Archives des Image

18 juin : Présentation de la nouvelle version de Fonte Gaia – (IMAG Université Grenoble-Alpes)

Fonte Gaia fait peau neuve : nouvelle interface, nouveaux services!

Venez assister à une journée d’étude dédiée aux collaborations entre chercheurs et bibliothécaires.

Au programme : retours d’expérience, réflexions sur les enjeux techniques et scientifiques pour la recherche et les bibliothèques et, bien sûr, présentation de la nouvelle plateforme. 

Fruit d’une collaboration au sein du Consortium, cet événement est co-organisé par la mission Collex du Service Inter-établissement de Documentation de l’Université Grenoble-Alpes.

Continuer la lecture de 18 juin : Présentation de la nouvelle version de Fonte Gaia – (IMAG Université Grenoble-Alpes)

Resoconto – Forme e rappresentazioni del “non conscio” prima e dopo Freud. Ideologie scientifiche e rappresentazioni letterarie (1840-1940)

Udine 28-30 novembre 2018

Resoconto del convegno

 

Forme e rappresentazioni del “non conscio” prima e dopo Freud. Ideologie scientifiche e rappresentazioni letterarie (1840-1940)

Resoconto del convegno

(Claudia Murru, dottoressa di ricerca in Studi Linguistici e Letterari, Università di Udine – Université de Tours)

 

L’Università di Udine ha ospitato dal 28 al 30 novembre il convegno internazionale Forme e rappresentazioni del “non conscio” prima e dopo Freud. Ideologie scientifiche e rappresentazioni letterarie (1840-1940). Il convegno segna la prima tappa di un percorso avviato da un gruppo di ricerca italo-franco-tedesco – composto da Silvia Contarini (Università di Udine), François Bouchard (Université de Tours) e Rudolf  Beherens (Ruhr-Universität Bochum), – dedicato alla indagine dei paradigmi psicologici fra Otto e Novecento, e in particolare alla loro ricezione da parte della letteratura italiana. Silvia Contarini, promotrice e organizzatrice dell’evento, ha aperto i lavori della prima giornata ricordando la necessità di rimediare al ritardo degli studi italiani nell’analisi del rapporto tra la letteratura e i paradigmi psicologici nell’età del Modernismo, indipendenti o complementari a Freud. Continuer la lecture de Resoconto – Forme e rappresentazioni del “non conscio” prima e dopo Freud. Ideologie scientifiche e rappresentazioni letterarie (1840-1940)

Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Nel 1937 Gianfranco Contini, in risposta all’imperante crocianesimo, scriveva:

Photo Guillaume Brialon, Licence CC BY NC SA, non modifiée, Source: FlickrChe significato hanno per il critico i manoscritti corretti degli autori? Vi sono essenzialmente due modi di considerare un’opera di poesia: v’è un modo, per così dire, statico, che vi ragiona attorno come un oggetto o risultato, e in definitiva riesce a una descrizione caratterizzante; e vi è un modo dinamico, che la vede quale opera umana o lavoro in fieri, e tende a rappresentarne drammaticamente la vita dialettica. Il primo stima l’opera poetica un “valore”; il secondo, una perenne “approssimazione al valore” e potrebbe definirsi, rispetto a quel primo e assoluto modo, un modo, in senso altissimo, “pedagogico”. È a questa considerazione pedagogica dell’arte che spetta l’interesse delle redazioni successive e delle varianti d’autore […].  (G. Contini, Come lavorava l’Ariosto, in Esercizi di lettura, Einaudi, Torino, 1982, p. 233)

Potremmo partire da Contini per riflettere (senza pretese normative!), se e come la filologia, e soprattutto un suo connotato, la “variante”, possa essere uno dei metodi per l’insegnamento della letteratura a scuola, e in che misura il digitale possa costituire un ‘tramite pedagogico forte’. Con questo non si vuole affermare che al liceo gli studenti debbano studiare filologia, ma forse si rende necessario un cambiamento di rotta metodologica e pedagogica nello studio della scrittura degli autori. Dico scrittura, e non storia delle interpretazioni di testi letterari considerati ‘falsamente finiti’! Il testo è “approssimazione al valore”!

Continuer la lecture de Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni