Archives par mot-clé : filologia

La Commedia di Boccaccio: interrogare la varia lectio

Post di Sonia Tempestini (guest blogger) e Elena Spadini (blogger)

Sonia Tempestini si è laureata presso la facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università Sapienza di Roma in Filologia e letterature romanze. Attualmente è assistente dottoranda presso l’Istituto di studi italiani dell’Università della Svizzera italiana di Lugano con una tesi sulle tre copie autografe di Giovanni Boccaccio della Commedia dantesca.


La Commedia di Boccaccio è un progetto in corso volto a indagare la varia lectio all’interno di un corpus preciso, costituito dai dati emersi dalla collazione integrale dei tre manoscritti autografi di Giovanni Boccaccio che riportano il testo della Commedia dantesca (codici Toledano 104 6, Riccardiano 1035, Chigiano L VI 213). I tre manoscritti, risalenti secondo le ultime datazioni, con cui si concorda, rispettivamente agli inizi degli anni 50, al 1355 e al 1360 circa, hanno un’importanza capitale all’interno della tradizione della Commedia e rappresentano, secondo Giorgio Petrocchi, il punto di frattura tra l’antica e la nuova vulgata. Continuer la lecture de La Commedia di Boccaccio: interrogare la varia lectio

Bridging the Babel of Textual Criticism

Post by Wout Dillen, guest author for FonteGaia. Wout Dillen is a postdoctoral researcher at the University of Borås, Sweden, where his work is part of the DiXiT Marie Curie Initial Training Network. He developed the Lexicon of Scholarly Editing as an appendix to his Ph.D. dissertation, which was part of the ERC project CUTS (Creative Undoing and Textual Scholarship) at the University of Antwerp.

Lexicographical Approaches to Encompassing a Multilingual Research Field.

Although Textual Criticism is an international discipline concerned with the curation, analysis, and edition of historical documents written in any language, the field has primarily given rise to a number of distinct culture-dependent editorial traditions of textual scholarship. German Editionswissenschaft, Anglo-American Scholarly Editing, French critique génétique, and Italian Filologia d’autore are but a few examples.

But in the last decades the field has witnessed a rapprochement of different editorial theories and practices, transforming this series of individual, monolingual discussions into a larger, multilingual one. The result of this rapprochement is that rather than focussing on the differences between their respective traditions, it is now generally accepted that they each provide a different, but equally valuable perspective on how the texts of literary works could be edited, based on the historical evidence of textual transmission.

Continuer la lecture de Bridging the Babel of Textual Criticism

<codicologia> Collazione a pranzo </codicologia>

 Post di Alberto Campagnolo, ospite di Fontegaia. Alberto Campagnolo è un ricercatore in informatica umanistica. Formatosi come restauratore di beni librari, si interessa della rappresentazione digitale degli aspetti fisici del libro come oggetto.

Nei post precedenti è stato illustrato uno dei significati del termine collazione in riferimento ai libri e al loro testo. Collazione può però anche riferirsi alla struttura base del libro (in formato di codice): cioè l’organizzazione delle pagine—solitamente carte piegate a metà—formanti uno o più fascicoli. Collazionare un libro infatti, in questi casi, indica l’azione di controllare l’ordine dei fascicoli e delle carte/pagine per descrivere il libro o per garantire che tutte le unità del libro siano nell’ordine corretto (o nell’ordine originario). Collazione, in questo senso si applica sia ai manoscritti sia agli stampati.

Continuer la lecture de <codicologia> Collazione a pranzo </codicologia>

Collazione a colazione 3/3

Abbiamo definito nei posts precedenti la collazione e la sua relazione con l’informatica, e fornito alcuni spunti di lettura per chi volesse cominciare ad avventurarsi nella storia della collazione automatica. Vediamo ora quali sono le operazioni che un programma di collazione compie, secondo il già citato modello di Gothenburg.

Il cuore di un programma di collazione è l’allineamento: i testi delle diverse copie vengono allineati, in modo da identificare cosa nel testo A corrisponde a cosa nel testo B. Una volta riconosciute le parti che non cambiano, si introducono quelle che cambiano ed eventuali spazi bianchi.

