Archives de catégorie : Bibliothèques et archives – Biblioteche e archivi

La vertigine dell’archivio. Arte, collezionismo, poetiche

06GIU – 07GIU 2019 / Convegni – Aula Magna di Santa Cristina (P.tta Giorgio Morandi 2)

https://site.unibo.it/spazi-attori-collezionismo-connoisseurship/it/agenda/la-vertigine-dell-archivio-arte-collezionismo-poetiche

Il convegno internazionale intende proporre una riflessione sullo spazio fisico e mentale dell’archivio e sul suo impatto tanto in ambito collezionistico quanto in campo più propriamente tematico.

Fin dai tempi dell’Umanesimo, lo spazio fisico e mentale dell’archivio si è configurato anche come luogo di riflessione culturale funzionale allo sviluppo delle arti e alla gestione delle pratiche del collezionismo. Per il ruolo che occupano negli studi sulle arti all’interno della storia moderna e contemporanea gli archivi pubblici e privati, per esempio di lignaggi aristocratici e degli ordini religiosi o di istituzioni culturali, hanno sollecitato ricerche su molti e diversi casi specifici, ma anche sull’evoluzione dei metodi funzionali alla loro analisi. La ricerca internazionale, ormai interessata alla più diversa complessità delle fonti, ha così offerto alla dimensione archivistica un ruolo di primo piano rispetto agli studi attribuzionistici, ma anche a quelli di sociologia delle arti.

Nel suo funzionamento simbolico, collegato all’esercizio di una Memoria individuale o collettiva, la dimensione dell’archivio ha sollecitato anche molti artisti e scrittori inserendosi nelle poetiche creative della contemporaneità. Per l’eterogeneità dei materiali che lo compongono, fonti scritte ma anche grafiche o fotografiche ed ora digitali, l’archivio costituisce uno spazio interdisciplinare, inoltre il tema proposto è ampiamente diacronico e per il tessuto di relazioni che la natura stessa dell’archivio generalmente presuppone aperto alla dimensione della circolazione internazionale delle opere e delle idee.

***

Since the age of Humanism, the physical and mental space of the archive has represented a place for cultural reflection aimed to the evolution of the arts and to the management of collecting practices. Public and private archives (e.g. those owned by aristocratic lineages, religious orders or cultural institutions), also thanks to the unique role they play in the field of modern and contemporary arts, have pushed the research on several specific issues, and also on the evolution of the methodologies used by the historical analysis. The international research, currently focused on the diversity and complexity of the sources, has attributed a key role to the archival dimension compared to the attributional studies, as well to the sociology of arts.

In its symbolic goal, which is connected to the exercise of an individual and collective memory, historic archives have inspired several artists and writers, hence becoming a new form of creative poetic of the contemporary world. The archive itself, being composed of heterogeneous materials, i.e. written sources but also graphic or photographic and now digital artifacts, is a truly interdisciplinary space. Moreover the proposed theme is widely diachronic and constitutes a rich environment open to novel works and ideas, thanks to the web of relations which are the peculiarities of the archive, and their main value.

Contatti

Direzione scientifica

Sandra Costa, Gino Ruozzi

Comitato Scientifico

Sonia Cavicchioli, Claudio Marra, Anna Rosellini, Dominique Poulot

Referenti Unibo per il Consorzio italo-francese Fonte Gaia

Gino Ruozzi (FICLIT) Daniele Benati, Lucia Corrain, Sandra Costa (DAR)

Segreteria organizzativa

Lara De Lena, Irene Di Pietro, Michela Tessari

La Bibliothèque Universitaire de Grenoble achète 19 manuscrits italiens

Billet original du 30.11.2015 par Elena Pierazzo

Traduction de l’italien au français de Claire Mouraby

Le projet Fonte Gaia est basé à la Bibliothèque Universitaire de Grenoble, qui jouit du statut particulier de CADIST d’Italien. Cette année, la décision a été prise d’enrichir son patrimoine par l’acquisition exceptionnelle d’un lot de manuscrits italiens aux sujets, genres et époques variés. L’optique didactique a été privilégiée lors de la sélection des pièces : nous souhaitions que notre petite collection témoigne de genres littéraires et de thématiques très différents, et qu’elle couvre une vaste période historique. L’arrivée des 19 manuscrits à la bibliothèque, après de nombreuses tractations, a été un moment d’émotion très particulier !

