Archives de catégorie : Billets

Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR: 3/3 Digitalizzazione, Didattica, Formazione

Continua il nostro colloquio con Andrea De Pasquale, Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR). Dopo aver parlato qui della fisionomia della BNCR e dei recenti progetti di valorizzazione del patrimonio documentario, e dopo aver anticipato qui alcune delle iniziative in corso di realizzazione o in programma in biblioteca, ci concentreremo sulle attività di digitalizzazione, e sui progetti didattici e di formazione previsti per il prossimo futuro.

 M.Z.: Oltre alle iniziative pregresse, in atto, e future… potrebbe dirci qualcos’altro sul patrimonio documentario della biblioteca? Ad esempio: il Fondo Falqui?

 A.D.P.: Abbiamo in programma di procedere alla digitalizzazione di queste collezioni novecentesche. In questo momento abbiamo terminato la digitalizzazione dell’archivio di Elsa Morante e dei manoscritti e dattiloscritti di Pasolini. Continuer la lecture de Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR: 3/3 Digitalizzazione, Didattica, Formazione

La rentrée littéraire de FonteGaiaBlog. Wordstar(s) de Vitaliano Trevisan

Wordstar(s)Que se cache-t-il derrière ce titre des plus mystérieux ? Wordstar(s), c’est tout d’abord une référence au logiciel de traitement de texte le plus populaire au monde : créé au début des années 80, il a ensuite été supplanté par Microsoft Word et a peu à peu disparu. C’est aussi ainsi que Vitaliano Trevisan a intitulé la dernière pièce de sa « Trilogie de la mémoire » : l’auteur entend rendre hommage, de manière métaphorique, à un écrivain qui est, lui aussi, en train de se mourir : Samuel Beckett. Plus exactement, Vitaliano Trevisan s’attache à dépeindre les derniers jours de la vie du brillant dramaturge irlandais, français d’adoption.

Continuer la lecture de La rentrée littéraire de FonteGaiaBlog. Wordstar(s) de Vitaliano Trevisan

Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR 2/3: progetti futuri, prospettive, anticipazioni

In un precedente post Andrea De Pasquale, intervistato per il nostro blog, ha presentato alcune delle iniziative in corso alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR) da lui diretta. In particolare, Spazi900, un’intersezione di spazi fisici e virtuali volta a valorizzare il patrimonio documentario (dalla fisionomia fortemente novecentesca) della Biblioteca, attraverso un itinerario articolato in spazi espositivi permanenti e mostre temporanee. La nostra intervista continua con alcune anticipazioni sulle iniziative in programma, o già in corso di realizzazione.

M.Z.: Ci parlava della prossima realizzazione di un’esposizione permanente dedicata a Pier Paolo Pasolini: può anticiparci qualcosa?

 A.D.P.: Entro l’anno verrà inaugurata una stanza dedicata a Pasolini, che va ad arricchire lo spazio espositivo permanente (Lunghe camminate in una calda caligine, lunghi crepuscoli davanti alle carte): Continuer la lecture de Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR 2/3: progetti futuri, prospettive, anticipazioni