Facciamo un esempio utilizzando il testo dell’Infinito di Leopardi. Continuer la lecture de Collazione a colazione 3/3

Collazione a collazione 2/3

Nel post precedente si è detto cosa intendiamo per collazione e come il confronto automatico tra due sequenze di caratteri sia un procedimento fondamentale e assai diffuso in informatica. In questo post passiamo velocemente in rassegna le pietre miliari della storia della collazione automatica. Nel prossimo vedremo quali sono le operazioni fondamentali che un programma di collazione compie, dando qualche esempio.

Dom Jacques Froger (La Critique des textes et son automatisation, Dunod 1968) è stato probabilmente il primo critico testuale ad usare un computer per collazionare (e molto altro). Come dicevamo, la storia della collazione automatica va di pari passo con quella dei computer, includendo hardware e software.  Continuer la lecture de Collazione a collazione 2/3

Collazione a colazione! 1/3

In questo post, tanto breve da poter essere letto mentre si prende il caffé, introduciamo la collazione, una classica operazione filologica, e le sue affinità con il mondo dell’informatica.

Cosa vuol dire collazionare? Collazione è un termine tecnico della critica testuale, che indica il confronto tra due o più copie (manoscritte, dattiloscritte, stampate o digitali) di una stessa opera. Quando si prepara un’edizione di un testo del quale possediamo più di una copia, è sovente necessario passare attraverso la fase di collazione. Nel caso di un’edizione critica, la collazione serve a indagare la tradizione testuale e a chiarire i rapporti tra le copie; è quello che succede per le opere classiche o medievali, ma non solo. Nel caso di un’edizione genetica, la collazione getta luce sul processo di creazione, attraverso la comparazione del testo nelle successive fasi di scrittura.

Confrontare due copie dello stesso testo è un procedimento lungo, durante il quale facilmente si incorre in sviste e errori. Per questo motivo, non appena sono apparsi i progenitori dei moderni computer i filologi hanno riposto in loro una speranza. La storia della collazione automatica si intreccia con quella dell’informatica.

Continuer la lecture de Collazione a colazione! 1/3

Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

[by Luciano Longo, Elena Spadini, Monica Zanardo]

Il Lexicon of Scholarly Editing nasce nel 2012, da un’iniziativa della European Society for Textual Scholarship (ESTS) e del Centre for Manuscript Genetics dell’Università di Antwerp. Lo scopo è quello di raccogliere termini e concetti chiave della critica testuale. La sfida, in particolare, è il multilinguismo, attraverso il quale si vogliono mettere una accanto all’altra, facendole reagire, tradizioni filologiche distinte. Scrive Dirk Van Hulle, allora presidente dell’ESTS:

Given the divergence of traditions, languages and contexts, such an undertaking is almost ‘doomed to fail’ from the start – to quote Samuel Beckett.

A poco più di due anni di distanza, il Lexicon non solo non ha fallito, ma si rivela una risorsa di prima qualità per chi lavora nel campo dell’edizione e non solo. Sotto la direzione di Van Hulle, il Lexicon è stato costruito e constantemente aggiornato da Wout Dillen, uno dei dottorandi (a brevissimo dottore) del Centre for Manuscript Genetics. Consta oggi di 400 entrate e di 770 definizioni. Caratteristica peculiare alle risorse digitali, il Lexicon è in constante crescita. Così come il numero dei suoi collaboratori!

Fin dalla prima riunione di Fontegaia si è parlato di una possibile collaborazione tra il nostro progetto e il Lexicon. L’obiettivo è cominciare a colmare una lacuna importante, che colpisce la conoscenza della critica testuale italiana all’estero.

LSE_2015-07-02
Definizioni nel Lexicon per lingua, aggiornato al 02/07/2015.

