondamentale e assai diffuso in informatica. In questo post passiamo velocemente in rassegna le pietre miliari della storia della collazione automatica. Nel prossimo vedremo quali sono le operazioni fondamentali che un programma di collazione compie, dando qualche esempio.

Dom Jacques Froger (La Critique des textes et son automatisation, Dunod 1968) è stato probabilmente il primo critico testuale ad usare un computer per collazionare (e molto altro). Come dicevamo, la storia della collazione automatica va di pari passo con quella dei computer, includendo hardware e software.  Continuer la lecture de Collazione a collazione 2/3

Collazione a colazione! 1/3

In questo post, tanto breve da poter essere letto mentre si prende il caffé, introduciamo la collazione, una classica operazione filologica, e le sue affinità con il mondo dell’informatica.

Cosa vuol dire collazionare? Collazione è un termine tecnico della critica testuale, che indica il confronto tra due o più copie (manoscritte, dattiloscritte, stampate o digitali) di una stessa opera. Quando si prepara un’edizione di un testo del quale possediamo più di una copia, è sovente necessario passare attraverso la fase di collazione. Nel caso di un’edizione critica, la collazione serve a indagare la tradizione testuale e a chiarire i rapporti tra le copie; è quello che succede per le opere classiche o medievali, ma non solo. Nel caso di un’edizione genetica, la collazione getta luce sul processo di creazione, attraverso la comparazione del testo nelle successive fasi di scrittura.

Confrontare due copie dello stesso testo è un procedimento lungo, durante il quale facilmente si incorre in sviste e errori. Per questo motivo, non appena sono apparsi i progenitori dei moderni computer i filologi hanno riposto in loro una speranza. La storia della collazione automatica si intreccia con quella dell’informatica.

Continuer la lecture de Collazione a colazione! 1/3

Le risorse dell’italianista 2.0: Edition Visualization Technology

Edition Visualization Technology (EVT) è un software open source, sviluppato dal 2010 circa presso l’Università di Pisa da un team guidato dal prof. Roberto Rosselli del Turco (Università di Torino): questo strumento permette di pubblicare un’edizione in formato TEI XML creando un’applicazione web-based – che necessita soltanto l’uso di un navigatore moderno – basata su HTML+CSS, JavaScript e tecnologie derivate, come jQuery. L’accento è stato posto sulla creazione di un’interfaccia utente veramente user-friendly, affinché gli studiosi (anche non 2.0) possano non solo usarlo direttamente, ma anche – possibilmente – adattarlo ai propri progetti: l’uso di EVT non richiede una configurazione potente, né particolari competenze di programmazione o di web design, se non per quanto riguarda l’applicazione di fogli di stile XSLT.

EVT è stato sviluppato e testato prevalentemente nell’ambito del progetto Vercelli Book Digitale (una prima versione è già disponibile online: http://vbd.humnet.unipi.it/beta/#104v), che risale al lontano 2007 e che mira a offrire un’edizione digitale image-based di uno dei più grandi codici in inglese antico pervenutici, il Codex Vercellensis CXVII. Tale progetto si fonda sulla convinzione che « un’edizione digitale di un manoscritto fornisce strumenti di indagine superiori rispetto alla tradizionale consultazione diretta: visualizzazione di dettagli con illuminazioni particolari, ingrandimenti a piacere, filtri grafici per analizzare le immagini » [1].  Ma l’intero progetto è anche pervaso dalla volontà di creare uno strumento aperto e libero quanto possibile: non solo gli standard usati (XML-TEI P5 per la codifica dei testi e JPEG per le immagini) sono aperti, ma il software e la documentazione afferente sono stati resi disponibili a chiunque fosse interessato sul sito SourceForge [2].

Va notato che EVT è stato concepito per visualizzare un file codificato in XML-TEI P5: in altre parole, non si tratta di creare un’edizione digitale all’interno di un software, ma di creare una visualizzazione servendosi dei tag presenti nel file XML TEI. Ciò consente all’editore di concentrarsi sulla trascrizione e la codifica dei vari elementi del testo allestendo un unico file, il che garantisce la perfetta coerenza e logica dell’edizione, e facilita il processo di revisione e di update. D’altronde, scegliere una codifica XML-TEI P5 significa anche usare una norma già comprovata in varie edizioni digitali, ormai internazionalmente nota e riconosciuta. Ciò rappresenta un passo avanti verso una maggiore standardizzazione – e magari il riconoscimento accademico – del Digital editing, e un elemento incoraggiante – se non una garanzia – per quanto riguarda il futuro delle edizioni prodotte. È ben noto, in effetti, che la durata di vita delle soluzioni home-made è estremamente ridotta, e poggia sull’energia della persona o delle poche persone che le hanno create. Mentre l’azione dei singoli editori e sviluppatori è potenziata dall’esistenza di una comunità consolidata come la comunità TEI. EVT è una bellissima illustrazione di questo spirito, in quanto l’uso del software sta attualmente uscendo dei confini del progetto Digital Vercelli Book per allargarsi ad altri progetti.

Continuer la lecture de Le risorse dell’italianista 2.0: Edition Visualization Technology