Digital Literary Studies – Coimbra 2015

Quello alla di della che è breve più eventi alla di è conferenza/esibizione eventi Coimbra, Literary resoconto Digital di uno un quali più conferenza/esibizione stato un breve dopo di è alla segue getto. conferenza/esibizione uno più Studies.
 .. sto solo giocando con la Cut Up Machine trovata per caso seguendo la pista Burroughs 🙂
Arrivo a lui attraverso Language and the Interface, un’esibizione di letteratura elettronica, o meglio, di interfacce digitali per la la lettura e la scrittura, organizzata dai dottorandi Daniela Côrtes Maduro, Ana Marques da Silva e Diogo Marques, dell’Università di Coimbra.  La mostra è stata inaugurata in occasione della due giorni di interventi — Digital Literary Studies — organizzata nell’ambito del Programma in Materialità della Letteratura curato da  Manuel Portela (qui trovate tutto). Oltre alla nostra Tiziana Mancinelli, intervenuta il primo giorno;  R. J. Carpenter, Florian Cramer, Jason Nelson, Johanna Drucker, Matthew Kirschenbaum sono solo alcuni degli altri presenti,  i quali si sono confrontati su questioni di uso e implicazioni culturali dell interfacce digitali per la lettura e la scrittura.
I curatori della mostra citano Burroughs nello statement, prendendo in prestito una frase da The ticket that exploded; una ‘novella’ che assieme a Nova Express e Soft Machine andò a costituire la trilogia del cut up, pubblicata due volte negli anni Sessanta.  Questo tipo di tecnica, per capirci, è molto simile all’uso che Tzara fa del collage, e più o meno essa prevede il ritaglio di frasi da libri e giornali che poi vengono ‘remixate’ dall’autore. La poesia elettronica gioca molto sul collage — Burroughs non è il primo né l’ultimo a farne uso. Si dice che egli venga introdotto alla tecnica dal pittore e poeta  Brion Gysin, conosciuto dall’ereditiero all’ex Beat Hotel di Parigi. Anche David Bowie ricorre al cut up per alcuni dei suoi testi. In particolare, la frase che i curatori della mostra utilizzano —  Language is a virus from the outer space — è anche una citazione di Laurie Anderson, come dice wikipedia ( che rimanda anche alla memetica di Dawkins). La Anderson incontra Burroughs per la prima volta nel 1978, a New York, e da quel momento in poi i due collaboreranno in diverse occasioni — in una di queste,  gli artisti balleranno un tango davanti a tutti. Language is a Virus, come dicevo, diviene un singolo pubblicato nel 1987 dalla Anderson, che  in questo video spiega la sua lettura di Burroughs filtrato attraverso Dawkins e il buddismo. Per la Anderson il linguaggio è un trick, una cosa che si propaga per via aerea, come di bocca in bocca. Non a caso — spiega il Doktor Kurt Unruh von Steinplatz — l’uomo è l’unico animale a presentare questa caratteristica.
In base alla ricostruzione dello studioso, infatti, fu un episodio specifico a creare i presupposti per la nascita del linguaggio, ovvero la diffusione di una malattia aerea vera e propria che deformò la gola di una parte della popolazione di primati contagiati da un virus, il quale per cause ancora dubbie, venne mantenuto a livello genetico da una particolare specie di scimmie. In questo modo, la teoria del Dr. von Steinplatz aggiunge un tassello importante al corollario di ipotesi attorno alla nascita/evoluzione del linguaggio, riconducendo lo sviluppo del gene FOXP2 a un momento specifico del cammino evolutivo dalla scimmia all’uomo sapiens.
Evolution-des-wissens
Nonostante il germe sia ancora sconosciuto, gli effetti del contagio sono stati trattati praticamente da tutti i punti di vista, dalla religione alla medicina, dalle neuroscienze alle lettere. C’è da dire che questo è un ambito di ricerca tra i più complessi e scivolosi che si possano immaginare,  poiché — diceva l’endofisico Roessler —  we swim in it like the fish in the ocean, it is essential for us, and for this reason it is ultimately inaccessible to us. Proprio per questo motivo, studiarlo dal punto di vista delle machine potrebbe diventare estremamente fruttuoso, come suggerisce la cibernetica, ad esempio. In questa prospettiva, Language and the Interface non è solo una mostra di opere d’arte ma anche una selezione di studi multimediali sul linguaggio al fine di capire what happens when the understanding of literature as patterned verbal and written language is explored in conjunction with the metamedial affordances of the computer environment; what is the role of the interface in situating and constituting readers as subjects of digital literary works; and how the processing of language and the language of processing are interfaced by the display [Côrtes Maduro, Marques da Silva, Marques].
language and the interface_cover
http://languageandtheinterface.uc.pt
.

Le risorse dell’italianista 2.0: Edition Visualization Technology

Edition Visualization Technology (EVT) è un software open source, sviluppato dal 2010 circa presso l’Università di Pisa da un team guidato dal prof. Roberto Rosselli del Turco (Università di Torino): questo strumento permette di pubblicare un’edizione in formato TEI XML creando un’applicazione web-based – che necessita soltanto l’uso di un navigatore moderno – basata su HTML+CSS, JavaScript e tecnologie derivate, come jQuery. L’accento è stato posto sulla creazione di un’interfaccia utente veramente user-friendly, affinché gli studiosi (anche non 2.0) possano non solo usarlo direttamente, ma anche – possibilmente – adattarlo ai propri progetti: l’uso di EVT non richiede una configurazione potente, né particolari competenze di programmazione o di web design, se non per quanto riguarda l’applicazione di fogli di stile XSLT.