mss

Continuer la lecture de La Bibliothèque Universitaire de Grenoble achète 19 manuscrits italiens

La Fondation Barbier-Mueller pour l’étude de la poésie italienne de la Renaissance : de Pétrarque à Chiabrera

Le fonds libraire de la Fondation Barbier-Mueller pour l’étude de la poésie italienne de la Renaissance de Genève constitue une sorte de complément  de la collection de poésie française appartenant à Jean-Paul Barbier-Mueller, le célèbre collectionneur suisse dont la notoriété n’est plus à faire. Il est conservé depuis 1997 au sein de la Bibliothèque d’Italien de la Faculté de Lettres de l’Université de Genève1 .

Ce qui représente le caractère unique de cette collection est sa cohérence, car elle rassemble des ouvrages poétiques qui datent du premier âge moderne (de l’incunable aux premières seicentine). Continuer la lecture de La Fondation Barbier-Mueller pour l’étude de la poésie italienne de la Renaissance : de Pétrarque à Chiabrera

  1. La fondation est située au cœur de la Bibliothèque d’Italien, qui elle-même fait partie de la Bibliothèque de la Faculté des lettres. []

La Biblioteca Universitaria di Grenoble si arricchisce di 19 manoscritti italiani

Il progetto Fonte Gaia è basato alla biblioteca di Universitaria di Grenoble, che gode dello speciale statuto di CADIST d’italiano. Quest’anno si è deciso di valorizzarne il patrimonio librario grazie all’acquisto mirato di un gruppo di manoscritti italiani di vario soggetto, epoca e genere. Nell’acquisto e selezione dei pezzi abbiamo privilegiato l’ottica didattica: volevamo una piccola collezione di codici che coprissero un arco cronologico il più possibile vasto e una grande varietà di tipologie e generi letterari. È stato davvero un momento emozionante quando dopo varie trattative i 19 manoscritti sono arrivati in biblioteca!

mss

Il manoscritto più prezioso è senza dubbio un esemplare della seconda metà del XV secolo dello Specchio di Coscienza (titolo latino: Omnis mortalium cura) di S. Antonino da FirenzeContinuer la lecture de La Biblioteca Universitaria di Grenoble si arricchisce di 19 manoscritti italiani

Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR: 3/3 Digitalizzazione, Didattica, Formazione

Continua il nostro colloquio con Andrea De Pasquale, Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR). Dopo aver parlato qui della fisionomia della BNCR e dei recenti progetti di valorizzazione del patrimonio documentario, e dopo aver anticipato qui alcune delle iniziative in corso di realizzazione o in programma in biblioteca, ci concentreremo sulle attività di digitalizzazione, e sui progetti didattici e di formazione previsti per il prossimo futuro.

 M.Z.: Oltre alle iniziative pregresse, in atto, e future… potrebbe dirci qualcos’altro sul patrimonio documentario della biblioteca? Ad esempio: il Fondo Falqui?

 A.D.P.: Abbiamo in programma di procedere alla digitalizzazione di queste collezioni novecentesche. In questo momento abbiamo terminato la digitalizzazione dell’archivio di Elsa Morante e dei manoscritti e dattiloscritti di Pasolini. Continuer la lecture de Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR: 3/3 Digitalizzazione, Didattica, Formazione

Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR 2/3: progetti futuri, prospettive, anticipazioni

In un precedente post Andrea De Pasquale, intervistato per il nostro blog, ha presentato alcune delle iniziative in corso alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR) da lui diretta. In particolare, Spazi900, un’intersezione di spazi fisici e virtuali volta a valorizzare il patrimonio documentario (dalla fisionomia fortemente novecentesca) della Biblioteca, attraverso un itinerario articolato in spazi espositivi permanenti e mostre temporanee. La nostra intervista continua con alcune anticipazioni sulle iniziative in programma, o già in corso di realizzazione.

M.Z.: Ci parlava della prossima realizzazione di un’esposizione permanente dedicata a Pier Paolo Pasolini: può anticiparci qualcosa?

 A.D.P.: Entro l’anno verrà inaugurata una stanza dedicata a Pasolini, che va ad arricchire lo spazio espositivo permanente (Lunghe camminate in una calda caligine, lunghi crepuscoli davanti alle carte): Continuer la lecture de Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR 2/3: progetti futuri, prospettive, anticipazioni