Archives de catégorie : Billets

Les idées du théâtre de la Renaissance et de la première modernité chez nous !

Du 8 au 11 juillet 2015 à Chambéry et à Grenoble s’est clos un grand projet commencé il y a quatre ans. Le projet IDT « Les idées du théâtre » est porté par quatre laboratoires : le LLS de l’Université de Savoie (leader), l’ILCEA de l’Université Grenoble 3, le CELEC de l’Université de Saint-Étienne et le CELLF de l’Université de Paris-Sorbonne. De plus, le projet bénéficie du soutien des deux grandes bibliothèques la Biblioteca Nacional de España et la Bibliothèque Nationale de France.

En gros le projet propose « une réflexion sur les textes liminaires placés en tête des pièces françaises, italiennes et espagnoles des XVIe et XVIIe siècles — préfaces, dédicaces, etc. — susceptibles de mettre en évidence la construction et la circulation des « idées du théâtre » en Europe, de la Renaissance à l’âge classique.   Continuer la lecture de Les idées du théâtre de la Renaissance et de la première modernité chez nous !

L’italianistica d’Oltreoceano a Sorrento

Nella splendida cornice della costiera sorrentina si è tenuta dal 19 al 21 giugno scorsi la conferenza della Canadian Society for Italian Studies. Perfettamente organizzata di concerto con l’istituto Sant’Anna di Sorrento, leader nel settore dell’insegnamento delle lingue, l’intensa tre giorni ha riunito studiosi da ogni parte del mondo: qualcuno è venuto addirittura dalla lontana Australia per partecipare a questo evento che si è confermato un appuntamento prestigioso per fare il punto sull’italianistica d’Oltreoceano.

Sono state moltissime le tematiche toccate. Il teatro contemporaneo, il giornalismo e l’insegnamento sono stati tra i temi che hanno animato il dibattito, e non sono ovviamente mancati panel di argomento schiettamente letterario, dedicati per esempio alla scrittura autobiografica e di viaggio. Un ruolo di primo piano è stato rivestito dagli studi di genere, a conferma che questo settore disciplinare sta conoscendo uno sviluppo e un approfondimento senza precedenti anche nel campo dell’italianistica, soprattutto nel mondo anglosassone. Particolarmente emozionante a questo proposito, oltre ai vari panel organizzati e distribuiti nelle varie sessioni, è stato l’intervento di Lorella Zanardo, scrittrice e attivista, autrice del documentario Il corpo delle donne, che ha avuto una risonanza mondiale, ponendo in primo piano il problema di come i media usano l’immagine del corpo femminile.

Anche le Digital Humanities hanno avuto uno spazio non piccolo, con un panel tematico sugli Italian Studies in the Digital Age, più decisamente orientato sul piano della didattica, e soprattutto con numerosi interventi che in vario modo hanno portato l’attenzione, soprattutto dei giovani ricercatori, sull’importanza che l’Informatica Umanistica inizia ad avere nel mondo della ricerca anche in seno agli Italian Studies. Il messaggio è stato chiaro: il futuro della disciplina passa anche da qui, dall’approfondimento e dallo sviluppo della ricerca nell’ambito della filologia digitale e del moderno approccio alla codifica dei testi. Il settore, poi, è in grande espansione in Canada: moltissimi progetti stanno partendo e altri sono in cantiere. In questo contesto di fruttuoso scambio di idee e opinioni, c’è stato modo anche di scambiare qualche battuta sul progetto Fontegaia con la presidentessa della CSIS Sandra Parmegiani, che si è detta molto interessata a conoscere gli sviluppi e le attività della nostra rete, oltre che disponibile a future collaborazioni.

Per un’idea sulle attività della CSIS, è possibile visitare il sito http://canadiansocietyforitalianstudies.camp7.org/

Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

[by Luciano Longo, Elena Spadini, Monica Zanardo]

Il Lexicon of Scholarly Editing nasce nel 2012, da un’iniziativa della European Society for Textual Scholarship (ESTS) e del Centre for Manuscript Genetics dell’Università di Antwerp. Lo scopo è quello di raccogliere termini e concetti chiave della critica testuale. La sfida, in particolare, è il multilinguismo, attraverso il quale si vogliono mettere una accanto all’altra, facendole reagire, tradizioni filologiche distinte. Scrive Dirk Van Hulle, allora presidente dell’ESTS:

Given the divergence of traditions, languages and contexts, such an undertaking is almost ‘doomed to fail’ from the start – to quote Samuel Beckett.

A poco più di due anni di distanza, il Lexicon non solo non ha fallito, ma si rivela una risorsa di prima qualità per chi lavora nel campo dell’edizione e non solo. Sotto la direzione di Van Hulle, il Lexicon è stato costruito e constantemente aggiornato da Wout Dillen, uno dei dottorandi (a brevissimo dottore) del Centre for Manuscript Genetics. Consta oggi di 400 entrate e di 770 definizioni. Caratteristica peculiare alle risorse digitali, il Lexicon è in constante crescita. Così come il numero dei suoi collaboratori!

Fin dalla prima riunione di Fontegaia si è parlato di una possibile collaborazione tra il nostro progetto e il Lexicon. L’obiettivo è cominciare a colmare una lacuna importante, che colpisce la conoscenza della critica testuale italiana all’estero.

LSE_2015-07-02
Definizioni nel Lexicon per lingua, aggiornato al 02/07/2015.

Continuer la lecture de Una nuova FONTE per il Lexicon of Scholarly Editing: GAIA!

Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Nel 1937 Gianfranco Contini, in risposta all’imperante crocianesimo, scriveva:

Photo Guillaume Brialon, Licence CC BY NC SA, non modifiée, Source: FlickrChe significato hanno per il critico i manoscritti corretti degli autori? Vi sono essenzialmente due modi di considerare un’opera di poesia: v’è un modo, per così dire, statico, che vi ragiona attorno come un oggetto o risultato, e in definitiva riesce a una descrizione caratterizzante; e vi è un modo dinamico, che la vede quale opera umana o lavoro in fieri, e tende a rappresentarne drammaticamente la vita dialettica. Il primo stima l’opera poetica un “valore”; il secondo, una perenne “approssimazione al valore” e potrebbe definirsi, rispetto a quel primo e assoluto modo, un modo, in senso altissimo, “pedagogico”. È a questa considerazione pedagogica dell’arte che spetta l’interesse delle redazioni successive e delle varianti d’autore […].  (G. Contini, Come lavorava l’Ariosto, in Esercizi di lettura, Einaudi, Torino, 1982, p. 233)

Potremmo partire da Contini per riflettere (senza pretese normative!), se e come la filologia, e soprattutto un suo connotato, la “variante”, possa essere uno dei metodi per l’insegnamento della letteratura a scuola, e in che misura il digitale possa costituire un ‘tramite pedagogico forte’. Con questo non si vuole affermare che al liceo gli studenti debbano studiare filologia, ma forse si rende necessario un cambiamento di rotta metodologica e pedagogica nello studio della scrittura degli autori. Dico scrittura, e non storia delle interpretazioni di testi letterari considerati ‘falsamente finiti’! Il testo è “approssimazione al valore”!

Continuer la lecture de Varianti pedagogiche, edizioni digitali, Matteo e mio nipote di 15 anni

Saperi umanistici e contemporaneità: convegno per dottorandi Palermo 17-18 settembre

Nato da un’idea di Luciano Longo e di un gruppo di giovani colleghi palermitani, si terrà all’Università degli studi di Palermo il 17 e il 18 settembre un convegno internazionale rivolto a dottorandi sul tema “Saperi umanistici e contemporaneità”.

Nel tentativo di reagire a una deriva consolidata che relega letteratura, linguistica, filologia, antichistica e storia nell’angolo di una sterile autoreferenzialità, il convegno vuole rappresentare un fertile momento di scambio e dialogo utile alla messa in campo di metodologie di studio e didattica, strumenti e oggetti di ricerca che sappiano restituire in maniera innovativa il significato dei saperi umanistici oggi.

Continuer la lecture de Saperi umanistici e contemporaneità: convegno per dottorandi Palermo 17-18 settembre

Elsa Morante, marraine de la « Biblioteca Nazionale Centrale di Roma »

La personnalité littéraire et humaine de l’écrivaine italienne Elsa Morante (1912-1985) est intimement liée à la ville de Rome où elle a passé toute sa vie, et où elle a écrit (et en partie situé) ses chefs-d’œuvre. Rome est unelsa lieu incontournable pour ceux qui s’intéressent à Elsa Morante : comme elle le souhaitait, au lendemain de sa mort, ses héritiérs, Carlo Cecchi et Daniele Morante, ont légué tous ses manuscrits à la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (BNCR) qui, tout au long de ces vingt dernières années, a rassemblé et valorisé cette précieuse archive.

Continuer la lecture de Elsa Morante, marraine de la « Biblioteca Nazionale Centrale di Roma »

Borsa di dottorato per lo sviluppo dell’interfaccia di FGBib

[version française en bas] [english version below]

Titolo: Biblioteche interattive: gli utenti e le loro interfacce.

Parole chiave: Digital Humanities, interfacce web collaborative, Linguistica computazionale, biblioteche digitali, user studies

Località: Grenoble

Finanziamento: Università di Grenoble Alpes (indennità ministeriale, stipendio lordo € 1.684,93 mensili)

Relatori: Elena Pierazzo (GERCI), Hervé Blanchon (LIG)

Periodo: inizio della tesi in Ottobre 2015

Lingue di lavoro: francese e/o inglese; la conoscenza dell’italiano sarà un vantaggio

Istruzioni per i candidati: I candidati devono presentare le loro domande (CV, lettera di accompagnamento, certificati di laurea con voti (laurea triennale e specialistica), lettere di raccomandazione, il prima possibile, e comunque entro il 20 luglio, via email a elena.pierazzo [ at ] u-grenoble3.fr e herve.blanchon [at ] imag.fr.

Continuer la lecture de Borsa di dottorato per lo sviluppo dell’interfaccia di FGBib

Donna e fonte nella poesia popolare (2)

Fontana Maggiore (particolare) - Perugia
Fontana Maggiore (particolare) – Perugia

Il primo post Fontegaia ~ La donna alla fonte si trova qui. Proseguiamo:

Nausicaa viene avvertita in sogno da Atena che arriverà presto per lei il momento del matrimonio: “Dunque i bei panni, come il cielo imbianchi, / Vadasi a por nell’onda”; la fanciulla segue svelta i consigli della Dea e si reca dal padre: “E stringendosi a lui: -Babbo mio dolce, / Non vuoi tu farmi apparecchiar-, gli disse, / -L’eccelso carro dalle lievi ruote, / Acciocche le neglette io rechi al fiume / Vesti oscurate, e nitide le torni?- (Odissea, VI, 46-47 e 83-87; trad. I. Pindemonte). Dopo aver banchettato sulla riva del fiume, lavato i panni e fatto il bagno, Nausicaa e le sue ancelle giocano a palla; e allora che giunge Ulisse.

Continuer la lecture de Donna e fonte nella poesia popolare (2)

Cinquecento digitale a Grenoble: tra Luigi Alamanni e Henri Hauvette

All’interno della Bibliothèque numerique di Fonte Gaia troviamo quattro testi italiani del Cinquecento, appartenenti al Fonds ancien conservato presso la Bibliotèque Universitaire di Grenoble, di cui tre, a mio parere, simbolicamente significativi e funzionali a un progetto che si pone tra i suoi obiettivi quello di diventare pian piano una piattaforma di riferimento per gli italianisti, mettendo a frutto gli scambi e gli studi che contaminano ambito italiano e francese, aprendosi au monde entier, in prospettiva digitale. Si tratta della bella edizione bilingue del Cortigano di Castiglione, Le Parfait courtisan, tradotto da Gabriel Chapuis, e pubblicato a Parigi nel 1585, e di due opere del poeta fiorentino, esiliato in Francia alla corte del re Francesco I, Luigi Alamanni: il poema cavalleresco Girone il Cortese dedicato a re Enrico II (Calderio, Parigi 1548) e il poema omerico l’Avarchide (Giunti, Firenze 1570), pubblicato postumo dal figlio Battista, in onore di Madama Margherita di Francia duchessa di Savoia e di Berri, come richiestogli dal padre in punto di morte.

Continuer la lecture de Cinquecento digitale a Grenoble: tra Luigi Alamanni e Henri Hauvette

Nasce all’ITEM un gruppo di ricerca dedicato ai manoscritti italiani

Per i filologi e gli studiosi del Settecento italiano s’impone da oggi un nuovo, prestigioso, interlocutore: l’ITEM (Institut des Textes & Manuscrits Modernes). L’Istituto parigino, culla della critique génétique e polo internazionale di eccellenza per lo studio dei manoscritti, apre ufficialmente le porte all’italianistica, con l’istituzione di un gruppo di ricerca interamente dedicato ai manoscritti italiani del Settecento. Il polo di ricerca, promosso e diretto da Christian Del Vento, si ritaglia una nicchia privilegiata all’interno del più ampio asse settecentista (l’Équipe écritures du XVIIIe siècle) coordinato da Nathalie Ferrand. Continuer la lecture de Nasce all’ITEM un gruppo di ricerca dedicato ai manoscritti italiani

Le workshop en images

Le workshop FGBlog qui a eu lieu les 9 et 10 avril 2015 a constitué l’acte de naissance de Fonte Gaia Blog. Au cours de ces journées, l’origine et l’avenir du projet Fonte Gaia ont été présentés à l’équipe des bloggers.

Vous n’avez pas pu assister au workshop ? Nous vous proposons d’en découvrir les temps forts à travers plusieurs vidéos :

Continuer la lecture de Le workshop en images

Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

L’ascesa continua e prodigiosa che sta vivendo il settore delle Digital Humanities è un fenomeno che ha iniziato solo in tempi piuttosto recenti a interessare in maniera decisa l’ambiente accademico italiano, il quale fino a qualche tempo fa rimaneva defilato rispetto al vorticoso progresso cui stava andando incontro la disciplina. Il ruolo per lungo tempo marginale dell’Italia nella ricerca e nello sviluppo in seno all’Informatica Umanistica appare quantomeno paradossale se si pensa al fatto che essa affonda le sue radici nell’operato e nell’intuizione proprio di un italiano, Padre Roberto Busa.

Nato a Vicenza nel 1913, gesuita, Padre Busa è oggi considerato il padre della linguistica computazionale, grazie alla monumentale opera filologica e classificatoria condotta sugli scritti di Tommaso d’Aquino, che ha portato alla creazione dell’Index Thomisticus, vale a dire l’indicizzazione completa di tutte le occorrenze di ogni singolo lemma usato nelle opere di Tommaso d’Aquino.

Continuer la lecture de Le radici delle Digital Humanities: l’opera di Padre Roberto Busa

Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

Lacerba rivistaFra i tanti vantaggi che l’umanistica informatica comporta c’è anche quello, non secondario, di regalarci il lusso (fino a poco fa impensabile per chiunque) di essere “viaggiatori sedentari” ovvero avere accesso alle ricchezze custodite in fondi o archivi remoti comodamente seduti in poltrona, o mentre si è in viaggio, appunto.

E se fra le risorse a nostra disposizione non ci fossero solo libri ma anche riviste illustrate? Per studiosi o semplici amanti di revues fin de siècle, la possibilità c’è, ed è stata realizzata dal Centro Apice (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale) dell’università Statale di Milano che ha realizzato – grazie al finanziamento della Regione Lombardia – il Progetto Marengo.
Il Centro Apice nasce nel 2002 allo scopo di custodire – e rendere fruibili – fondi bibliografici di particolare pregio come gli archivi di alcune importanti case editrici (il Fondo Bompiani o BUR Rizzoli), nonché gli autografi di scrittori e artisti (solo per citare un esempio tra i tanti, ricordiamo almeno il Fondo Giudici che conserva i manoscritti, i dattiloscritti e la corrispondenza del poeta).
Fra le tante ricchezze possedute c’è, appunto, il Fondo Pietro Marengo (ex direttore editoriale dell’UTET), una pregevole collezione delle più importanti riviste italiane (dalla storica “Lacerba » al “Politecnico” di Vittorini) ed europee (“Assiette au Beurre”, “Simplicissimus”, “La caricature” di Albert Robida e “Verve”).
Proprio per valorizzare questo Fondo prende avvio, nel 2002, il progetto Marengo che ha come obiettivo la digitalizzazione di buona parte delle riviste conservate nel suo archivio.

Per saperne di più sul processo di digitalizzazione, ho posto qualche domanda a Marta Sironi che ha seguito alcune delle fasi di realizzazione del Progetto:

Continuer la lecture de Immagini dal Fondo. Il progetto Marengo

Let us pop!

La primavera 2015 vede sbocciare le prime iniziative legate a un progetto che già da alcuni mesi si sta sviluppando tra più università a cavallo di diversi paesi europei. Un gruppo di giovani ricercatori e dottorandi, sparsi tra Francia, Italia, Gran Bretagna, molti dei quali animano anche le pagine di questo blog, hanno deciso di mettere insieme le loro energie per riflettere sulla riscrittura proposta da forme di cultura popolare ma non soltanto, del cosiddetto canone letterario italiano.

Cercando di spaziare dalla fan fiction al cinema di genere e alle serie televisive, passando per fumetti e graphic novels, senza dimenticare la musica, i giochi di società e i videogiochi, l’ambizione è quella di proporre una mappatura dell’immaginario collettivo contemporaneo in quanto segnato da suggestioni provenienti dalla storia letteraria italiana, da suoi libri e scrittori. Seguendo logicamente un percorso cronologico, la prima tappa del progetto intende interrogarsi su diverse modalità secondo cui il Medioevo fornisce temi e concetti per riscritture e adattamenti contemporanei. A questo proposito, ci troviamo oggi di fronte a un revival medievale che, se da un lato si inscrive all’interno di una serie di tentativi non dissimili di cui si ha traccia già nell’Europa del Settecento, dall’altro se ne differenzia per l’ampliamento del pubblico da esso raggiunto. Tali questioni sembrano informare più ampiamente lo spirito del tempo, come suggeriscono iniziative quali i congressi di Berlino e di Saint-Etienne.

I fiori primaverili di cui sopra prendono la forma di due panel presentati dal gruppo di lavoro italo-franco-britannico al congresso annuale dell’AATI, l’associazione americana degli insegnanti di italiano, che si terrà a Siena dal 22 al 26 giugno prossimi. Si spera che a essi se ne intreccino presto degli altri. Questo post vuole anche essere un tentativo di allargamento del gruppo di lavoro a tutti gli interessati, che preghiamo in caso di contattare Filippo Fonio (filippo.fonio [at] u-grenoble3.fr) o Alessandro Martini (alessandro.martini [at] univ-lyon3.fr).

Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]

Spazi di discussione

https://www.flickr.com/photos/hiperactivo/3644097750/in/photolist-6y1Xiy-4otN88-pQEoZX-pw4PdU-azqTLn-4c5m3N-f26Na1-5yKhr9-aro17S-2zt4TX-hRGcg-8TgahE-hRJHf-hRJJh-2hhZhc-arkkAT-7AA9Jn-arkk9k-arBcUu-arkknc-37rSyT-aryzpk-7LdntQ-pxQQum-f26Mwm-f1RCRZ-dWgHzS-f26Rgd-f1RyB2-f1RwRx-f26Kzw-ohjLZu-f1RBKF-f26PcQ-q4o2sX-oAYVjd-hRGdw-hRGcX-pF9YMH-aryBBg-8JUkPn-6vAzUQ-hRJFM-8JXosG-f26LiS-8JXovf-8JXotq-8JXorU-pQ2Nzi-aryXDX

 

Chi rimpiangerà i vecchi tempi sarà inesorabilmente schiacciato dalla voglia di robot che dilagherà nei giovani.

(Giuseppe Gigliozzi)

 

Rispondo volentieri ai quesiti posti da Debora Barattin nel post precedente: mi sento in qualche modo chiamata in causa non come dalla definizione dataci dalla stessa di « collega ‘digital' », quanto piuttosto da chi occupandosi da anni di informatica umanistica, sente il bisogno di riportare qualche riflessione a riguardo. È possibile che sia “colpa della disgregazione dell’uomo rinascimentale, magari sarà colpa della specializzazione richiesta dalla società contemporanea” (Gigliozzi, 2003) come scrive Giuseppe Gigliozzi, studioso e pioniere dell’informatica umanistica in Italia, quando esordisce in uno dei primi manuali sull’argomento, sta di fatto che la tecnologia informatica ha influenzato le pratiche e le metodologie nella trasmissione della conoscenza e dell’informazione. Un processo innovativo che ha alterato i nostri paradigmi del pensiero, dell’immaginario o, più in generale, dell’agire umano.

E sebbene la rivoluzione digitale stia condizionando interamente le nostre vite e abbia palesemente influenzato la ricerca, l’insegnamento, l’apprendimento e gli strumenti con cui lavoriamo quotidianamente, ancora oggi, nei dipartimenti di scienze umane, prevale un certo scetticismo verso chi si occupi di informatica umanistica. D’altro canto, invece, recentemente si sta vedendo una proliferazione di progetti di ricerca in ambito umanistico con un’ampia parte dedicata alla digitalizzazione (da database a mappature tematiche), quasi tappa obbligatoria per avere fondi di ricerca. Lascio da parte il tono polemico concentrandomi in questo mio primo scritto soltanto su alcune questioni di metodo sviluppate all’interno di questa nuova disciplina promettendo altri interventi a riguardo non soltanto per la vastità del tema ma soprattutto per l’interesse che mi ha spinto per anni a mettere in relazione la letteratura e le teorie letterarie con i linguaggi formali. Continuer la lecture de Cosa ne pensiamo dell’Informatica umanistica? [2]