EVT è stato sviluppato e testato prevalentemente nell’ambito del progetto Vercelli Book Digitale (una prima versione è già disponibile online: http://vbd.humnet.unipi.it/beta/#104v), che risale al lontano 2007 e che mira a offrire un’edizione digitale image-based di uno dei più grandi codici in inglese antico pervenutici, il Codex Vercellensis CXVII. Tale progetto si fonda sulla convinzione che « un’edizione digitale di un manoscritto fornisce strumenti di indagine superiori rispetto alla tradizionale consultazione diretta: visualizzazione di dettagli con illuminazioni particolari, ingrandimenti a piacere, filtri grafici per analizzare le immagini » [1].  Ma l’intero progetto è anche pervaso dalla volontà di creare uno strumento aperto e libero quanto possibile: non solo gli standard usati (XML-TEI P5 per la codifica dei testi e JPEG per le immagini) sono aperti, ma il software e la documentazione afferente sono stati resi disponibili a chiunque fosse interessato sul sito SourceForge [2].

Va notato che EVT è stato concepito per visualizzare un file codificato in XML-TEI P5: in altre parole, non si tratta di creare un’edizione digitale all’interno di un software, ma di creare una visualizzazione servendosi dei tag presenti nel file XML TEI. Ciò consente all’editore di concentrarsi sulla trascrizione e la codifica dei vari elementi del testo allestendo un unico file, il che garantisce la perfetta coerenza e logica dell’edizione, e facilita il processo di revisione e di update. D’altronde, scegliere una codifica XML-TEI P5 significa anche usare una norma già comprovata in varie edizioni digitali, ormai internazionalmente nota e riconosciuta. Ciò rappresenta un passo avanti verso una maggiore standardizzazione – e magari il riconoscimento accademico – del Digital editing, e un elemento incoraggiante – se non una garanzia – per quanto riguarda il futuro delle edizioni prodotte. È ben noto, in effetti, che la durata di vita delle soluzioni home-made è estremamente ridotta, e poggia sull’energia della persona o delle poche persone che le hanno create. Mentre l’azione dei singoli editori e sviluppatori è potenziata dall’esistenza di una comunità consolidata come la comunità TEI. EVT è una bellissima illustrazione di questo spirito, in quanto l’uso del software sta attualmente uscendo dei confini del progetto Digital Vercelli Book per allargarsi ad altri progetti.

Continuer la lecture de Le risorse dell’italianista 2.0: Edition Visualization Technology

Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR 1/3: Progetti in corso: Spazi900 (e non solo)

Conservazione, Divulgazione e Ricerca: potrebbero essere queste le tre parole chiave per riassumere le molteplici funzioni di una biblioteca. Una sfida che diventa tanto più avvincente quando la biblioteca in questione è una delle principali biblioteche nazionali d’Europa, la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR), che può vantare un patrimonio documentario di indubbio pregio e un consistente flusso di visitatori. Ne parliamo con Andrea De Pasquale, Direttore della BNCR, per una panoramica sulle iniziative in corso e in programma, e per conoscere meglio i principali fondi contenuti e i programmi messi in campo per promuoverli.

 M.Z. : Parliamo di « Spazi900« , quest’iniziativa in atto ormai da qualche mese, e che ha come protagonista Elsa Morante, però non solo…

 A.D.P.: L’idea è stata quella di riproporre, in una grande Biblioteca Nazionale Centrale, uno spazio museale, in linea con le biblioteche pubbliche statali che sin dalle origini avevano un’area dedicata ad accogliere studiosi e turisti curiosi: uno spazio dove presentare i pezzi più significativi, i cimeli più rari. Queste aree in tutte le biblioteche statali sono ormai scomparse, generalmente prima della Seconda Guerra Mondiale o subito dopo. I nostri predecessori, in realtà, avevano pensato fin dai tempi del Grand Tour di riservare delle aree, delle stanze, per i visitatori illustri, dove venivano esposti i pezzi più significativi. Continuer la lecture de Il Direttore Andrea De Pasquale ci presenta la BNCR 1/3: Progetti in corso: Spazi900 (e non solo)

Les idées du théâtre de la Renaissance et de la première modernité chez nous !

