Collazione a collazione 2/3

Nel post precedente si è detto cosa intendiamo per collazione e come il confronto automatico tra due sequenze di caratteri sia un procedimento fondamentale e assai diffuso in informatica. In questo post passiamo velocemente in rassegna le pietre miliari della storia della collazione automatica. Nel prossimo vedremo quali sono le operazioni fondamentali che un programma di collazione compie, dando qualche esempio.

Dom Jacques Froger (La Critique des textes et son automatisation, Dunod 1968) è stato probabilmente il primo critico testuale ad usare un computer per collazionare (e molto altro). Come dicevamo, la storia della collazione automatica va di pari passo con quella dei computer, includendo hardware e software. Froger ha condotto i suoi esperimenti sul primo computer a programma memorizzato (stored-program computer / calculateur à programme enregistré) in Francia, il Bull Gamma ET (1956); la macchina della Bull usa la tecnologia dell’IBM 650 (1953), con il quale la compagnia statunitense aveva inaugurato la produzione di massa di computer. I limiti di questi calcolatori riguardavano principalmente la capacità computazionale, ma anche il formato di input: le schede perforate potevano ospitare una quantità limitata di dati, l’informazione doveva essere ripartita e meticolosamente inserita. Scrive Froger: « Pour éviter à la secrétaire qui fera la perforation tout risque d’erreur par mé-lecture, il est prudent de lui remettre une transcription dactylographiéé » (sottolineatura mia).

Bull GammaET
Bull GammaET

La storia della collazione automatica è segnata da alcune importanti iniziative. Nel 1978 a Parigi viene organizzata una conferenza internazionale che raccoglie i pionieri della critica testuale digitale; gli atti saranno pubblicati l’anno successivo, diretti da Jean Irigoin e Gian Piero Zarri (La Pratique des ordinateurs dans la critique des textes: Paris, [Colloque international], 29-31 mars 1978. Ed. du C. N. R. S. 1979), e contengono una sezione dedicata alla collazione automatica.

Alla fine degli anni ’80 Peter Robinson crea Collate, il programma di collazione che sarà usato dai critici testuali per i successivi vent’anni (e c’è chi lo utilizza tutt’ora). Importanti edizioni, tra le quali quelle di Chaucer dirette dallo stesso Robinson e numerosi collaboratori, sono state portate a termine usando Collate (basic info; per i più curiosi, la storia di Collate).

Nel 2009, sotto l’egida di Cost Action 32 e Interedition, si tiene a Gothenburg un workshop dedicato alla collazione automatica. Cinque diverse operazioni che fanno parte di ogni programma di collazione vengono individuate (« Gothenburg model« ): tokenizzazione, normalizzazione, allineamento, feedback/analisi, visualizzazione. Questo approccio, basato sulla separation of concerns teorizzata in informatica fin dagli anni ’70, è alla base dei programmi di collazione attualmente più diffusi: CollateX e Juxta.

Nel prossimo post entreremo nel vivo delle operazioni!

Crédit photos: Fédération des Equipes Bull 78340 Les Clayes-sous-Bois


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *