data or presentation? – DiXiT Convention I

Pubblico una nota scritta durante la DiXiT convention I con un po’ di ritardo, approfittandone per chiedere a FonteGaiaBlog un parere su un argomento che mi pare estremamente sensibile.

“Sentendomi in debito di post, vi penso durante la pausa. Al momento la sala conferenze è vuota; immagino che il caffè e i pasticcini stiano mettendo tutti d’accordo. Poco fa, i DiXiT fellows Gioele Barabucci, Magdalena Turska ed Elena Spadini si sono confrontati sul valore e il ruolo che rispettivamente i dati e la presentazione giocano nel fare edizioni critiche digitali. Al di là delle opinioni divergenti — Gioele e Magda sono per i dati, mentre Elena ha messo in luce l’importanza della presentazione — il trio, capitanato dal James Cummings, ha toccato uno dei punti più dolenti delle digital humanities.

Stando perlomeno a come sono andate le presentazioni e il dibattito che queste hanno stimolato, credo di poter dire a caldo che un po’ tutti i presenti in sala concordino sulla vitale importanza dei dati, mentre non mi sentirei di affermare lo stesso per ciò che concerne la presentazione, ovvero l’interfaccia GUI, il front-end, la parte liquida del lavoro, i dati che si perdono più facilmente. Per la verità, la nostra Elena Spadini ha fatto un grande lavoro per arginare la foga dei puristi dei dati, i quali non hanno esitato a ricorrere a colpi bassi, a chiamare in causa Kant e Platone, al fine di puntualizzare come questi siano il cuore della ricerca e del lavoro editoriale.

Pensiamo alla codifica del testo, per esempio, la quale, credo, senza esagerare, incarni l’essenza del lavoro del filologo/editore nella migliore tradizione dell’informatica umanistica. Al cospetto di questa, la presentazione (ovvero, quello che succede sullo schermo, le transitorie observable, per dirla con Bootz) sembra avere l’autorità di un vangelo apocrifo. Che ne pensate voi?”

Qui finisce la nota. Riprendo questo appunto oggi, 28 Settembre, al fine di formulare una domanda più precisa e sostituirei la lente dell’antinomia con quella della comunicazione. Insieme ad Elena, ci chiediamo infatti se i dati non siano già una presentazione..


2 réflexions sur « data or presentation? – DiXiT Convention I »

  1. Caro Federico, sono assolutamente d’accordo: il modo in cui sono presentati i dati è fondamentale perché il pubblico possa fruirne in maniera adeguata. E, come lei scrive, questo aspetto è spesso sottovalutato. Bisognerebbe cominciare a considerare il fatto che, per l’utente finale, il sito (o il software di presentazione) è a tutti gli effetti l’edizione; viceversa, gli stessi dati possono essere presentati in maniera diversa sia a seconda del pubblico, sia a seconda del contenuto e dell’approccio metodologico che si intende privilegiare. Food for thought.

  2. Caro Federico, si certo i dati sono una presentazione, ma non la sola presentazione. La presentazione definisce il pubblico: se i dati diventano la sola presentazione, allora il solo pubblico è quello che è alfabetizzato all lettura dei dati. Il che non è un male necessariamente, ma come questa è una scelta legittima da parte di un editore, anche la scelta di fare un’interfaccia per un pubblico diverso lo è altrettanto.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.