Du 8 au 11 juillet 2015 à Chambéry et à Grenoble s’est clos un grand projet commencé il y a quatre ans. Le projet IDT « Les idées du théâtre » est porté par quatre laboratoires : le LLS de l’Université de Savoie (leader), l’ILCEA de l’Université Grenoble 3, le CELEC de l’Université de Saint-Étienne et le CELLF de l’Université de Paris-Sorbonne. De plus, le projet bénéficie du soutien des deux grandes bibliothèques la Biblioteca Nacional de España et la Bibliothèque Nationale de France.

En gros le projet propose « une réflexion sur les textes liminaires placés en tête des pièces françaises, italiennes et espagnoles des XVIe et XVIIe siècles — préfaces, dédicaces, etc. — susceptibles de mettre en évidence la construction et la circulation des « idées du théâtre » en Europe, de la Renaissance à l’âge classique.   Continuer la lecture de Les idées du théâtre de la Renaissance et de la première modernité chez nous !

L’italianistica d’Oltreoceano a Sorrento

Nella splendida cornice della costiera sorrentina si è tenuta dal 19 al 21 giugno scorsi la conferenza della Canadian Society for Italian Studies. Perfettamente organizzata di concerto con l’istituto Sant’Anna di Sorrento, leader nel settore dell’insegnamento delle lingue, l’intensa tre giorni ha riunito studiosi da ogni parte del mondo: qualcuno è venuto addirittura dalla lontana Australia per partecipare a questo evento che si è confermato un appuntamento prestigioso per fare il punto sull’italianistica d’Oltreoceano.

Sono state moltissime le tematiche toccate. Il teatro contemporaneo, il giornalismo e l’insegnamento sono stati tra i temi che hanno animato il dibattito, e non sono ovviamente mancati panel di argomento schiettamente letterario, dedicati per esempio alla scrittura autobiografica e di viaggio. Un ruolo di primo piano è stato rivestito dagli studi di genere, a conferma che questo settore disciplinare sta conoscendo uno sviluppo e un approfondimento senza precedenti anche nel campo dell’italianistica, soprattutto nel mondo anglosassone. Particolarmente emozionante a questo proposito, oltre ai vari panel organizzati e distribuiti nelle varie sessioni, è stato l’intervento di Lorella Zanardo, scrittrice e attivista, autrice del documentario Il corpo delle donne, che ha avuto una risonanza mondiale, ponendo in primo piano il problema di come i media usano l’immagine del corpo femminile.

Anche le Digital Humanities hanno avuto uno spazio non piccolo, con un panel tematico sugli Italian Studies in the Digital Age, più decisamente orientato sul piano della didattica, e soprattutto con numerosi interventi che in vario modo hanno portato l’attenzione, soprattutto dei giovani ricercatori, sull’importanza che l’Informatica Umanistica inizia ad avere nel mondo della ricerca anche in seno agli Italian Studies. Il messaggio è stato chiaro: il futuro della disciplina passa anche da qui, dall’approfondimento e dallo sviluppo della ricerca nell’ambito della filologia digitale e del moderno approccio alla codifica dei testi. Il settore, poi, è in grande espansione in Canada: moltissimi progetti stanno partendo e altri sono in cantiere. In questo contesto di fruttuoso scambio di idee e opinioni, c’è stato modo anche di scambiare qualche battuta sul progetto Fontegaia con la presidentessa della CSIS Sandra Parmegiani, che si è detta molto interessata a conoscere gli sviluppi e le attività della nostra rete, oltre che disponibile a future collaborazioni.

