L’italianistica d’Oltreoceano a Sorrento

Nella splendida cornice della costiera sorrentina si è tenuta dal 19 al 21 giugno scorsi la conferenza della Canadian Society for Italian Studies. Perfettamente organizzata di concerto con l’istituto Sant’Anna di Sorrento, leader nel settore dell’insegnamento delle lingue, l’intensa tre giorni ha riunito studiosi da ogni parte del mondo: qualcuno è venuto addirittura dalla lontana Australia per partecipare a questo evento che si è confermato un appuntamento prestigioso per fare il punto sull’italianistica d’Oltreoceano.

Sono state moltissime le tematiche toccate. Il teatro contemporaneo, il giornalismo e l’insegnamento sono stati tra i temi che hanno animato il dibattito, e non sono ovviamente mancati panel di argomento schiettamente letterario, dedicati per esempio alla scrittura autobiografica e di viaggio. Un ruolo di primo piano è stato rivestito dagli studi di genere, a conferma che questo settore disciplinare sta conoscendo uno sviluppo e un approfondimento senza precedenti anche nel campo dell’italianistica, soprattutto nel mondo anglosassone. Particolarmente emozionante a questo proposito, oltre ai vari panel organizzati e distribuiti nelle varie sessioni, è stato l’intervento di Lorella Zanardo, scrittrice e attivista, autrice del documentario Il corpo delle donne, che ha avuto una risonanza mondiale, ponendo in primo piano il problema di come i media usano l’immagine del corpo femminile.

Anche le Digital Humanities hanno avuto uno spazio non piccolo, con un panel tematico sugli Italian Studies in the Digital Age, più decisamente orientato sul piano della didattica, e soprattutto con numerosi interventi che in vario modo hanno portato l’attenzione, soprattutto dei giovani ricercatori, sull’importanza che l’Informatica Umanistica inizia ad avere nel mondo della ricerca anche in seno agli Italian Studies. Il messaggio è stato chiaro: il futuro della disciplina passa anche da qui, dall’approfondimento e dallo sviluppo della ricerca nell’ambito della filologia digitale e del moderno approccio alla codifica dei testi. Il settore, poi, è in grande espansione in Canada: moltissimi progetti stanno partendo e altri sono in cantiere. In questo contesto di fruttuoso scambio di idee e opinioni, c’è stato modo anche di scambiare qualche battuta sul progetto Fontegaia con la presidentessa della CSIS Sandra Parmegiani, che si è detta molto interessata a conoscere gli sviluppi e le attività della nostra rete, oltre che disponibile a future collaborazioni.

Per un’idea sulle attività della CSIS, è possibile visitare il sito http://canadiansocietyforitalianstudies.camp7.org/


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.