Continuer la lecture de Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Nel 1937 Gianfranco Contini, in risposta all’imperante crocianesimo, scriveva:

Photo Guillaume Brialon, Licence CC BY NC SA, non modifiée, Source: FlickrChe significato hanno per il critico i manoscritti corretti degli autori? Vi sono essenzialmente due modi di considerare un’opera di poesia: v’è un modo, per così dire, statico, che vi ragiona attorno come un oggetto o risultato, e in definitiva riesce a una descrizione caratterizzante; e vi è un modo dinamico, che la vede quale opera umana o lavoro in fieri, e tende a rappresentarne drammaticamente la vita dialettica. Il primo stima l’opera poetica un “valore”; il secondo, una perenne “approssimazione al valore” e potrebbe definirsi, rispetto a quel primo e assoluto modo, un modo, in senso altissimo, “pedagogico”. È a questa considerazione pedagogica dell’arte che spetta l’interesse delle redazioni successive e delle varianti d’autore […].  (G. Contini, Come lavorava l’Ariosto, in Esercizi di lettura, Einaudi, Torino, 1982, p. 233)

Potremmo partire da Contini per riflettere (senza pretese normative!), se e come la filologia, e soprattutto un suo connotato, la “variante”, possa essere uno dei metodi per l’insegnamento della letteratura a scuola, e in che misura il digitale possa costituire un ‘tramite pedagogico forte’. Con questo non si vuole affermare che al liceo gli studenti debbano studiare filologia, ma forse si rende necessario un cambiamento di rotta metodologica e pedagogica nello studio della scrittura degli autori. Dico scrittura, e non storia delle interpretazioni di testi letterari considerati ‘falsamente finiti’! Il testo è “approssimazione al valore”!

Continuer la lecture de Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

L’ascesa continua e prodigiosa che sta vivendo il settore delle Digital Humanities è un fenomeno che ha iniziato solo in tempi piuttosto recenti a interessare in maniera decisa l’ambiente accademico italiano, il quale fino a qualche tempo fa rimaneva defilato rispetto al vorticoso progresso cui stava andando incontro la disciplina. Il ruolo per lungo tempo marginale dell’Italia nella ricerca e nello sviluppo in seno all’Informatica Umanistica appare quantomeno paradossale se si pensa al fatto che essa affonda le sue radici nell’operato e nell’intuizione proprio di un italiano, Padre Roberto Busa.

Nato a Vicenza nel 1913, gesuita, Padre Busa è oggi considerato il padre della linguistica computazionale, grazie alla monumentale opera filologica e classificatoria condotta sugli scritti di Tommaso d’Aquino, che ha portato alla creazione dell’Index Thomisticus, vale a dire l’indicizzazione completa di tutte le occorrenze di ogni singolo lemma usato nelle opere di Tommaso d’Aquino.

Continuer la lecture de Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

Il filologo digitale e il futuro aziendale…alla ricerca di domande

I step: l’antefatto

Da studente di Lettere Moderne mi capitò di leggere il testo di M. L. West, Critica del testo e tecnica dell’edizione (1991, L’epos società editrice, Palermo). All’inizio della trattazione l’autore riporta l’esperienza di E. Fränkel giovane studente e allievo di F. Leo:

Avevo letto buona parte di Aristofane, cominAuteur: Tom Woodward, Richmond, USA; licence CC, BY NC SA, taille modifiée, source Wikimedia Commonsciavo a esprimere a Leo la mia passione per quell’autore e a discorrere della magia della sua poesia, (…). Leo mi lasciò parlare, forse per dieci minuti in tutto, senza manifestare alcun segno di disapprovazione o di impazienza. Quando ebbi finito, chiese: “In quale edizione ha letto Aristofane?” Io pensai: non mi ha forse ascoltato? Che rapporto ha la sua domanda con quel che gli ho detto? Dopo un momento di irritata esitazione risposi: “La Teubner”. Leo: “Oh, lei legge Aristofane senza un apparato critico”. Disse questo con molta calma, senza alcuna asprezza, senza una sfumatura di sarcasmo, semplicemente escludendo che fosse possibile a un giovane di tollerabile intelligenza fare una cosa del genere (…). In seguito mi sono convinto che in quel momento avevo compreso l’autentico significato della ricerca.

La mia prima reazione alla lettura fu la stessa del giovane Eduard: avevo letto montagne babeliche di libri ma in quale edizione critica? La seconda fu la ricerca disperata in biblioteca delle edizioni “scientifiche”. Dopo aver studiato i lavori di G. Contini, D. De Robertis, D. Isella rimasi impressionato, quasi senza fiato, e con una domanda insistente, scaturita dalla ‘abbuffata filologica’: «Quale “Testo” sto leggendo?» Disorientamento. L’incontro con il mondo filologico… quasi devastante.
Continuer la lecture de Il filologo digitale e il futuro aziendale…alla ricerca di domande