Per un’idea sulle attività della CSIS, è possibile visitare il sito http://canadiansocietyforitalianstudies.camp7.org/

Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

[by Luciano Longo, Elena Spadini, Monica Zanardo]

Il Lexicon of Scholarly Editing nasce nel 2012, da un’iniziativa della European Society for Textual Scholarship (ESTS) e del Centre for Manuscript Genetics dell’Università di Antwerp. Lo scopo è quello di raccogliere termini e concetti chiave della critica testuale. La sfida, in particolare, è il multilinguismo, attraverso il quale si vogliono mettere una accanto all’altra, facendole reagire, tradizioni filologiche distinte. Scrive Dirk Van Hulle, allora presidente dell’ESTS:

Given the divergence of traditions, languages and contexts, such an undertaking is almost ‘doomed to fail’ from the start – to quote Samuel Beckett.

A poco più di due anni di distanza, il Lexicon non solo non ha fallito, ma si rivela una risorsa di prima qualità per chi lavora nel campo dell’edizione e non solo. Sotto la direzione di Van Hulle, il Lexicon è stato costruito e constantemente aggiornato da Wout Dillen, uno dei dottorandi (a brevissimo dottore) del Centre for Manuscript Genetics. Consta oggi di 400 entrate e di 770 definizioni. Caratteristica peculiare alle risorse digitali, il Lexicon è in constante crescita. Così come il numero dei suoi collaboratori!

Fin dalla prima riunione di Fontegaia si è parlato di una possibile collaborazione tra il nostro progetto e il Lexicon. L’obiettivo è cominciare a colmare una lacuna importante, che colpisce la conoscenza della critica testuale italiana all’estero.

LSE_2015-07-02
Definizioni nel Lexicon per lingua, aggiornato al 02/07/2015.

Continuer la lecture de Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Nel 1937 Gianfranco Contini, in risposta all’imperante crocianesimo, scriveva:

Photo Guillaume Brialon, Licence CC BY NC SA, non modifiée, Source: FlickrChe significato hanno per il critico i manoscritti corretti degli autori? Vi sono essenzialmente due modi di considerare un’opera di poesia: v’è un modo, per così dire, statico, che vi ragiona attorno come un oggetto o risultato, e in definitiva riesce a una descrizione caratterizzante; e vi è un modo dinamico, che la vede quale opera umana o lavoro in fieri, e tende a rappresentarne drammaticamente la vita dialettica. Il primo stima l’opera poetica un “valore”; il secondo, una perenne “approssimazione al valore” e potrebbe definirsi, rispetto a quel primo e assoluto modo, un modo, in senso altissimo, “pedagogico”. È a questa considerazione pedagogica dell’arte che spetta l’interesse delle redazioni successive e delle varianti d’autore […].  (G. Contini, Come lavorava l’Ariosto, in Esercizi di lettura, Einaudi, Torino, 1982, p. 233)

Potremmo partire da Contini per riflettere (senza pretese normative!), se e come la filologia, e soprattutto un suo connotato, la “variante”, possa essere uno dei metodi per l’insegnamento della letteratura a scuola, e in che misura il digitale possa costituire un ‘tramite pedagogico forte’. Con questo non si vuole affermare che al liceo gli studenti debbano studiare filologia, ma forse si rende necessario un cambiamento di rotta metodologica e pedagogica nello studio della scrittura degli autori. Dico scrittura, e non storia delle interpretazioni di testi letterari considerati ‘falsamente finiti’! Il testo è “approssimazione al valore”!

Continuer la lecture de Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Saperi umanistici e contemporaneità: convegno per dottorandi Palermo 17-18 settembre

Nato da un’idea di Luciano Longo e di un gruppo di giovani colleghi palermitani, si terrà all’Università degli studi di Palermo il 17 e il 18 settembre un convegno internazionale rivolto a dottorandi sul tema “Saperi umanistici e contemporaneità”.

Nel tentativo di reagire a una deriva consolidata che relega letteratura, linguistica, filologia, antichistica e storia nell’angolo di una sterile autoreferenzialità, il convegno vuole rappresentare un fertile momento di scambio e dialogo utile alla messa in campo di metodologie di studio e didattica, strumenti e oggetti di ricerca che sappiano restituire in maniera innovativa il significato dei saperi umanistici oggi.

Continuer la lecture de Saperi umanistici e contemporaneità: convegno per dottorandi Palermo 17-18 settembre

Elsa Morante, marraine de la « Biblioteca Nazionale Centrale di Roma »

La personnalité littéraire et humaine de l’écrivaine italienne Elsa Morante (1912-1985) est intimement liée à la ville de Rome où elle a passé toute sa vie, et où elle a écrit (et en partie situé) ses chefs-d’œuvre. Rome est unelsa lieu incontournable pour ceux qui s’intéressent à Elsa Morante : comme elle le souhaitait, au lendemain de sa mort, ses héritiérs, Carlo Cecchi et Daniele Morante, ont légué tous ses manuscrits à la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR) qui, tout au long de ces vingt dernières années, a rassemblé et valorisé cette précieuse archive.

Continuer la lecture de Elsa Morante, marraine de la « Biblioteca Nazionale Centrale di Roma »

Borsa di dottorato per lo sviluppo dell’interfaccia di FGBib

[version française en bas] [english version below]

Titolo: Biblioteche interattive: gli utenti e le loro interfacce.

Parole chiave: Digital Humanities, interfacce web collaborative, Linguistica computazionale, biblioteche digitali, user studies

Località: Grenoble

Finanziamento: Università di Grenoble Alpes (indennità ministeriale, stipendio lordo € 1.684,93 mensili)

Relatori: Elena Pierazzo (GERCI), Hervé Blanchon (LIG)

Periodo: inizio della tesi in Ottobre 2015

Lingue di lavoro: francese e/o inglese; la conoscenza dell’italiano sarà un vantaggio

Istruzioni per i candidati: I candidati devono presentare le loro domande (CV, lettera di accompagnamento, certificati di laurea con voti (laurea triennale e specialistica), lettere di raccomandazione, il prima possibile, e comunque entro il 20 luglio, via email a elena.pierazzo [ at ] u-grenoble3.fr e herve.blanchon [at ] imag.fr.

Continuer la lecture de Borsa di dottorato per lo sviluppo dell’interfaccia di FGBib

Donna e fonte nella poesia popolare (2)

Fontana Maggiore (particolare) - Perugia
Fontana Maggiore (particolare) – Perugia

Il primo post Fontegaia ~ La donna alla fonte si trova qui. Proseguiamo:

Nausicaa viene avvertita in sogno da Atena che arriverà presto per lei il momento del matrimonio: “Dunque i bei panni, come il cielo imbianchi, / Vadasi a por nell’onda”; la fanciulla segue svelta i consigli della Dea e si reca dal padre: “E stringendosi a lui: -Babbo mio dolce, / Non vuoi tu farmi apparecchiar-, gli disse, / -L’eccelso carro dalle lievi ruote, / Acciocche le neglette io rechi al fiume / Vesti oscurate, e nitide le torni?- (Odissea, VI, 46-47 e 83-87; trad. I. Pindemonte). Dopo aver banchettato sulla riva del fiume, lavato i panni e fatto il bagno, Nausicaa e le sue ancelle giocano a palla; e allora che giunge Ulisse.

Continuer la lecture de Donna e fonte nella poesia popolare (2)

Cinquecento digitale a Grenoble: tra Luigi Alamanni e Henri Hauvette

All’interno della Bibliothèque numerique di Fonte Gaia troviamo quattro testi italiani del Cinquecento, appartenenti al Fonds ancien conservato presso la Bibliotèque Universitaire di Grenoble, di cui tre, a mio parere, simbolicamente significativi e funzionali a un progetto che si pone tra i suoi obiettivi quello di diventare pian piano una piattaforma di riferimento per gli italianisti, mettendo a frutto gli scambi e gli studi che contaminano ambito italiano e francese, aprendosi au monde entier, in prospettiva digitale. Si tratta della bella edizione bilingue del Cortigano di Castiglione, Le Parfait courtisan, tradotto da Gabriel Chapuis, e pubblicato a Parigi nel 1585, e di due opere del poeta fiorentino, esiliato in Francia alla corte del re Francesco I, Luigi Alamanni: il poema cavalleresco Girone il Cortese dedicato a re Enrico II (Calderio, Parigi 1548) e il poema omerico l’Avarchide (Giunti, Firenze 1570), pubblicato postumo dal figlio Battista, in onore di Madama Margherita di Francia duchessa di Savoia e di Berri, come richiestogli dal padre in punto di morte.

Continuer la lecture de Cinquecento digitale a Grenoble: tra Luigi Alamanni e Henri Hauvette